NEWS

Infanzia di Giambattista Vico   di Antonio La Gala   In passato si credeva che Giambattista Vico fosse nato nella piazza dei Girolamini e lì, nel...
continua...
Donne e Madonne   Al via la quarta edizione della Mostra Concorso "Mare Mota", che avrà per oggetto il tema intrigante "Donne e Madonne" e si terrà...
continua...
LA PRIMAVERA  E’ ALLE PORTE   di Luigi Rezzuti   Se qualcuno ci chiede “Quando inizia la primavera” siamo abituati a rispondere il 21 marzo, ma non...
continua...
Miti napoletani di oggi.49 IL NAPOLI   di Sergio Zazzera    Devo richiamare qui, ancora una volta, l’attitudine della reiterazione del rito a...
continua...
CAMPIONATO DI CALCIO DI SERIE A   di Luigi Rezzuti   Anche quest’anno il campionato di calcio di Serie A, come in quelli precedenti, lo vincerà ancora...
continua...
GENNARINO DERUBATO DA UN BAMBINO   di Luigi Rezzuti   Gennarino sperava di godersi una stupenda mattinata sugli scogli di Mergellina, accompagnando la...
continua...
LA D’OVIDIO NICOLARDI, SCUOLA DI PACE E DI CAMPIONI   di Annamaria Riccio     Un altro anno scolastico si è concluso all’insegna di interessanti...
continua...
Parlanno ’e poesia 6   di Romano Rizzo   Giuseppe Capaldo Nacque a Napoli il 21 marzo del  1874 da genitori di modeste origini, che gestivano un’...
continua...
La Posillipo di Virgilio   di Antonio La Gala     Il grande poeta Publio Virgilio Marone ebbe il primo contatto con Napoli quando decise di studiare...
continua...
MOSTRA  “PARADISO E RITORNO”  DI CLARA REZZUTI AL PAN DAL 4 AL 21 MAGGIO 2017   Giovedì 4 maggio nel Loft del Pan (Palazzo delle Arti di Napoli) alle...
continua...

Miti napoletani di oggi.18

«NON C’E' VERDE»

 

di Sergio Zazzera

 


«A Napoli non c’è verde» è il leitmotiv di un luogo comune, che nell’ipotesi più benevola è espresso dalla formula secondo cui «a Napoli c’è poco verde» e che ha avuto la potenzialità di generare un vero e proprio mito, quello, cioè, di una città bella quanto si vuole, col mare, col Vesuvio, con i panorami, ma senza verde. Come tutti i miti, anche questo attende di essere sfatato, ed è ciò che vorrei provare a fare, precisando che tralascio la considerazione di tutto il verde privato, fruibile soltanto dai suoi fortunati possessori.

Quanto a quello pubblico, sarà il caso di cominciare dal parco e dal Bosco di Capodimonte, dalla Villa Floridiana, da Villa Pignatelli e da quella Comunale, per proseguire con i giardini di Palazzo Reale e del Quarto del Priore di San Martino, con l’Orto Botanico, con il Parco Virgiliano e con quelli di Camaldoli, della Mostra d’Oltremare, di Taverna del Ferro, del Poggio ai Colli Aminei, di via Nicolardi, nonché con quelli intitolati a Marco Mascagna e a Raffaele Viviani. A tutti questi si potrà aggiungere anche il Cimitero inglese di Santa Maria della Fede, aperto al pubblico già da diversi anni; né credo che questo arido catalogo sia esaustivo. In prospettiva, poi, sarà il caso di pensare (pur con tutte le riserve possibili, quanto meno in ordine ai tempi) al progettato Parco della Marinella (ex-Villa del Popolo) e al recupero dell’area ex-ILVA di Bagnoli.

Come si vede, di verde a Napoli ce n’è, e neppure tanto poco, benché un suo incremento non tornerebbe affatto sgradito. Semmai, sarà vero e proprio λόγος un discorso che abbia per oggetto la sua limitata fruibilità, tra una Floridiana, per lo più chiusa per pericolo di caduta di rami, e un Bosco di Capodimonte, ch’è il luogo ideale per commettere rapine e stupri; il che, questa volta, non è per nulla un mito, bensì una sconfortante realtà.

BilerChildrenLeg og SpilAutobranchen