NEWS

IO, ROBINSON CRUSOE’   di Luigi Rezzuti   Il naufrago più famoso di tutti i tempi è senza dubbio Robinson Crusoè, che fece naufragio con una nave...
continua...
Anno nuovo. Tasse e adempimenti fiscali   di Antonio Esposito   Inizia un nuovo anno, buoni propositi, oroscopo, mille incognite, una sola certezza...
continua...
ALL’ARENA “SIECI” DI SCAURI: “ I CASI SONO DUE”   di Luigi Rezzuti   L’associazione Teatrale Cangiani, dopo gli strepitosi successi di pubblico e...
continua...
Il calcio mercato del Napoli   di Luigi Rezzuti   E’ appena terminato il campionato che già si parla di calcio mercato. Il Napoli, classificatosi...
continua...
L'ARTICOLO 21 DELLA COSTITUZIONE     (Marzo 2019)
continua...
“Voi mi odiate e io per dispetto vi amo tutti”   Lunedì, 14 marzo, alle ore 18.00, presso la libreria IOCISTO’, in via Cimarosa, 20 (Piazza Fuga),...
continua...
SEGNALIBRO   a cura di Marisa Pumpo Pica   Le stagioni di una vita di Emilia Menini e Guido Parmegiani Cosmopolis Edizioni Napoli   Questo...
continua...
Eleganza   di Mariacarla Rubinacci   Finalmente ha fatto il suo trionfale ingresso la stagione calda/tiepida, dato che alcuni momenti di pioggia...
continua...
Lutto in casa Cosmopolis per la morte di Peppe Talone   di Marisa Pumpo Pica     Non è facile metabolizzare un lutto e ancor meno lo è quando il...
continua...
SALUTE E BENESSERE Una casa a misura di sonno   di Peppe Iannicelli   Un terzo della giornata per lavorare, un terzo della giornata per vivere i...
continua...

IL PIAZZALE DI S. MARTINO

di Antonio La Gala

I due monumenti più rappresentativi del Vomero, la Certosa di S.Martino e Castel Santelmo, si affacciano su uno spazio panoramico, il Piazzale di S.Martino, definito da Ernesto Murolo ”loggia ca ‘nciel fravecata sta”.

Il piazzale e il suo collegamento con Via Tito Angelini hanno assunto l’attuale assetto nel 1930, al termine di interventi che si succedevano dalla fine dell’Ottocento.

In precedenza, per accedere al complesso monumentale, si passava per un portale ricco di lapidi, stemmi, dopo il quale si trovavano muretti con feritoie per i cannoni che dominavano la città, garitte per sentinelle, viottoli per raggiungere la fortezza, davanti alla quale l’attuale zona del piazzale era circondata da una possente murazione.  La via d’accesso era un ripido sentiero stretto e tortuoso che correva fra gli spalti tufacei del castello e le costruzioni sorte sul margine opposto della via, sentiero ulteriormente ridotto nella sua parte inferiore.

Il modesto piazzale che si apriva davanti all’ingresso della Certosa, era in gran parte occupato dalla rampa d’accesso al castello, costruita in prossimità della facciata della Certosa, ed era luogo di stazionamento e manovra dei carri militari in servizio al carcere militare, funzione a cui era adibito il castello.

Con l’abbattimento delle vecchie casupole, muraglioni, bastioni, ecc. si ricavò una nuova strada lunga 215 metri e larga 15, ed il nuovo Piazzale di 66 metri per 28. La facciata della Certosa, liberata da rampe d’accesso al forte e da altre costruzioni, fu prolungata per mantenere intatta la linea originaria, e vi si ricavò una fila di botteghe.

Fino ad alcuni decenni fa a S.Martino si fermavano per l’intera giornata folle di turisti, come attesta il sorgervi di ristoranti e di numerosi negozi di souvenirs, in particolare di oggetti di corallo lavorato. Il degrado della città nel dopoguerra ha allontanato i turisti e messo in crisi le connesse attività.

Sul fondo del piazzale si trova una Chiesa costruita nel 1590 e poi ammodernata nel 1623 da Cosimo Fanzago, l’ultimo artefice della ristrutturazione della Certosa.

La chiesa viene comunemente chiamata “ la Chiesa delle donne” perché fu costruita “per dar comodità alle donne di ascoltare la Messa nel giorno festivo del Santo (S.Martino), essendo stato proibito dalla Santa memoria di Giulio secondo (il Papa) e S. Pio V, che non potessero, in virtù di licenze apostoliche, entrare nella chiesa di dentro per guadagnare l’Indulgenze; ma che quelle guadagnassero con mandar alla detta chiesa le limosine”.

All’inizio della balaustra che si affaccia sul panorama della città, comincia la scalinata della Pedamentina, una discesa che collega S.Martino con il Corso Vittorio Emanuele, dalle parti dell’ex Ospedale militare.

BilerChildrenLeg og SpilAutobranchen