NEWS

SALUTE E BENESSERE Dipendenza sessuale on line   di Manuela Morra   Il mondo virtuale, tanto vantaggioso per molteplici aspetti della vita di...
continua...
Andiamo aTeatro a cura di Marisa Pumpo Pica   AL TEATRO DIANA “STORIE DI CLAUDIA”   Da mercoledì 24 febbraio fino al 6 marzo, Claudia Gerini in:...
continua...
E  POI ... Rio, inferno e paradiso di Raffaele Calafiore   di Luigi Alviggi   Copacabana, Ipanema, sono nomi che rievocano immagini prestigiose di...
continua...
Spigolature   di Luciano Scateni   Diritti negati Corrado Augias, prestigioso giornalista e scrittore non credente, coltiva l’interesse per la...
continua...
Inquinamento marino   di Luigi Rezzuti   Con l’avvicinarsi dell’estate si ripresenta il problema dell’inquinamento marino. Il mar Mediterraneo...
continua...
Garibaldi arrivò in treno   di Antonio La Gala   L'apertura della prima ferrovia italiana, quella da Napoli a Portici, avvenuta il 3 ottobre del...
continua...
MUTAVERSO TEATRO   Lunedì 26 novembre 2018, alle ore 11,00, nella Sala del Gonfalone del Comune di Salerno, si terrà la conferenza stampa di...
continua...
UNITRE - Cerimonia di chiusura dell’anno accademico   Si è svolta, nei giorni scorsi,  la cerimonia di chiusura dell’anno accademico 2015/2016...
continua...
“ULTIMO TOCCO”   Mercoledì 23 marzo 2016, alle ore 18, nella sede della Fondazione Humaniter (piazza Vanvitelli, 15 - Napoli - I piano, aula 11),...
continua...
Un uomo pigro   di Luigi Rezzuti   Sono stanco, tanto stanco, sono stanco di essere stanco, non amo passeggiare, non amo fare shopping, mi annoio...
continua...

Miti napoletani di oggi.22

NA - USA

 

di Sergio Zazzera

 


Mio padre raccontava che la trepida attesa degli Alleati (non si sa bene di chi,), dopo il loro sbarco a Salerno, fu espressa a Napoli dalla formula: «Ma quando arrivano?», che non tardò a essere sostituita, dopo ch’essi si erano fatti conoscere, dall’altra: «Ma quando se ne vanno?». Tutto ciò avveniva oltre settant’anni fa, nel lontano 1943, e quell’arrivo fu preceduto e accompagnato da un paio di centinaia di raid aerei, con tanto di bombardamenti, che aggiunsero altri danni a quelli provocati dall’attività bellica dei tedeschi, non soltanto a strutture pubbliche, ma anche ad abitazioni private. Da allora, però, il percorso dei rapporti Napoli-U.S.A., con partenza da pane bianco, cioccolata, sigarette e chewing gum e con arrivo a Lehmann Brothers Holdings Inc. dei giorni nostri e relative conseguenze, è stato assai lungo, oltre che assai doloroso.

Qualcuno ha affermato che Napoli sarebbe la città più americana d’Europa; non so se ciò sia vero, ma, se lo fosse, questa condizione sarebbe stata subìta dalla città, suo malgrado, e sarebbe questo il profilo più significativo del mito/falso linguaggio. Una verità, semmai, può essere riconosciuta nella partecipazione di Napoli ai benefici dell’E.R.P. (il cosiddetto Piano Marshall), costituito dagl’interventi economici stanziati dagli U.S.A. per la ricostruzione delle città europee danneggiate dalla guerra; anche qui, però, il mito sembra fare capolino. È anche vero, infatti, che Napoli ha ospitato fino a qualche anno fa il Quartier Generale della N.A.T.O. a Bagnoli, che, per fortuna della città e dei suoi cittadini, è stato aperto al pubblico dopo la sua “liberazione” (è il caso di dirlo, questa volta) il 1° dicembre 2013, con la manifestazione etichettata “Nat’a Bagnoli”. Ed è anche vero che  Napoli ha accolto, fino a pochi decenni fa, nell’ambito del territorio cittadino interi insediamenti di militari statunitensi qui distaccati: si pensi a via Caravaggio o a via Scarfoglio, dove il numero dei cartelli scritti in lingua inglese superava in misura esponenziale quello dei cartelli scritti in italiano. E credo proprio che la presenza lunga e massiccia della N.A.T.O. a Napoli possa essere interpretata come l’ammontare degl’interessi che la città ha dovuto corrispondere sul costo del Piano Marshall.

BilerChildrenLeg og SpilAutobranchen