NEWS

Nascita della stazione di Napoli Centrale   di Antonio La Gala   Tutti i napoletani, quelli meno giovani, per esperienza diretta, gli altri,...
continua...
IN VIAGGIO CON UN RAGAZZO NIGERIANO   di Luigi Rezzuti   Era un ragazzo di sedici anni, lo sguardo vispo, un sorriso sempre stampato sul volto. La...
continua...
A San Valentino …abbiamo tutti 20 anni   Al Museo del Mare, il 14 febbraio, non per nostalgia ma perché anche se i nostri capelli sono bianchi,...
continua...
LA JUVE VINCE LO SCUDETTO IL NAPOLI VINCE LO SCUDETTO DELL’ONESTA’   di Luigi Rezzuti   Pensavamo che calciopoli fosse davvero finita, invece sotto...
continua...
Andiamo a Teatro a cura di Marisa Pumpo Pica   “Cantare alle ossa” è l’ultimo appuntamento che, venerdì 24 maggio, alle ore 21, al Teatro Diana di...
continua...
Laura L.C. Allori, Per Amore e per (Il Nido del Gheppio edizioni)   di Nicola Garofano   Finalmente esce, con l’edizione indipendente “Il Nido del...
continua...
Miti napoletani di oggi.46   Pompei   di Sergio Zazzera   Fra i tanti esempi di urbanistica del mondo romano, pervenuti fino ai giorni nostri,...
continua...
AL SALOTTO CERINO   Salotto Cerino –  Piazzetta del Leone   Giovedì,  30 marzo, alle ore 18 “La Napoli letteraria di Francesco D’Episcopo" Con...
continua...
Parlando di chi è poeta   di Romano Rizzo (13)   Spesso mi sono chiesto che cosa ha di diverso dagli altri chi scrive poesie o ama profondamente...
continua...
The Starfish   di Nicola Garofano    “Con la testa nel delta del Mississipi, ma con i piedi ben piantati alle falde del Vesuvio”. Da questo motto...
continua...

SI E’ CONCLUSO IL CALCIOMERCATO 2014

 

di Luigi Rezzuti

 

Venerdi  31 gennaio 2014 si è definitivamente chiuso il calciomercato di gennaio. Dal primo febbraio, poi, i giocatori in scadenza di contratto al 30 giugno 2014 saranno liberi di accasarsi con altre società. Certo da questo mercato non c’era da aspettarsi grosse trattative ed invece è stato un calciomercato dove sono stati conclusi affari anche di un certo rilievo.

Il calciomercato di gennaio, però,  è stato sempre denominato un “mercato di riparazione” dove un po’ tutte le società hanno cercato di porre rimedio, di mettere qualche tassello nei punti deboli che si sono registrarti in questa prima parte del campionato.

Il Calcio Napoli è stata la prima società a concludere il trasferimento del calciatore, Gonalons per dodici milioni di euro ma all’ultimo momento il presidente  del Lione si è opposto al trasferimento.

In questi frenetici 30 gg. si sono concluse diverse operazioni, le più importanti sono:

Batos (difensore) dal Al Aim alla Roma, Honda Ramy (centrocampista) dal CSK Mosca al Milan, Jorginho (centrocampista) dal Verona al Napoli, Audujar (portiere) dal Catania al Napoli, Henrique (difensore) dal Palmeiras al Napoli, Faouzi Ghoulan, laterale sinistro dal Saint Etienne al Napoli, Cannavaro difensore dal Napoli al Sassuolo, Armero difensore dal Napoli al West Ham, Nainggolan (centrocampista) dal Cagliari alla Roma, Matri (attaccante) dal Milan alla Fiorentina, Anderson (centrocampista) dal Manchester Utd alla Fiorentina, Marilungo (Attaccante) dall’Atlanta al Cesena, Burdisso(difensore) dalla Roma al Genoa, Schelotto (centrocampista) dal Sassuolo all’Inter, Rami (difensore9 dal Valencia al Milan, D’Ambrosio (difensore) dal Torino all’Inter, Max Lopez (attaccante) dal Catania alla Sampdoria, Borriello attaccante dalla Roma al West Ham, Floccari attaccante dalla Lazio al Sassuolo,Osvaldo attaccante dal Southampton alla Juve.

Poi, è il caso di dire, si è scatenata la bufera, l’insurrezione dei tifosi interisti per l’eventuale e clamoroso scambio dei giocatori : Vucinic della Juve all’Inter e Guarin dall’inter alla Juve. Questo scambio, sulla carta, era favorevole solo per la Juve che lasciava partire un giocatore come Vucinic ormai trentenne e poco impiegato in campionato dall’allenatore Conte per assicurarsi Guarin molto più giovane ed esperto calciatore. Al club interista, però, questo sacrificio gli consentiva di ottenere una plusvalenza tra i 6 e gli 8 milioni di euro ed alienarsi all’adeguamento societario.

Dopo due giorni di vertiginosi trattative, di offerte è arrivato il definitivo no del presidente dell’Inter Erick Thohir che ha bloccato lo scambio perché non sussistevano le condizioni tecnico economiche, il conguaglio chiesto dall’Inter era di 5 milioni di euro mentre la Juventus ne offriva soltanto due. Ad impantanare la trattativa anche la protesta vibrata degli ultrà neroazzurri.                                                                                                                                                                                                                                             

BilerChildrenLeg og SpilAutobranchen