NEWS

CARMINE COLELLA ALL'ASSOCIAZIONE LUCANA     La conferenza verterà su Francesco Mauro, illustre lucano di Calvello (Potenza), di cui si era persa...
continua...
Antichi giardini di ville campane   di Antonio La Gala   Spesso nel visitare qualche antica villa napoletana o campana restiamo colpiti dal...
continua...
Miti napoletani di oggi.57 LA "CASA DI TONIA"   di Sergio Zazzera   Dal 2010, al civico n. 12-g di via Santa Maria degli Angeli alle Croci, a...
continua...
TANTI AUGURI. MARADONA CHE NON TRADISCE   di Peppe Iannicelli   Napoli e Buenos Aires, il Vesuvio ed il Rio de La Plata,  i vicoli del Decumano e le...
continua...
DON ANTONIO CAFIERO   di Luigi Rezzuti     Don Antonio Cafiero era nato e vissuto nei Vergini, un quartiere di Napoli. Amava Napoli e il Napoli. Era...
continua...
LA DIFFICILE VIA DI PAPA BERGOGLIO   di Luigi   Alviggi   Jorge Mario Bergoglio, nato nel 1936, argentino di Buenos Aires, dal 13 marzo 2013 è il...
continua...
Premio letterario “Trivio” 2016 - Cerimonia di premiazione al Pan di Napoli   di Marisa Pumpo Pica   La cerimonia di premiazione della prima...
continua...
La Germania necessitata   di Marisa Pumpo   Sinossi del libro La Germania necessaria Nel 2012 la Germania non si presentava più solo quale attore...
continua...
UNA ESTATE IN FAMIGLIA   di Peppe Iannicelli   Quando le estati fanciulle finiscono è sempre troppo presto. E raramente abbiamo saputo apprezzarle...
continua...
Miti napoletani di oggi.62 L’EXTRACOMUNITARIO   di Sergio Zazzera   Il fenomeno dell’immigrazione, soprattutto dai paesi africani, è divenuto...
continua...

CULTURA E SOCIETA’

 UNA CARTA DI PAGAMENTO SOCIALMENTE UTILE

 

di Annamaria Riccio

 

Il 6 aprile a Roma, presso la Sala Conferenze Stampa della Camera dei Deputati, si

è svolta la presentazione nazionale del Progetto d’intervento Sociale denominato “Un

Centesimo per il Sociale”, promosso dall’Associazione onlus F.I.A.S (Fondazione

Internazionale Assistenza Sociale), con l’obiettivo di realizzare un grande progetto di

partecipazione sociale in grado di raccogliere e assegnare risorse da destinare alle fasce

più deboli, garantendo loro uno status di vita dignitoso.

L’evento è l’occasione per illustrare la Postepay Fias Card, la prima carta al servizio

del sociale, attraverso un meccanismo virtuoso, permanente, legato ai movimenti di

pagamento, realizzata in stretta partnership con il Gruppo Poste Italiane, che ha creduto e

sostenuto il progetto sin dall’inizio.

Inoltre, è stata esposta la finalità de Lo Sportello del Cittadino, la rete di punti di contatto

istituzionali sul territorio, che renderà più semplice l’accesso dei cittadini ai servizi (Caf,

Patronati, studi commerciali, studi legali, Assicurazioni, Mutua Assistenza.

Telecomunicazioni, guide commerciali) e faciliterà il loro rapporto con le istituzioni per

mezzo di consulenze a loro dedicate.

Ad aprire i lavori è intervenuta la Vicepresidente F.I.A.S, Nadia Gagliardi Coja, illustrando

i fondamenti dell’iniziativa che quest’oggi ha compiuto il suo primo passo ufficiale: “Il

presupposto di questo progetto si basa sulla valorizzazione del patrimonio etico fondato

sulla sacralità della persona e dei suoi diritti, sulla pari dignità umana agendo

reciprocamente in uno spirito di solidarietà”

“Per la totale trasparenza e tracciabilità dei fondi raccolti - ha sottolineato Rocco Milano,

Responsabile dei Rapporti istituzionali e delle Politiche Sociali F.I.A.S - la Fondazione ha

al suo interno due organi di controllo: quello di garanzia e quello dei revisori legali dei conti

a tutela della sua attività e del progetto”.

Siamo contenti che oggi oltre a lanciare un sistema di pagamento, partecipiamo

all’iniziativa che è anche un forte contributo sociale - ha dichiarato Walter Pinci,

Responsabile dei Sistemi di pagamento BancoPosta del Gruppo Poste Italiane - il primo

che si concretizza attraverso una carta dedicata emessa in cobranding con F.I.A.S.

Questa carta - aggiunge il Dr.Pinci - potrà essere uno strumento e un’opportunità per tutti

coloro, circa dieci milioni di italiani, che non possono avere o non possiedono un conto

corrente”.

Della stessa idea il Dg. della Direzione Generale del Terzo Settore, Formazioni Sociali

del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, Danilo Giovanni Festa: “Apprezziamo

questa iniziativa di raccolta fondi che viene a supportare le amministrazioni, nel tentativo di

ridurre la fascia di povertà che purtroppo negli ultimi anni si è allargata moltissimo”.

Durante i lavori si è parlato anche delle iniziative culturali che si svolgeranno sul territorio

italiano. Tema caro ad Adriano Coni, Responsabile Sostenibilità Segretariato Sociale –

Comunicazione e Relazioni esterne Rai, che ha tenuto a sottolineare come “la Rai segue

con molta attenzione il vasto e complesso mondo del non profit; dell’intero progetto

F.I.A.S ci hanno colpito le iniziative culturali ed editoriali in grado di far riscoprire le realtà

locali del nostro paese, avvicinare i giovani all’arte, alle culture locali, alla musica e al

cinema generando, quindi, un nuovo indotto economico”.

Antonella Salvucci, attrice e testimonial del progetto ha poi aggiunto: “Si dice che è

dovere degli artisti mettersi a disposizione di una nobile causa; oggi, io sono convinta che

tutto il mondo dell’arte e della cultura si possa mobilitare per sensibilizzare l’opinione

pubblica. Questa carta – continua - apre una nuova era che si chiama “Sociale”, un nuovo

corso della storia. Io ci ho creduto, crediamoci tutti”.

Alla conferenza sono intervenuti tra gli altri: Alessandro Belli, Presidente OSP (Obiettivo

Sistema Paese); Luciano Dragonetti, Presidente Cassa Assistenza Sanitaria Basis –

Cons. Del. Relazioni Istituzionali Mutua Basis Assistance; Giovanni De Sanctis, Direttore

Comitato di Garanzia F.I.A.S; Natalino Ventrella, Amministratore Delegato Consorzio

Mediterrae.

Oggi è nato a Roma un nuovo concetto di “Stato Sociale” equo e partecipato. Il primo vero e proprio progetto internazionale votato alle opere solidali, concrete ed attive.

BilerChildrenLeg og SpilAutobranchen