NEWS

PRIMA DELL'OBLIO         (Marzo 2019)
continua...
UNA ESTATE IN FAMIGLIA   di Peppe Iannicelli   Quando le estati fanciulle finiscono è sempre troppo presto. E raramente abbiamo saputo apprezzarle...
continua...
Miti napoletani di oggi.71 MASANIELLO/-LLI   di Sergio Zazzera   Correva l’anno 1647 quando Tommaso Aniello d’Amalfi, detto “Masaniello”, pescatore...
continua...
Miti napoletani di oggi.53 LA SANITA’   di Sergio Zazzera   Non tragga in inganno il titolo: non è della tutela della salute (sul cui carattere...
continua...
SALERNUM WINE FORUM       Un modello previsionale, elaborato da un gruppo di ricercatori, ha stimato i possibili impatti del cambiamento climatico...
continua...
Parlanno ’e poesia.3   di Romano Rizzo    Non so se vi siete mai chiesto quali sono i motivi che inducono a preferire una poesia ad un’altra, un poeta...
continua...
AVERSA COMPIE 994 ANNI                                       Aversa celebra il suo 994° compleanno con una “Due giorni” organizzata dall’Associazione...
continua...
Miti napoletani di oggi.57 LA "CASA DI TONIA"   di Sergio Zazzera   Dal 2010, al civico n. 12-g di via Santa Maria degli Angeli alle Croci, a...
continua...
Come fu creata Eva   di Luigi Rezzuti     Fu tutta colpa della depressione di Adamo, il quale, non essendo contento di trovarsi nel Paradiso...
continua...
SEGNALIBRO a cura di Marisa Pumpo Pica   Napoli 3,0 Sguardi sulla città di Mariacarla Rubinacci Biblioteca dei Leoni, Castelvetrano Veneto,...
continua...

CARNEVALE SENZA SCHERZI

CARNEVALE SENZA SCHERZI

 

di Laura Colucci

 

Un’ordinanza del Sindaco ha vietato iniziative atte a festeggiare il Carnevale con modalità non sempre piacevoli.

Molti stanno tirando un respiro di sollievo nell’apprendere la tematica della nuova ordinanza “Disposizioni in materia di pulizia urbana e tutela della pubblica incolumità in occasione del Carnevale 2014”. In ottemperanza a quanto sancito è fatto divieto di: acquistare, vendere e utilizzare bombolette spray emittenti sostanze imbrattanti e urticanti, nonché imbrattare e arrecare danno a persone e cose, assumere comportamenti in luogo pubblico che possano turbare la tranquillità e minare alla salute delle persone. I trasgressori saranno puniti con una sanzione amministrativa pecuniaria che va da 200 a 400 euro, oltre alle sanzioni penali,  se applicabili. In caso di danno da parte di minori saranno i genitori o chi esercita la patria potestà a provvedere al pagamento delle stesse.

Negli anni passati si sono consumati diversi episodi sfociati in situazioni spiacevoli ai danni di malcapitate vittime, specie donne. All’uscita da scuola le ragazze difficilmente riuscivano a deviare il bersaglio di briosi maschietti che non poche volte hanno esagerato con atti di bullismo anche verso i più deboli.  Alcuni sfortunati hanno dovuto addirittura ricorrere alle cure del pronto soccorso quando, per i più svariati motivi,  gli scherzi degenerano causando, talvolta, insanabili  conseguenze.

BilerChildrenLeg og SpilAutobranchen