NEWS

Risanamento fine Ottocento e conservazione delle memorie storiche.   di Antonio La Gala   Gli imponenti interventi edilizi, attuati a fine Ottocento...
continua...
SUPERLEGA, UNA BOLLA DI SAPONE   di Luigi Rezzuti   La Superlega è a un passo dalla chiusura. Poche ore dopo la sua nascita. E’ stata una notte...
continua...
Parlanno ‘e poesia 10   di Romano Rizzo   Giuseppe Cangiano ( 1913/ 1987 )  Giuseppe Cangiano è uno dei tanti, troppi poeti della Napoli di un tempo,...
continua...
Andiamo a Teatro a cura di Marisa Pumpo Pica Mutaverso Teatro - Il paradiso degli idioti     Per la stagione Mutaverso Teatro di ErreTeatro, a cura...
continua...
Dottore… caffè?   GIOVEDÍ 03 NOVEMBRE, alle ore 19, da NONSOLOCAFFÈ, Corso Vittorio Emanuele III, 321, Torre Annunziata (NA), Presentazione del libro...
continua...
“Quello che vedo”, la webserie sull’autismo di Maurizio Casagrande, in giro per le scuole   di Marisa Pumpo Pica   La webserie “Quello che vedo”,...
continua...
Tanto per sdrammatizzare   Si De Luca fa 'a chiusura   di Irene Pumpo   Chistu guappo Presidente ha deciso, dint’ a niente, mo n’atu...
continua...
HADDA  FERNI’  STA  PANDEMIA   di Luigi Rezzuti   Appena potrò, metterò le scarpe più comode che ho e farò tanti di quei chilometri a piedi che...
continua...
UNA STORIA COMMOVENTE   di Luigi Rezzuti   Miguel e Maria Garcia si sono conosciuti per le strade colombiane quando, entrambi senzatetto, erano...
continua...
Paolo Ricci: falce e pennello   di Antonio La Gala     Una figura di rilievo nel panorama culturale della Napoli del Novecento è stato Paolo Ricci...
continua...

1° MAGGIO

1° MAGGIO 2014, FESTA DEL LAVORO

 

di Luigi Rezzuti

 


La Festa del lavoro o festa dei lavoratori nasce a Roma il 1° maggio di fine Ottocento.

In quell’occasione la città fu pattugliata da poliziotti, carabinieri, corpi dell’esercito e squadroni di cavalleria.

Durante il fascismo, Mussolini abolì questa festa. Si tornò a festeggiarla a Roma solo dopo la guerra, il primo maggio del 1945.

La Cgil e la  Uil  la celebravano mentre la Cisl preferiva farlo in occasione della festività di S.Giuseppe lavoratore, il 19 marzo.

Solo nel 1970 le principali sigle sindacali tornarono a festeggiare tutti insieme la ricorrenza.

Quest’anno la festa del lavoro cade di giovedì per cui sarà possibile programmare un ponte abbastanza lungo.

Giornata di festa, questa, ma anche di riflessione, con cortei e manifestazioni in tutte le piazze italiane, per ribadire il diritto di ognuno al lavoro.

A Roma il “concertone” romano del 1° maggio, che si rinnova da 14 anni in piazza San Giovanni, con la partecipazione di diversi gruppi musicali italiani e internazionali. L’evento è trasmesso dalla Rai.

Questa festa è riconosciuta in molte nazioni del mondo ma non in tutte, in concomitanza con la Festa del Lavoro tutti i musei e i siti archeologici restano aperti, spesso anche di notte.

In Italia il mese di maggio è destinato alla cultura e sono numerose le iniziative volute dal ministero per i Beni e le Attività Culturali.

A Caserta sarà regolarmente aperta la Reggia per visitare gli appartamenti storici, la pinacoteca, la quadreria e la collezione di arte contemporanea “Terrae Motu”.

Complice la primavera e la voglia di non restare a casa, molti italiani trascorreranno la giornata facendo una gita fuori porta e un pic-nic all’aria aperta.

Tasche permettendo, il 1° maggio sarà per molti anche un’opportunità per scoprire i borghi più belli d’Italia, gli angoli più sperduti in cui il tempo sembra essersi fermato.

Gettonatissimi i borghi medioevali, preferibilmente abbandonati, i paesi fantasma dove non vive più nessuno.

Che sia al mare o in montagna poco importa. E’ sempre la scelta giusta per festeggiare il 1° maggio con allegria e tra amici, ma soprattutto se il sole splende, non c’è occasione migliore per il primo bagno di mare.

(Maggio 2014)

BilerChildrenLeg og SpilAutobranchen