NEWS

Juan José Arreola, BESTIARIO   di Luigi Alviggi     Un prologo violento, mezza paginetta, pare voler mandare a gambe all’aria l’intero genere umano e...
continua...
Città della Scienza rinasce dalle sue ceneri Corporea e il Planetario 3D   di Luciana Alboreto   Napoli, come da ogni evento nefasto, rinasce...
continua...
PREMIO NAZIONALE DI POESIA “SALVATORE CERINO”   E’ giunto alla XVI  edizione il Premio Nazionale di Poesia “Salvatore Cerino”, che vanta il Patrocinio...
continua...
Spigolature   di Luciano Scateni   2017: il discorso agli Ateniesi, rivisitato A Pericle (“circondato dalla gloria”), nato circa 500 anni a.C.,...
continua...
PER_FORMARE UNA COLLEZIONE   Venerdì 22 giugno alle ore 19.00 il Museo Madre inaugurerà il nuovo capitolo del progetto in progress  “Per_formare  una...
continua...
  Miti napoletani di oggi. 55 IL NUOVO SIMBOLISMO NATALIZIO   di Sergio Zazzera   Sono molte, al mondo, le città che anelano a “toccare il cielo”:...
continua...
Miti napoletani di oggi.52 IL “CUOPPO”   di Sergio Zazzera   In senso proprio, a Napoli il cuóppo è il cartoccio a forma di cono capovolto; in...
continua...
SANITA’ Eppur si muove…   di Loredana Pica   Eppur si muove… qualcosa a Napoli, una città spesso in bilico tra lentezze burocratiche e una tendenziale...
continua...
IL FURTO DEL “CAPPELLO” DI KOUNELLIS   di Sergio Zazzera   E’ del 4 marzo la notizia del furto del “Cappello”, elemento dell’installazione...
continua...
SERGIO ZAZZERA, Broccolincollina. Fatti, figure e luoghi della collina vomerese (Napoli, Cuzzolin, 2016), pp. 200, €. 13,00.   recensione di Mimmo...
continua...

L’INCUBO DEL LOW COST “MADE IN CHINA”

ALLA RICERCA DELLA QUALITA’ “MADE IN ITALY”

 

di Alessandra Ferreri

 

Un tempo, passeggiando per le strade di Napoli, si godeva della cultura e della tradizione di un città invidiata in tutto il mondo per l’originalità dei suoi prodotti, dalla ristorazione all’abbigliamento.

Oggi predomina la diffidenza a credere nell’autenticità napoletana, quasi nel timore che anche il prodotto che ci contraddistingue nel mondo, la pizza, possa essere contraffatta dal Cinese di turno, impeccabile in tutto ciò in cui si cimenti o che, magari, sempre il Cinese “tutto fare”, sia l’autore di un presepe di San Gregorio Armeno.

Sarebbe assurdo. Paradossale. Ma stiamo attenti all’incursione invadente dei cinesi. Presenti ovunque, silenziosi e gran lavoratori, sono lo spauracchio di commercianti e ristoratori: vendono a basso, bassissimo prezzo, non sono violenti. Invadono le strade e i mercatini rionali di Napoli. Ciò ha portato alla diffidenza dei prodotti “made in China” dai quali i consumatori napoletani, stanno ben alla larga richiedendo l’autenticità dei loro prodotti “made in Italy” una ghettizzazione per tutto ciò che appartiene al mondo cinese, specie dopo l’annuncio di un’invasione fuori controllo dei prodotti cinesi cancerogeni.

Esistono, ormai, luoghi a Napoli nei quali predomina la vendita di prodotti alimentari e di abbigliamento, definiti italiani, ma in realtà contraffatti.

Le attività, intraprese dagli affiliati alla ben nota “mafia cinese” si sono infatti diversificate, riuscendo a soddisfare a pieno le esigenze di un’economia, oggi consolidata.

Si è passati, infatti, dal controllo dell’immigrazione clandestina di cinesi in Italia, al progressivo controllo del vasto mercato della merce contraffatta costruita in violazione delle norme che, nonostante il potenziamento degli specifici controlli doganali, continua ad invadere tutta l’Unione Europea.

Nel porto di Napoli scarica le sue merci la COSCO, proprietaria della terza flotta più grande al mondo, consorziata con gli svizzeri della MSC.

Solo a Napoli si movimenta il 30 per cento dell’intera produzione tessile cinese. Un vero e proprio monopolio.

Non ci sarebbe nulla di male, se questa merce venisse movimentata alla luce del sole.

A Napoli, invece, i container vengono scaricati e buona parte del loro contenuto scompare stipato su furgoncini carichi fino all’inverosimile e viene trasportato nei garage di palazzi situati di fronte al porto.

I Cinesi affittano interi palazzi e conservano la loro merce nelle cantine e negli appartamenti, che divengono dei comodissimi magazzini di stoccaggio.

Invisibili dal di fuori e sicuri, perché nessuno avrà mai nulla da dire, dal momento che gli affitti vengono pagati regolarmente.

Nella nostra città i Cinesi sono troppi ed invadenti e Napoli deve stare attenta a non farsi strappare la propria identità, unica e preziosa.

 (Maggio 2014)

BilerChildrenLeg og SpilAutobranchen