NEWS

Calciomercato invernale 2016   di Luigi Rezzuti   Si è concluso, da appena un mese, il girone di andata del campionato italiano di calcio ed è subito...
continua...
“L’UOMO NELLA STORIA”   Giovedì 14 dicembre 2017, alle ore 19,00 la ModartGallery di SABINALBANO, salita Vetriera, 15 Napoli, presenta la mostra...
continua...
SARRI ALLA JUVE   di Luigi Rezzuti   Quest’estate, oltre alle consuete incognite del  calciomercato, ci sono state anche dell novità per alcune...
continua...
Il valore della formazione   di Gabriella Pagnotta   Questo articolo è rivolto a chi, come me, vive le richieste, da una parte, di una scuola alla...
continua...
Maggio dei monumenti 2020 a Napoli   a cura di Luigi Rezzuti   Si rinnova il fantastico appuntamento del “Maggio dei Monumenti”, un evento che...
continua...
ANTONIO BERTE’ UN ARTISTA CONTEMPORANEO NAPOLETANO   di Luigi Rezzuti   Torre Caselli è un edificio abbandonato, che versa in pessime condizioni in...
continua...
L’intramontabile fascino della dieta mediterranea   di Laura Coluccio *   Maggio e giugno, antichi nemici della tavola e grandi amici di diete e...
continua...
“ULTIMO TOCCO”   Mercoledì 23 marzo 2016, alle ore 18, nella sede della Fondazione Humaniter (piazza Vanvitelli, 15 - Napoli - I piano, aula 11),...
continua...
TEATRO BOLIVAR - start up stagione 2016/2017   DUETTI 200 grammi di teatro a sera direzione artistica Ettore Nigro e David Jentgens   29|30...
continua...
Al Festival Ethnoi “La Banda della Ricetta” in concerto   di Claudia Bonasi   Si è appena chiuso “Ethnoi” - Festival delle culture del mondo e delle...
continua...

Miti napoletani di oggi.17

LA TANGENZIALE

 

di Sergio Zazzera

 


Correva l’anno 1853, quando Ferdinando II commissionò all’architetto Errico Alvino il progetto per la realizzazione di un collegamento viario veloce tra la zona orientale di Napoli e quella occidentale, che corresse alle pendici della collina di San Martino, proprio dove le fonti iconografiche attestano che fosse posto l’originario confine superiore della città, segnato dalla cinta muraria. Anzi, con un rescritto del 31 maggio 1853 il monarca dettò anche una serie di prescrizioni in materia di tutela paesistica, vietando, fra l’altro, l’edificazione lungo il lato a valle di quella strada; prescrizioni poi puntualmente disattese nei fatti. Fu così che la capitale del Regno del Sud ebbe, quale sua prima “tangenziale”, il “corso Maria Teresa”, così denominato in onore di Maria Teresa d’Asburgo Lorena, seconda moglie del re. E, mutato il nome in “corso Vittorio Emanuele” dopo l’Unità d’Italia, quella strada assolse il proprio compito con dignità per lungo tempo, poiché il volume di traffico della città si mantenne sostanzialmente invariato per decenni, anche dopo l’urbanizzazione della collina del Vomero.

Col trascorrere del tempo, però, e soprattutto dopo il secondo dopoguerra, l’incremento di quel traffico si manifestò in maniera sempre più incalzante, al punto che nel 1968 fu decisa la realizzazione della Tangenziale est-ovest di Napoli, il cui primo tratto fu inaugurato quattro anni dopo, mentre il completamento si ebbe soltanto nel 1992. Ma questa volta il progetto non fu ispirato da una lungimiranza analoga a quella dell’opera precedente, poiché non fu tenuto in alcuna considerazione il carattere esponenziale della crescita del traffico, reso già evidente dai fatti, mentre alcuni svincoli (e particolarmente quelli di Vomero, Camaldoli e Arenella) furono aperti in pieno centro abitato, così che la confluenza dei veicoli in uscita nel flusso di circolazione urbana è venuta a determinare l’intasamento di quelle uscite. Per non dire dell’estrema pericolosità dello svincolo della Zona ospedaliera, posto immediatamente a ridosso dell’ingresso dell’Arenella, con conseguente taglio reciproco delle due correnti di traffico.

Dov’è, dunque, il “mito” della Tangenziale, ovvero il suo falso linguaggio? Senz’alcun dubbio, nell’averne sbandierato la potenzialità liberatoria della rete viaria urbana dalla morsa della circolazione veicolare – peraltro, realizzatasi realmente soltanto in parte –, senza considerare che l’eccessiva “tangenzialità” dell’arteria a centri di elevata densità abitativa avrebbe respinto – com’è in realtà accaduto – verso la stessa, a mo’ di tappo, il volume di veicoli in uscita, provocando anche il rallentamento del flusso di quelli che continuavano a percorrerla.

BilerChildrenLeg og SpilAutobranchen