NEWS

Spigolature   di Luciano Scateni   Ma Vespa non è poi così insostituibile Parla a vanvera chi della Rai ha percezione, dal divano di casa,...
continua...
Tra arte e natura. Sabato a Castel Gandolfo   di Luigi Rezzuti   Anche se con notevole ritardo, ho saputo di poter visitare Castel Gandolfo, partendo...
continua...
Antichi giardini di ville campane   di Antonio La Gala   Spesso nel visitare qualche antica villa napoletana o campana restiamo colpiti dal...
continua...
Miti napoletani di oggi.70 LE “PARENTI DI SAN GENNARO”   di Sergio Zazzera   Per “totem” – giova ribadirlo – s’intende l’animale, la pianta o...
continua...
Riceviamo e pubblichiamo   L’ Associazione lucana “Giustino Fortunato” è lieta di comunicare che, in occasione della collocazione del proprio...
continua...
NATALE AL VOMERO   di Luigi Rezzuti   Natale è alle porte e, come ogni anno, si pone il dilemma: albero di Natale con i suoi lampioncini, i  nastri...
continua...
I “Colloqui di Salerno” 2016   di Claudia Bonasi   Si terrà martedì 18 ottobre, alle ore 11, nella Sala Giunta del Comune di Salerno, la conferenza...
continua...
SALERNUM WINE FORUM       Un modello previsionale, elaborato da un gruppo di ricercatori, ha stimato i possibili impatti del cambiamento climatico...
continua...
Miti napoletani di oggi.58 IL CORTEO FUNEBRE   di Sergio Zazzera   Un mattino qualsiasi di un giorno qualsiasi, in una strada qualsiasi di un...
continua...
NAPOLI CAMPIONE D’INVERNO   di Luigi Rezzuti   Solo per la squadra del Napoli  il 2017 non ha portato sfortuna, anzi ha dimostrato che la forza dei...
continua...

IL CAMMINO DEL NAPOLI IN CAMPIONATO

CHAMPIONS E COPPA ITALIA

 

di Luigi Rezzuti

 

Eliminati dalla Champions League, abbandonata l’idea dello scudetto, non ci restava che vincere la Coppa Italia  e poi raggiungere e superare la Roma.

Purtroppo, però, in campionato contro le squadre dette minori andiamo in difficoltà.

Queste squadre che, sulla carta, sembrano abbordabili si dimostrano una volta in campo le più difficili da affrontare, infatti giocano sempre la partita della vita mettendo in serie difficoltà il Napoli, vedi le gare del girone di andata con il Sassuolo, il Parma, l’Udinese, il Cagliari e non ultima quelle del girone di ritorno con il  Bologna e con il Chievo.

In questa ultima partita i calciatori del Napoli sembravano dei veri brocchi.

nel Napoli si predica di pensare partita dopo partita e, sembrerebbe anche giusto, però ci domandiamo ma i calciatori del Napoli cosa pensavano? avevano la testa in tutt’altre faccende affaccendati? sbagliavano passaggi elementari, sbagliavano gol fatti, insomma un vero e proprio disastro.

Forse non sarebbe ora che Rafa Benitez diventasse più severo non concedenda giornate di relax ma qualche ritiro per meglio meditare e concentrarsi tutti insieme sugli errori commessi?

Oltre a cercare di superare la Roma, cosa quasi impossibile, bisogna guardarsi alle spalle perché la Fiorentina allenata dal bravo Montella avanza in classifica partita dopo partita.

Se a fine campionato il Napoli si classificasse al quarto posto sarebbe una stagione fallimentare.

Al mercato estivo 2013 il Napoli doveva assolutamente acquistare qualche difensore e qualche centrocampista d’esperienza e non pensare che con il solo Albion, Zuniga, Mesto, Armero Fernandez e Maggio poteva affrontare un campionato di prestigio e portare a casa qualche qualche trofeo.

Non vogliamo entrare in polemica sull’esclusione di Cannavaro, tanto la verità non la conosceremo mai e nessuno chiarisce, ma questo giocatore poteva servire all’occorrenza.

Al mercato di gennaio 2014 già si sapeva che era difficile acquistare giocatori di livello, quindi non ci resta che salvare il salvabile e al mercato estivo 2014 investire con acquisti mirati di calciatori di valore, altrimenti non andremo, ancora una volta, da nessuna parte.

E pensare che se il Napoli non avesse perso tutti questi punti nelle partite che sulla carta dovevano essere alla portata oggi sarebbero al primo posto in classifica con 57 punti e la Juve a 56.

Intanto si gioca la Coppa Italia, secondo Rafa Benitez il pareggio con il Chievo altro non è stato che un incidente di percorso ed ha caricato la squadra promettendo il massimo impegno dei calciatori per la gara di Coppa Italia tra il Napoli e la Lazio.

La sfida con la Lazio si presentava molto difficile perché Edy Reja ha dato nuova linfa pareggiando in campionato contro l’imbattibile  Juventus.

Anche per la Lazio la Coppa Italia era determinante essendo un obiettivo primario e poi anche per difendere il titolo vinto il 26 maggio scorso contro i cugini giallorossi.

Anche per il Napoli era un obiettivo importante per ritrovare quella corsa necessaria ad affrontare il prosieguo della stagione anche se mancavano giocatori come Armero, Mesto, Behrami e Zuniga e rivivere le stesse emozioni che portarono il Napoli nel 2012 alla quarta Coppa Italia della storia del Calcio Napoli.

L’arbitro della partita è stato Banti, fischietto internazionale che porta bene in quanto ha diretto tre confronti sempre con la vittoria del Napoli.

Con questa partita di Coppa Italia il Napoli chiude un mese di gennaio a corrente alternata e riapre il mese di febbraio con la trasferta con l’Atlanta, la partita in casa con il Milan e poi di nuovo in trasferta contro il Sassuolo prima di volare oltremanica per affrontare il Europa League il Swausea.

La partita Napoli Lazio di Coppa Italia è stata giocata con molta intensità da ambo le parti, il Napoli ha preso un palo su tiro di jorginho e nell’ultimo quarto d’ora è stato superiore al gioco della Lazio conquistando al 37° con  un gol di Higuain il prosieguo nella Coppa Italia.

La prossimo incontro di Coppa Italia vedrà il Napoli contro la Roma.

BilerChildrenLeg og SpilAutobranchen