NEWS

7 marzo. Il fascino dell’immaginario, ovvero la creatività   Creatività: anche su questo indaga la Scuola di Palo Alto, prima al mondo per le ricerche...
continua...
Miti napoletani di oggi.56 IL BUGNATO DEL GESU' NUOVO   di Sergio Zazzera   La storia della trasformazione del Palazzo Sanseverino nella chiesa del...
continua...
GIANPIERO VENTURA, ALLENATORE DELLA NAZIONALE DI CALCIO ITALIANA   di Luigi Rezzuti   Gianpiero Ventura nasce il 14 gennaio del 1948 a...
continua...
SETE, di Amélie Nothomb   di Luigi Alviggi     Sorprendente e geniale l’idea fulcro dell’ultimo romanzo della Nothomb: passare la notte prima del...
continua...
UNA DONNA CHE VENDEVA  POESIE   di Luigi Rezzuti   Eravamo seduti al solito bar, in  attesa di radunarci tutti per la consueta uscita del sabato...
continua...
Premio Albatros 2016: “La Famiglia ”   Sabato 16 aprile, alle ore 10.30, in Napoli, via Mezzocannone, nella Basilica di San Giovanni Maggiore, si...
continua...
Metropolitane napoletane abortite   di Antonio La Gala     Forse non tutti sanno che Napoli stava per dotarsi di metropolitana già a fine Ottocento...
continua...
SPIGOLATURE   di Luciano Scateni   Siamo tutti Liliana   Contro minacce e insulti alla senatrice Segre tutti contro i media, quasi tutti, ma con...
continua...
AL SALOTTO CERINO   Salotto Cerino –  Piazzetta del Leone   Giovedì,  30 marzo, alle ore 18 “La Napoli letteraria di Francesco D’Episcopo" Con...
continua...
Miti napoletani di oggi.47 LE PISTE CICLABILI   di Sergio Zazzera   Se dovessi azzardarmi ad affermare che il balcone di casa mia è un palcoscenico...
continua...

Miti napoletani di oggi.20

LA NUOVA STAZIONE MARITTIMA PORTA DI MASSA

 

di Sergio Zazzera

 


C’era una volta il Molo Beverello, storico terminal di tutte le corse tra Napoli e le isole, oggi relegato al ruolo di scalo degli aliscafi, da quando, nel 2008, il movimento dei traghetti è stato dirottato verso la cosiddetta “Nuova Stazione marittima Porta di Massa”, realizzata attraverso il restauro e l’adattamento di un edificio destinato originariamente al deposito dei sacchi di juta adoperati come involucri delle granaglie da stivare sulle navi da carico.

Il profilo mitico del luogo è ravvisabile in molteplici elementi. Primo: la dislocazione del fabbricato, in una posizione mal servita dal trasporto pubblico. In proposito, si disse – e tuttora si continua a dire – che, quando sarà aperta la stazione Duomo della Metropolitana, un sottopasso la collegherà alla Stazione marittima; ma qui, oltre a dover fare i conti con i tempi biblici che da sempre connotano l’esecuzione di opere pubbliche a Napoli, c’è anche da prospettarsi il pericolo per l’incolumità individuale, che si correrà durante l’attraversamento di quel sottopasso, soprattutto in ore notturne (e, si badi, vi sono corse di traghetti in partenza anche alle 23 e oltre). Secondo: non sembra meritare miglior trattamento il trasporto privato, dal momento che non esistono aree di parcheggio che possano accogliere le auto di chi deve imbarcarsi, se si eccettua il piazzale della storica Stazione marittima (quella vera!), che però è abbastanza distante da Porta di Massa; né varrebbe obiettare che il collegamento fra i due luoghi è assicurato da una navetta, la quale, in realtà, sembra non avere orari di partenza certi, che garantiscano il viaggiatore dal rischio di arrivare a destinazione a traghetto salpato. Terzo: neppure chi volesse servirsi dei taxi s’imbatte in un trattamento migliore, dal momento che il numero di quelli in sosta è solitamente insufficiente e l’impossibilità di svoltare a sinistra, all’uscita dal varco dell’area portuale, costringe a compiere un lungo giro quanti fossero diretti verso la zona occidentale della città.

E dire che un tempo la Porta di Massa era associata soltanto al ricordo di Totonno â Port’’e Massa, ovvero Antonio Lubrano, non quello lì che “mi manda”, bensì il camorrista, acerrimo nemico di Salvatore De Crescenzo – Tóre ‘e Crisciénzo –; lui, sì, espressione di λόγος, vale a dire di linguaggio, pur se tristemente, vero.

BilerChildrenLeg og SpilAutobranchen