NEWS

All’asilo dalle suore   di Luigi Rezzuti   Ogni volta che Enrico si trovava davanti a quel muro scrostato, non poteva fare a meno di fermarsi e...
continua...
AL MUSEO DUCA DI MARTINA   (Febbraio 2017)
continua...
LA NOTTE DEI MUSEI     (Maggio 2019)
continua...
CLAMOROSA INCHIESTA SULLA JUVENTUS   a cura di Luigi Rezzuti   Quando dai social si è saputo che il 22 ottobre 2018 la famosissima trasmissione...
continua...
Sul Covid 19 - Una brutta storia - L’attacco a Paolo Ascierto   di Marisa Pumpo Pica   Avevamo deciso di non parlare del Covid 19 su questa pagina...
continua...
“Quello che vedo”, la webserie sull’autismo di Maurizio Casagrande, in giro per le scuole   di Marisa Pumpo Pica   La webserie “Quello che vedo”,...
continua...
UN NATALE DA FAVOLA   Domenica 18 dicembre, ore 10-13, Giardini dell'Ippodromo di Agnano, presso Mercatino Contadino, lettura di favole di Natale...
continua...
AVERSA COMPIE 994 ANNI                                       Aversa celebra il suo 994° compleanno con una “Due giorni” organizzata dall’Associazione...
continua...
Incontri tra letteratura e matematica   Fisciano, mercoledì 8, ore 15,00, Università degli studi di Salerno, Incontri tra letteratura e...
continua...
La Vesuviana di Domenico Rea   di Antonio La Gala   Domenico Rea era un frequentatore della Circumvesuviana e nelle sue opere ci ha lasciato alcune...
continua...

CULTURA IERI E OGGI

 MI MANCANO I NONNI

 

di Peppe Iannicelli

 

 Chi perde il coniuge diventa un vedovo. Chi perde i genitori è un orfano. Come si chiamano coloro che piangono la morte di un nonno ? Ho perso i miei nonni in momenti molto diversi della mia vita. Il primo ad andarsene fu nonno Gennaro, il papà di mia madre. Avevo quindici anni  e non avevo mai perso una persona cara. Mi fu molto difficile superare il trauma del distacco. Nonno Giuseppe, del quale porto il nome, ci lasciò quando avevo compiuto diciotto anni e mi preparavo all’esame di maturità. Nonna Teresa e Nonna Maria sono morte quando ormai ero adulto e con figli. Distacchi diversi e dolorosi, con una crescente sensazione di vuoto e di brusca interruzione.

I quattro nonni li ho avuti fin da bambino. Era normale averli, sempre e per sempre, accanto a me. Mai avrei immaginato di doverli perdere e troppe volte ho rinunciato a parlare con loro. Nonno Gennaro era il nonno delle caramelle che gli grondavano da una robusta giacca di contadino. Era un abile norcino; mi ha insegnato, privilegio rarissimo rispetto agli altri nipoti ritenuti inadeguati al compito, a confezionare salumi di maiale. Nonna Maria era un’eterna brontolona che invano tentava di sedare le liti e le marachelle di una pletora di cugini scatenati tra la soffitta e la cantina della sua casa in paese. Di nonno Giuseppe ricordo la tosse stizzosa e l’amore per la terra. I suoi gesti esperti nell’intrecciare i tralci di vite sembravano un rituale magico. Con nonna Teresa abbiamo tante volte riannodato il filo della memoria infantile ripescando episodi persi nella notte dei ricordi come quando andammo al mulino e perdemmo il controllo del somaro con i sacchi di farina appena macinata.

I miei cari nonni che si stupivano che il loro nipote si spaccasse la testa, frequentando il Liceo Classico,  per imparare il Latino senza “dover” diventare prete. I miei cari nonni con la loro paghetta che veniva subito “messa in commercio” ( era frase tipica di nonno Gennaro) tra il calcio balilla e le gassose del bar. I miei cari nonni con i quali non volevo mai dormire di notte poiché russavano come mantici ed avevano accanto al letto il vaso smaltato per la pipì. Nonno Giuseppe, non capiva proprio a Pasquetta che sfizio ci fosse a mangiare seduti per terra in campagna quando lui lo faceva tutti i giorni ed avrebbe voluto starsene comodamente seduto a casa. Nonna Maria che amava le sabbiature e noi nipoti la sommergevamo di sabbia, per combattere gli acciacchi dell’età. Nonna Teresa esterrefatta davanti al registratore con il quale ascoltò per la prima volta in vita sua, la sua proprio voce magnetizzata. Nonno Gennaro con due sacchi d’ulive sotto le possenti braccia.

Come si chiamano coloro che perdono un nonno ? E’ strano che la lingua italiana,pur così ricca di vocaboli, non preveda un termine proprio per una perdita così lacerante. I nonni sono le radici della nostra vita, il fragile ponte tra il nostro passato ed il futuro. I nonni sono importanti ma purtroppo ce ne accorgiamo quando non ci sono più e ci rimangono nel cuore, tra le lacrime, le mille cose che avremmo voluto domandare loro , i mille momenti che abbiamo sfuggito e sprecato, le mille parole che non abbiamo ascoltato.

Il deficit della lingua credo possa essere l’efficace metafora di una più generale rimozione degli anziani dalla vita economica, sociale, culturale e familiare nella società postmoderna. Il nostro mondo iperproduttivo vuole tutti sani, belli, efficienti. Per tutti gli altri al massimo c’è una casa di riposo o un paravento dove nascondere gli insulti dell’età. Gli anni della vita si allungano, ma la vita sfugge da questi anni sempre più vuoti di emozioni, progetti, speranze.

BilerChildrenLeg og SpilAutobranchen