NEWS

ANTICHI SAPORI   di Luigi Rezzuti   Con l’avvicinarsi della stagione invernale mi sono tornati alla mente gli antichi sapori di una volta, tra cui...
continua...
BUON COMPLEANNO, TOTO’   di  Luigi Rezzuti   Antonio De Curtis, per tutti  Totò, il “principe della risata”, destinato a riempire i teatri e le sale...
continua...
Andiamo a Teatro   a cura di Marisa Pumpo Pica   Esilio II Stagione Mutaverso Teatro   Venerdì, 17 marzo, all’Auditorium del Centro Sociale di...
continua...
La Posillipo di Virgilio   di Antonio La Gala     Il grande poeta Publio Virgilio Marone ebbe il primo contatto con Napoli quando decise di studiare...
continua...
MILLE VOCI PER AMATRICE   di ANNAMARIA RICCIO   Il cuore della D’Ovidio Nicolardi questa volta batte per Amatrice. Un concerto al cinema Plaza lo...
continua...
SEGNALIBRO   a cura di Marisa Pumpo Pica   Fiori del mio campo, di Giovanni Baiano, Cosmopolis Edizioni Napoli   Uomo d’altri tempi, Giovanni...
continua...
L’isolotto di Megaride tra mito e realtà   di Luigi Rezzuti   E’ di una decina di giorni fa la notizia che un gruppo di archeologi subacquei si sono...
continua...
CAMPIONATO DI CALCIO DI SERIE A   di Luigi Rezzuti   Ormai siamo all’ultimo giro di boa del campionato di calcio di serie A. La Juventus ha già vinto...
continua...
LA D’OVIDIO NICOLARDI, SCUOLA DI PACE E DI CAMPIONI   di Annamaria Riccio     Un altro anno scolastico si è concluso all’insegna di interessanti...
continua...
“L’ULTIMO SCUGNIZZO”   di Luigi Rezzuti   “L’ultimo scugnizzo” è una commedia in tre atti, rappresentata da Viviani per la prima volta nel 1932 al...
continua...

1° MAGGIO

1° MAGGIO 2014, FESTA DEL LAVORO

 

di Luigi Rezzuti

 


La Festa del lavoro o festa dei lavoratori nasce a Roma il 1° maggio di fine Ottocento.

In quell’occasione la città fu pattugliata da poliziotti, carabinieri, corpi dell’esercito e squadroni di cavalleria.

Durante il fascismo, Mussolini abolì questa festa. Si tornò a festeggiarla a Roma solo dopo la guerra, il primo maggio del 1945.

La Cgil e la  Uil  la celebravano mentre la Cisl preferiva farlo in occasione della festività di S.Giuseppe lavoratore, il 19 marzo.

Solo nel 1970 le principali sigle sindacali tornarono a festeggiare tutti insieme la ricorrenza.

Quest’anno la festa del lavoro cade di giovedì per cui sarà possibile programmare un ponte abbastanza lungo.

Giornata di festa, questa, ma anche di riflessione, con cortei e manifestazioni in tutte le piazze italiane, per ribadire il diritto di ognuno al lavoro.

A Roma il “concertone” romano del 1° maggio, che si rinnova da 14 anni in piazza San Giovanni, con la partecipazione di diversi gruppi musicali italiani e internazionali. L’evento è trasmesso dalla Rai.

Questa festa è riconosciuta in molte nazioni del mondo ma non in tutte, in concomitanza con la Festa del Lavoro tutti i musei e i siti archeologici restano aperti, spesso anche di notte.

In Italia il mese di maggio è destinato alla cultura e sono numerose le iniziative volute dal ministero per i Beni e le Attività Culturali.

A Caserta sarà regolarmente aperta la Reggia per visitare gli appartamenti storici, la pinacoteca, la quadreria e la collezione di arte contemporanea “Terrae Motu”.

Complice la primavera e la voglia di non restare a casa, molti italiani trascorreranno la giornata facendo una gita fuori porta e un pic-nic all’aria aperta.

Tasche permettendo, il 1° maggio sarà per molti anche un’opportunità per scoprire i borghi più belli d’Italia, gli angoli più sperduti in cui il tempo sembra essersi fermato.

Gettonatissimi i borghi medioevali, preferibilmente abbandonati, i paesi fantasma dove non vive più nessuno.

Che sia al mare o in montagna poco importa. E’ sempre la scelta giusta per festeggiare il 1° maggio con allegria e tra amici, ma soprattutto se il sole splende, non c’è occasione migliore per il primo bagno di mare.

(Maggio 2014)

BilerChildrenLeg og SpilAutobranchen