NEWS

SI E’ CONCLUSO IL GIRONE D’ANDATA DEL CAMPIONATO DI CALCIO   di Luigi Rezzuti   Ad aggiudicarsi il girone d’andata è stata, come da previsioni, la...
continua...
Discutibili sentenze arbitrali   di Luigi Rezzuti   Ad appena otto giorni dal termine del campionato, il Napoli subisce una sonora sconfitta da...
continua...
Pazze strisce pedonali   di Annamaria Riccio   Nella logica delle cose c’è un prodotto che scaturisce da una motivazione, che ne ha indotto...
continua...
LE FORME DELLA POESIA   Da “Il tempo del vino e delle rose” riceviamo e siamo lieti di pubblicare gli eventi della settimana: 4 maggio ore 18.30:...
continua...
ALL’ARENA “SIECI” DI SCAURI: “ I CASI SONO DUE”   di Luigi Rezzuti   L’associazione Teatrale Cangiani, dopo gli strepitosi successi di pubblico e...
continua...
Spigolature   di Luciano Scateni   Chi si arricchisce con la fornitura di armi al terrorismo? Non si ha notizia di inchieste giornalistiche sulla...
continua...
La  Famiglia   di Mariacarla Rubinacci    L’argomento del giorno: la famiglia. Intorno al tema ruotano affannosamente i diritti, i doveri, gli...
continua...
Salute e Benessere           IL PEPERONCINO ROSSO PUO’ AIUTARE A FERMARE UN INFARTO   di Luigi Rezzuti   Un noto erborista americano afferma di...
continua...
Laura L.C. Allori, Per Amore e per (Il Nido del Gheppio edizioni)   di Nicola Garofano   Finalmente esce, con l’edizione indipendente “Il Nido del...
continua...
“SPUTAZZE” E “LIR’ÂRGIENTO”   di Sergio Zazzera   Per la seconda volta, la cittadina di Ercolano ha perso l’occasione di essere proclamata “Capitale...
continua...

Miti napoletani di oggi.20

LA NUOVA STAZIONE MARITTIMA PORTA DI MASSA

 

di Sergio Zazzera

 


C’era una volta il Molo Beverello, storico terminal di tutte le corse tra Napoli e le isole, oggi relegato al ruolo di scalo degli aliscafi, da quando, nel 2008, il movimento dei traghetti è stato dirottato verso la cosiddetta “Nuova Stazione marittima Porta di Massa”, realizzata attraverso il restauro e l’adattamento di un edificio destinato originariamente al deposito dei sacchi di juta adoperati come involucri delle granaglie da stivare sulle navi da carico.

Il profilo mitico del luogo è ravvisabile in molteplici elementi. Primo: la dislocazione del fabbricato, in una posizione mal servita dal trasporto pubblico. In proposito, si disse – e tuttora si continua a dire – che, quando sarà aperta la stazione Duomo della Metropolitana, un sottopasso la collegherà alla Stazione marittima; ma qui, oltre a dover fare i conti con i tempi biblici che da sempre connotano l’esecuzione di opere pubbliche a Napoli, c’è anche da prospettarsi il pericolo per l’incolumità individuale, che si correrà durante l’attraversamento di quel sottopasso, soprattutto in ore notturne (e, si badi, vi sono corse di traghetti in partenza anche alle 23 e oltre). Secondo: non sembra meritare miglior trattamento il trasporto privato, dal momento che non esistono aree di parcheggio che possano accogliere le auto di chi deve imbarcarsi, se si eccettua il piazzale della storica Stazione marittima (quella vera!), che però è abbastanza distante da Porta di Massa; né varrebbe obiettare che il collegamento fra i due luoghi è assicurato da una navetta, la quale, in realtà, sembra non avere orari di partenza certi, che garantiscano il viaggiatore dal rischio di arrivare a destinazione a traghetto salpato. Terzo: neppure chi volesse servirsi dei taxi s’imbatte in un trattamento migliore, dal momento che il numero di quelli in sosta è solitamente insufficiente e l’impossibilità di svoltare a sinistra, all’uscita dal varco dell’area portuale, costringe a compiere un lungo giro quanti fossero diretti verso la zona occidentale della città.

E dire che un tempo la Porta di Massa era associata soltanto al ricordo di Totonno â Port’’e Massa, ovvero Antonio Lubrano, non quello lì che “mi manda”, bensì il camorrista, acerrimo nemico di Salvatore De Crescenzo – Tóre ‘e Crisciénzo –; lui, sì, espressione di λόγος, vale a dire di linguaggio, pur se tristemente, vero.

BilerChildrenLeg og SpilAutobranchen