NEWS

QUALI “PRIMARIE”?   di Sergio Zazzera   Le “primarie” del 6 marzo scorso, finalizzate alla designazione del candidato alla carica di sindaco di...
continua...
Spigolature   di Luciano Scateni   La Cenerentola azzurra Non è la prima volta e temo che non sia l’ultima. La redazione sportiva di Repubblica deve...
continua...
Miti napoletani di oggi.49 IL NAPOLI   di Sergio Zazzera    Devo richiamare qui, ancora una volta, l’attitudine della reiterazione del rito a...
continua...
PER_FORMARE UNA COLLEZIONE   Venerdì 22 giugno alle ore 19.00 il Museo Madre inaugurerà il nuovo capitolo del progetto in progress  “Per_formare  una...
continua...
L’antica chiesa di S. Gennariello   di Antonio La Gala   La chiesa più antica del Vomero è quella di S. Gennariello, in Via Cifariello, più nota...
continua...
ATTUALITA' DEL PENSIERO CRITICO DI ROCCO MONTANO (Dicembre 2017)
continua...
QUATTRO GIORNI ALL’ELBA   di Luigi Rezzuti   Non è la trama di un film di guerra, se il lettore legge male sostituendo Elba con Alba. È semplicemente...
continua...
Parlanno 'e poesia   di Romano Rizzo   Antonino Alonge (Palermo, 20 settembre 1871 - Milano, 13 agosto 1958). Poeta e giornalista, visse a Napoli...
continua...
LA NOTTE DEI MUSEI     (Maggio 2019)
continua...
I PONTI DEL 2019   di Ilaria Rezzuti   Un nuovo anno è arrivato e vogliamo divertirci a suggerire ai lettori de “ILVOMERESE” qualche accattivante...
continua...

SALTELLIAMO…

 

di Mariacarla Rubinacci

 

Rocco Hunt: “Nu iorno buono”.

E’il cantante che si esprime attraverso lo stile hip hop, che muove l’anca e saltella. E’ il raper che ha vinto il Festival di Sanremo per il settore “giovani”.

E’ uno che “picchia”. E’ il fiume di parole dallo straordinario potere, tanto da essere paragonato al sale (quello di cucina, per intenderci) che si misura per definire un sapore. Il sapore della strada, quello della vita che si arrampica sugli specchi  e che spesso scivola in basso, ma che sempre ha la capacità e la voglia di riscatto.

E’ il parlare della strada, espresso da Rocco mentre unisce il dialetto alla lingua. Con lui la cultura nostrana fa il verso a quella americana, culture entrambe urlate, perché esprimono la verità. Rocco parla, comunica la sua verità, quella sofferta che urla per scuotere le coscienze e il suo “buono” è rappresentato dal trofeo che ha stretto fra le mani, il leone rampante testimone finalmente di ascolto. Qualcuno si era voltato sentendo il suo urlo, il suo saltello aveva inculcato il desiderio di darsi una mossa.

La musica, solitamente si dice, ha il potere di esaltare le parole, con Rocco invece è la parola che esalta la musica, fatta di cadenze ritmate che accompagnano il suo fianco saltellante. Lui “picchia” come già da tempo fa Pino Daniele: “Napule è na’ carta sporca” è urlo, è denuncia, è rap.

Con questo ormai, non più nuovo modo di fare musica e comporre canzoni, i cantautori sembra che affreschino una tela, un grande quadro dove le immagini sono in bianco e nero, nitide, ma utili perché scaturite da una descrizione accurata, in cui il dettaglio diventa testo.

Ho ascoltato Rocco Hunt. Ho gioito per la sua vittoria, perché ascoltandolo si sfoglia il suo quaderno. Un libriccino di  piccole parole, ma scritte a caratteri grandi quanto la verità che si fa leggere.

Si vive in un presente ormai avvilito, fatto di rassegnazione che sfiora l’incapacità di reagire. Non è così. Fiduciosamente è anche accecato di avvenire.

Perciò il “saltellare”, il “picchiare” forse ci aiutano ad “accalappiare” il modo perché si possa intravedere la svolta sociale di cui abbiamo bisogno.

Nu iorno buono è all’orizzonte. Saltelliamo per gioire della sua alba.

BilerChildrenLeg og SpilAutobranchen