NEWS

  Miti napoletani di oggi. 55 IL NUOVO SIMBOLISMO NATALIZIO   di Sergio Zazzera   Sono molte, al mondo, le città che anelano a “toccare il cielo”:...
continua...
Vincenzo Irolli: arte o commercio?    di Antonio La Gala   Vincenzo Irolli (Napoli, 1860 - 1949) scoprì la sua passione per l'arte a diciassette...
continua...
La  Famiglia   di Mariacarla Rubinacci    L’argomento del giorno: la famiglia. Intorno al tema ruotano affannosamente i diritti, i doveri, gli...
continua...
Illustri illustratori: i Matania   di Antonio La Gala   Càpita spesso di incontrare, fra gli artisti figurativi napoletani, vere dinastie. Fra i...
continua...
Miti napoletani di oggi.63 NAPOLI   di Sergio Zazzera   Sono cinque anni, ormai, che sto dedicandomi all’individuazione e alla descrizione dei...
continua...
Il calcio mercato del Napoli   di Luigi Rezzuti   E’ appena terminato il campionato che già si parla di calcio mercato. Il Napoli, classificatosi...
continua...
“Pagine” di Vincenzo Aulitto e Francesco Lucrezi     Mercoledì 13 dicembre 2017 alle ore 17 presso Movimento Aperto, via Duomo  290/c Napoli si...
continua...
IMPATTO AMBIENTALE DEL PETROLIO IN TERRA E IN MARE   Il 6 febbraio 2016, alle ore 17.00, il Museo del Mare di Napoli presenta: IMPATTO AMBIENTALE DEL...
continua...
DIANA FRANCO PER IL QUIRINALE   Il dipinto su cristallo, intitolato Terrae Motus, donato dall’artista napoletana Diana Franco al Quirinale, è esposto...
continua...
Un libro a Teatro   a cura di Marisa Pumpo Pica   Sabato, 5 marzo, alle ore 11.30, nella sala del Teatro Diana, nell’ambito della rassegna...
continua...

Miti napoletani di oggi.22

NA - USA

 

di Sergio Zazzera

 


Mio padre raccontava che la trepida attesa degli Alleati (non si sa bene di chi,), dopo il loro sbarco a Salerno, fu espressa a Napoli dalla formula: «Ma quando arrivano?», che non tardò a essere sostituita, dopo ch’essi si erano fatti conoscere, dall’altra: «Ma quando se ne vanno?». Tutto ciò avveniva oltre settant’anni fa, nel lontano 1943, e quell’arrivo fu preceduto e accompagnato da un paio di centinaia di raid aerei, con tanto di bombardamenti, che aggiunsero altri danni a quelli provocati dall’attività bellica dei tedeschi, non soltanto a strutture pubbliche, ma anche ad abitazioni private. Da allora, però, il percorso dei rapporti Napoli-U.S.A., con partenza da pane bianco, cioccolata, sigarette e chewing gum e con arrivo a Lehmann Brothers Holdings Inc. dei giorni nostri e relative conseguenze, è stato assai lungo, oltre che assai doloroso.

Qualcuno ha affermato che Napoli sarebbe la città più americana d’Europa; non so se ciò sia vero, ma, se lo fosse, questa condizione sarebbe stata subìta dalla città, suo malgrado, e sarebbe questo il profilo più significativo del mito/falso linguaggio. Una verità, semmai, può essere riconosciuta nella partecipazione di Napoli ai benefici dell’E.R.P. (il cosiddetto Piano Marshall), costituito dagl’interventi economici stanziati dagli U.S.A. per la ricostruzione delle città europee danneggiate dalla guerra; anche qui, però, il mito sembra fare capolino. È anche vero, infatti, che Napoli ha ospitato fino a qualche anno fa il Quartier Generale della N.A.T.O. a Bagnoli, che, per fortuna della città e dei suoi cittadini, è stato aperto al pubblico dopo la sua “liberazione” (è il caso di dirlo, questa volta) il 1° dicembre 2013, con la manifestazione etichettata “Nat’a Bagnoli”. Ed è anche vero che  Napoli ha accolto, fino a pochi decenni fa, nell’ambito del territorio cittadino interi insediamenti di militari statunitensi qui distaccati: si pensi a via Caravaggio o a via Scarfoglio, dove il numero dei cartelli scritti in lingua inglese superava in misura esponenziale quello dei cartelli scritti in italiano. E credo proprio che la presenza lunga e massiccia della N.A.T.O. a Napoli possa essere interpretata come l’ammontare degl’interessi che la città ha dovuto corrispondere sul costo del Piano Marshall.

BilerChildrenLeg og SpilAutobranchen