NEWS

Uno scugnizzo napoletano trasferito a Milano   di  Luigi Rezzuti   Mai nessuno mi chiamava Antonio. Sono nato a Napoli in un quartiere popolare e...
continua...
Spigolature   di Luciano Scateni   Spetta a Greta il Nobel per l’ambiente È noto soprattutto a chi teme per il futuro della Terra, messo in forse...
continua...
Miti napoletani di oggi.75 IL PRESEPE   di Sergio Zazzera   Se torno, ancora una volta, sul tema del Presepe, ciò è dovuto, essenzialmente, alla...
continua...
La tarantina - L’ultimo femminiello   di Luigi Rezzuti   Fu cacciato di casa all’età di nove anni e la sua unica scuola fu il marciapiede. Per le...
continua...
MILLE VOCI PER AMATRICE   di ANNAMARIA RICCIO   Il cuore della D’Ovidio Nicolardi questa volta batte per Amatrice. Un concerto al cinema Plaza lo...
continua...
IL FURTO DEL “CAPPELLO” DI KOUNELLIS   di Sergio Zazzera   E’ del 4 marzo la notizia del furto del “Cappello”, elemento dell’installazione...
continua...
MACCHINE DA SCRIVERE DALL’800 AD OGGI   a cura di  Luigi Rezzuti   Nell’epoca del digitale e dei computer la scrittura si è evoluta e continua ad...
continua...
PER TOTO'     (Maggio 2017)
continua...
SERGIO ZAZZERA, Broccolincollina. Fatti, figure e luoghi della collina vomerese (Napoli, Cuzzolin, 2016), pp. 200, €. 13,00.   recensione di Mimmo...
continua...
TOTONNO ’E  QUAGLIARELLE   di Luigi Rezzuti   Totonno ’e quagliarelle era un personaggio di altri tempi, un uomo tutto di un pezzo, un napoletano...
continua...

BENTORNATI MERCATINI…

 

di Sergio Zazzera

 

Domenica 2 febbraio, chiunque sia passato per piazza Immacolata, nel corso della mattinata, ha trovato una sorpresa: il mercatino della Coldiretti era stato nuovamente allestito.

Un paio di settimane fa scrivevo su questa stessa (web-)pagina una nota, intitolata: Addio mercatini, addio concorrenza, e devo dire che ci credevo, per tutta una serie di ragioni. La prima: il potere contrattuale, in termini di voto, della categoria dei commercianti; la seconda: l’economia del cartello che ha quasi completamente soppiantato quella della concorrenza; la terza: siamo ormai abituati all’idea che nel mondo politico nessuno sia disposto a sconfessare l’azione del proprio simile.

Viceversa, così non è stato: a quanto mi risulta, infatti, l’Amministrazione comunale, forse sollecitata anche dalle firme raccolte con la sottoscrizione “Difendiamo i mercatini”, ha revocato l’ordine di chiusura di questi ultimi, tanto che già uno se n’era svolto, il 26 gennaio scorso, in piazza Quattro Giornate.

Sono sicuro che a essere grate all’Amministrazione comunale per l’iniziativa adottata saranno soprattutto quelle persone e quelle famiglie, che devono fare i conti, non soltanto con l’euro, ma perfino con le sue monete divisionali. Certamente, però, analoga gratitudine sarà espressa anche da quanti, indipendentemente dalla questione economica, si erano abituati a una diversa qualità di prodotti. Bentornati, dunque, i mercatini, e bentornata, con essi, la concorrenza.

BilerChildrenLeg og SpilAutobranchen