NEWS

Miti napoletani di oggi.58 IL CORTEO FUNEBRE   di Sergio Zazzera   Un mattino qualsiasi di un giorno qualsiasi, in una strada qualsiasi di un...
continua...
    RESIDENZE BORBONICHE, Patrimonio dell’Umanità   APPELLO-PROPOSTA di candidatura per la lista UNESCO   Una grande campagna di...
continua...
Napoli e il Cinema, una simbiosi in evoluzione   di Marisa Pumpo Pica   Alcuni eventi, verificatisi di recente, hanno fatto battere più forte, in...
continua...
 YOU NO SPEAK AMERICANO ORIGINAL   ARMY CALL TO ARTISTS. ALL ARTISTS ARE INVITED.  CHIAMATA ALLE ARMI PER GLI ARTISTI. TUTTI GLI ARTISTI SONO...
continua...
Convegno dell’Hortus Magnus ai Canottieri di Salerno: “La natura nell’arte pittorica tra scienza ed etica”    Quest’anno il consueto appuntamento con...
continua...
Miti napoletani di oggi.68 L’attesa del mezzo di trasporto   di Sergio Zazzera   La scena si ripete tutti i giorni, anche più volte nella stessa...
continua...
UNA SORGENTE DI ACQUA DOLCE IN MEZZO AL MARE   di Luigi Rezzuti   Nella splendida costa orientale della Sardegna, tra le splendide calette del Golfo...
continua...
Riceviamo e pubblichiamo   L’ Associazione lucana “Giustino Fortunato” è lieta di comunicare che, in occasione della collocazione del proprio...
continua...
Spigolature   di Luciano Scateni   Succede che razzoli male chi predica bene Ma da che dissacrante pulpito il re Mida dei comici arringa il popolo...
continua...
Pazze strisce pedonali   di Annamaria Riccio   Nella logica delle cose c’è un prodotto che scaturisce da una motivazione, che ne ha indotto...
continua...

C’ERA UNA VOLTA CINECITTA’

 

di Luigi Rezzuti

 

Dopo il  misterioso incendio degli studi della casa di produzione Cines a Roma, nacque l’idea di costruire la Città del Cinema, fu individuata lungo la via Tuscolana, in aperta campagna, un’area ritenuta perfetta.

I lavori ebbero inizio agli inizi del 1936 e l’inaugurazione il 28 aprile del 1937.  Oltre ai 22 teatri di posa, vennero costruiti stabilimenti di sviluppo, stampa e montaggio.

Il più grande fu  il  “Teatro 5”, regno di Federico Fellini iL quale girò tutti, o quasi, i suoi film nella sua amata Cinecittà, tra i quali “Satyricon”, “Casanova”, “Amarcord”, “La dolce vita”.

Gli anni d’oro della città del cinema si ebbero nel ’50 con i colossi cinematografici “Quo Vadis” e “Ben Hur” e il mitico “Bellissima” di Luchino Visconti.

Nel periodo d’oro Cinecittà venne chiamata la “Hollyvood del Tevere”. Vi sono stati girati più di tremila film, alcuni diretti da registi del calibro di: Ford Coppola, Scorsese, Luigi Zampa, Comencini, Dino Risi, Pasolini e tanti altri.

Risate, satira, sarcasmo, con i grandi “mostri” del cinema che per decenni hanno girato film a Cinecittà: Fabrizi, Gassman, Tognazzi, Sordi, Manfredi, Verdone e la leonessa Monica Vitti.

Negli anni ’60 Cinecittà si popolò di villaggi del Texas per dar vita al genere western con film come : “Per un dollaro in più” seguito da “Per un pugno di dollari” del regista Vincenzo Leone e con le colonne sonore di Ennio Moricone.

Dalla fine degli anni ’60, con l’imporsi della televisione e la crisi dell’industria cinematografica italiana, Cinecittà perse lentamente il primato produttivo.

Oggi è diventata una definizione nostalgica che si potrebbe sostituire con  “Tivucittà”, i film vi si girano raramente, fra i principali soltanto “Habemus papan” di Nanni Moretti e “Io loro e Lara” di Carlo Verdone, poi solo programmi TV come : Distretti di polizia, I Cesaroni, Il Grande Fratello e Amici.

I proprietari di Cinecittà sono: la Cinecittà Luce S.p.a. nata nel 2009 e tenuta dal Ministero dell’Economia e delle Finanze che rischia la chiusura a causa dei tagli in bilancio e Cinecittà Studios, società privata, presieduta da Luigi Abete che, oltre a Cinecittà, ha in gestione, in comproprietà con Roberto Benigni e Nicoletta Braschi un complesso simile, gli “Umbria Studios” e i “Dinostudios” (ex Dinocittà), sempre a Roma.

 

(Maggio 2014)

BilerChildrenLeg og SpilAutobranchen