NEWS

Il governo migliore è la speranza   di Annamaria Riccio   Affidiamo i nostri desideri agli eventi del futuro. Viviamo pensando che il dopo sarà la...
continua...
La Prima Edizione de “Il Presepe Vivente” a Boscotrecase (NA) nell’antica contrada Oratorio Una straordinaria occasione per conoscere vecchi mestieri e...
continua...
 Andiamo a Teatro a cura di Marisa Pumpo Pica    Mutaverso Teatro Al Giullare "Nella gioia e nel dolore"   Al teatro “Il Giullare” (via Vernieri,...
continua...
Parlanno ’e poesia 11   di Romano Rizzo    E. A. Mario   E. A. Mario (al secolo Giovanni Gaeta) è stato un monumento nella storia della poesia e...
continua...
CAMPIONATO DI CALCIO DI SERIE A   di Luigi Rezzuti   Ormai siamo all’ultimo giro di boa del campionato di calcio di serie A. La Juventus ha già vinto...
continua...
Miti napoletani di oggi.60 ELENA FERRANTE   di Sergio Zazzera   Ora dico una banalità. La storia e il mito sono entrambi prodotti dell’uomo: la...
continua...
"Una legge per i matti: quarantanni dopo Basaglia". Presentati i Colloqui di Salerno a cura di Vincenzo Esposito e Francesco G. Forte   di Claudia...
continua...
COLPISCI  IL  TUO  CUORE, di Amélie Nothomb   di Luigi Alviggi   Profondo e toccante questo romanzo, decisamente una rassegna di personaggi esulanti...
continua...
Tanto va la gatta al lardo… Giro di boia per il Santone Samuele   di Luigi Rezzuti   Sulle pagine de “IL VOMERESE” del mese di marzo 2016,...
continua...
Un interessante spettacolo di ERIN K   L’Associazione La Stazione & Rock Events hanno presentato, nei giorni scorsi, uno spettacolo live della...
continua...

Nuvole nere sullo stato dei giovani disoccupati

 

di Luciano Scateni

 

Sono oramai molti anni che la disoccupazione dei giovani ha superato la soglia della drammaticità. Prima della catastrofe che coinvolge ragazzi e uomini sulla soglia dell’età adulta, si diceva ed era vero che “con la determinazione giusta, una dose opportuna di buona volontà e un pizzico di fortuna, si può entrare nel mondo del lavoro in ruoli compatibili con il titolo di studio e l’orientamento formativo”. Tempi andati. In questa stagione di crisi strutturale, ci si arrovella sulla impossibilità di uscire dalla condizione di “mantenuti”, di progettare il futuro, di porre fine alla subordinazione familiare e conquistare l’indipendenza socio-economica. Con parole più crude, da anni percentuali sempre più alte di giovani disoccupati sono definite bamboccioni, figli di famiglia e appunto “mantenuti”. Succede che i genitori di ragazzi senza lavoro debbano accollarsi l’onere del loro mantenimento e il fenomeno,  certamente italiano e specialmente del Sud del Paese, si è esteso geograficamente a molti Stati europei. Si apre allora un problema che a giudicare dalla condizione di molti anziani, che nell’oro sicuramente non nuotano, si avvia a trasformare il dramma il tragedia. Il punto è che i genitori dei giovani senza lavoro non sono eterni e quando, pace all’anima loro, non ci saranno più, terminerà automaticamente la possibilità di aiutare i figli. Comunque, anche per la stragrande maggioranza dei parenti in vita non è facile aiutare figli e nipoti con le risorse minime delle pensioni. Sembra che qualche timido risultato lo abbiano ottenuto i provvedimenti concessi alle imprese con agevolazioni per chi assume un giovane a tempo indeterminato ma è pur sempre una goccia nel mare tempestoso dei disoccupati. Purtroppo, non saranno i quattordicimila assunti a sanare un bilancio impressionante, insopportabile fin d’ora e ancor più in prospettiva, allorquando per ragioni anagrafiche verranno a mancare i genitori a cui si deve la sopravvivenza dei giovani esclusi dal mondo del lavoro.

BilerChildrenLeg og SpilAutobranchen