NEWS

Napoli e il Cinema, una simbiosi in evoluzione   di Marisa Pumpo Pica   Alcuni eventi, verificatisi di recente, hanno fatto battere più forte, in...
continua...
Per Caterina De Simone Quando un poeta muore   di Marisa Pumpo Pica   Quando un nostro amico o un socio del Centro culturale Cosmopolis, vola...
continua...
L’esilio della bellezza   di Gabriella Pagnotta   Qual è il valore del limite oggi? I limiti sono qualcosa da temere, da mantenere, da costruire o da...
continua...
Tra arte e natura. Sabato a Castel Gandolfo   di Luigi Rezzuti   Anche se con notevole ritardo, ho saputo di poter visitare Castel Gandolfo, partendo...
continua...
IO, ROBINSON CRUSOE’   di Luigi Rezzuti   Il naufrago più famoso di tutti i tempi è senza dubbio Robinson Crusoè, che fece naufragio con una nave...
continua...
Nuovo Scempio. Quando lo sport diventa crimine   di Gabriella Pagnotta   Lo scontro avviene prima che i giocatori inizino a “giocare”: un uomo...
continua...
Gli incontri della Fondazione Premio Napoli   Iniziano gli incontri della Fondazione Premio Napoli aperti alla città. Si parte l’11 marzo, alle ore...
continua...
Andiamo a Teatro   a cura di Marisa Pumpo Pica   Esilio II Stagione Mutaverso Teatro   Venerdì, 17 marzo, all’Auditorium del Centro Sociale di...
continua...
CARMINE COLELLA ALL'ASSOCIAZIONE LUCANA     La conferenza verterà su Francesco Mauro, illustre lucano di Calvello (Potenza), di cui si era persa...
continua...
ICEBERG (Ottobre 2016)
continua...

MEDEA ESISTE

MEDEA ESISTE

 

di Annamaria Riccio

 


La mia prima conoscenza con Medea la feci attraverso il film di Pasolini interpretato dalla grande Callas. A quei tempi era più facile che i miei mi portassero a vedere un film impegnato che uno della Disney.  Ero piccola, ma abbastanza grande per riflettere, specie dopo aver provato un’emozione forte. Non riuscivo a darmi  una risposta: come può una madre uccidere i suoi figli, anche se in preda all’angoscia? Alla fine pensai “Ma è tutta una finzione”. E mi consolai. Quante Medee nel corso della mia vita ho incontrato nella tv, sui giornali…ma quelle sono vere.  Ed ogni volta, non riesco più a darmi una risposta: è l’amara verità. E’ il male oscuro che prende tante, troppe madri, spesso giovani, che adottano la soluzione estrema per…proteggere? Aiutare? Vendicare? Il verbo mi è difficile da cercare. Non so se la follia, perché chi compie un simile gesto è solo un folle, può essere alimentata dalle notizie di casi precedenti e si arriva all’emulazione come ultima soluzione,  oppure… Il caso della mamma di Lecco lasciata dal marito che si era messo con una ragazza che aspettava un figlio da lui (la poverina aveva perso il suo, poco tempo prima), i genitori che avvelenano il figlio down dichiarando che lo rifarebbero, queste e tante le tragedie che in questi giorni sono alla ribalta della cronaca. La mamma di Cogne che continua a dichiararsi innocente nonostante le prove schiaccianti…no, non ci sono moventi, non c’è una logica. E’ pura follia. Non c’è e non può esistere un movente.  Esiste solo una molla che fa scattare l’irreparabile. Una mamma è amore, è protezione, è il rifugio di ogni bimbo. Forse, in questo mondo inquinato,qualcosa lede i neuroni cerebrali? E’ mai possibile difendersi da chi ci ama e ci ha generato? In un’epoca nella quale i principi morali tendono spesso a vacillare, dove i riferimenti sono tutt’altro che quelli familiari, si aggiungono questi brutti episodi che non fanno che disorientare una gioventù già precaria nei capisaldi etici, Euripide aveva purtroppo, visto giusto: la sua tragedia sarebbe stata  attuale a distanza di oltre duemila anni!

BilerChildrenLeg og SpilAutobranchen