NEWS

IN VIAGGIO CON UN RAGAZZO NIGERIANO   di Luigi Rezzuti   Era un ragazzo di sedici anni, lo sguardo vispo, un sorriso sempre stampato sul volto. La...
continua...
Paolo Ricci: falce e pennello   di Antonio La Gala     Una figura di rilievo nel panorama culturale della Napoli del Novecento è stato Paolo Ricci...
continua...
Miti napoletani di oggi.49 IL NAPOLI   di Sergio Zazzera    Devo richiamare qui, ancora una volta, l’attitudine della reiterazione del rito a...
continua...
Storia del Bambin Gesù di Gallinaro   di Luigi Rezzuti   Le sette sataniche sembrano avere, oggi più di ieri, una  rilevante forza di attrazione in...
continua...
Parlando di chi è poeta   di Romano Rizzo (13)   Spesso mi sono chiesto che cosa ha di diverso dagli altri chi scrive poesie o ama profondamente...
continua...
SEGNALIBRO a cura di Marisa Pumpo Pica   Monos di Antonio Di Nola - Oèdipus Edizioni   Spesso siamo portati a pensare che la poesia e la scienza...
continua...
GENNARINO DERUBATO DA UN BAMBINO   di Luigi Rezzuti   Gennarino sperava di godersi una stupenda mattinata sugli scogli di Mergellina, accompagnando la...
continua...
Luca Postiglione. La vita come un sogno dorato   di Antonio La Gala   Luca Postiglione (1876-1936) fu un artista - pittore e poeta - attivo nei...
continua...
COLPISCI  IL  TUO  CUORE, di Amélie Nothomb   di Luigi Alviggi   Profondo e toccante questo romanzo, decisamente una rassegna di personaggi esulanti...
continua...
Spigolature   di Luciano Scateni   Succede che razzoli male chi predica bene Ma da che dissacrante pulpito il re Mida dei comici arringa il popolo...
continua...

BENTORNATI MERCATINI…

 

di Sergio Zazzera

 

Domenica 2 febbraio, chiunque sia passato per piazza Immacolata, nel corso della mattinata, ha trovato una sorpresa: il mercatino della Coldiretti era stato nuovamente allestito.

Un paio di settimane fa scrivevo su questa stessa (web-)pagina una nota, intitolata: Addio mercatini, addio concorrenza, e devo dire che ci credevo, per tutta una serie di ragioni. La prima: il potere contrattuale, in termini di voto, della categoria dei commercianti; la seconda: l’economia del cartello che ha quasi completamente soppiantato quella della concorrenza; la terza: siamo ormai abituati all’idea che nel mondo politico nessuno sia disposto a sconfessare l’azione del proprio simile.

Viceversa, così non è stato: a quanto mi risulta, infatti, l’Amministrazione comunale, forse sollecitata anche dalle firme raccolte con la sottoscrizione “Difendiamo i mercatini”, ha revocato l’ordine di chiusura di questi ultimi, tanto che già uno se n’era svolto, il 26 gennaio scorso, in piazza Quattro Giornate.

Sono sicuro che a essere grate all’Amministrazione comunale per l’iniziativa adottata saranno soprattutto quelle persone e quelle famiglie, che devono fare i conti, non soltanto con l’euro, ma perfino con le sue monete divisionali. Certamente, però, analoga gratitudine sarà espressa anche da quanti, indipendentemente dalla questione economica, si erano abituati a una diversa qualità di prodotti. Bentornati, dunque, i mercatini, e bentornata, con essi, la concorrenza.

BilerChildrenLeg og SpilAutobranchen