NEWS

Vincenzo Irolli: arte o commercio?    di Antonio La Gala   Vincenzo Irolli (Napoli, 1860 - 1949) scoprì la sua passione per l'arte a diciassette...
continua...
Natale alla Nicolardi tra bravura e solidarietà   di Annamaria Riccio   Come ormai è consuetudine, anche quest’anno alla scuola media “D’Ovidio...
continua...
ICEBERG (Ottobre 2016)
continua...
“ULTIMO TOCCO”   Mercoledì 23 marzo 2016, alle ore 18, nella sede della Fondazione Humaniter (piazza Vanvitelli, 15 - Napoli - I piano, aula 11),...
continua...
QUATTRO GIORNI ALL’ELBA   di Luigi Rezzuti   Non è la trama di un film di guerra, se il lettore legge male sostituendo Elba con Alba. È semplicemente...
continua...
LA CHAMPIONS LEAGUE                   di Luigi Rezzuti   E’ arrivato il momento della Champions League che è iniziata con la fase a gironi il 13...
continua...
IO, ROBINSON CRUSOE’   di Luigi Rezzuti   Il naufrago più famoso di tutti i tempi è senza dubbio Robinson Crusoè, che fece naufragio con una nave...
continua...
L’esilio della bellezza   di Gabriella Pagnotta   Qual è il valore del limite oggi? I limiti sono qualcosa da temere, da mantenere, da costruire o da...
continua...
ANTONIO BERTE’ UN ARTISTA CONTEMPORANEO NAPOLETANO   di Luigi Rezzuti   Torre Caselli è un edificio abbandonato, che versa in pessime condizioni in...
continua...
GIUSTIZIA E POLITICA   di Sergio Zazzera   Il sistema statunitense di amministrazione della giustizia – che non saprei dire se possa essere definito...
continua...

C’ERA UNA VOLTA CINECITTA’

 

di Luigi Rezzuti

 

Dopo il  misterioso incendio degli studi della casa di produzione Cines a Roma, nacque l’idea di costruire la Città del Cinema, fu individuata lungo la via Tuscolana, in aperta campagna, un’area ritenuta perfetta.

I lavori ebbero inizio agli inizi del 1936 e l’inaugurazione il 28 aprile del 1937.  Oltre ai 22 teatri di posa, vennero costruiti stabilimenti di sviluppo, stampa e montaggio.

Il più grande fu  il  “Teatro 5”, regno di Federico Fellini iL quale girò tutti, o quasi, i suoi film nella sua amata Cinecittà, tra i quali “Satyricon”, “Casanova”, “Amarcord”, “La dolce vita”.

Gli anni d’oro della città del cinema si ebbero nel ’50 con i colossi cinematografici “Quo Vadis” e “Ben Hur” e il mitico “Bellissima” di Luchino Visconti.

Nel periodo d’oro Cinecittà venne chiamata la “Hollyvood del Tevere”. Vi sono stati girati più di tremila film, alcuni diretti da registi del calibro di: Ford Coppola, Scorsese, Luigi Zampa, Comencini, Dino Risi, Pasolini e tanti altri.

Risate, satira, sarcasmo, con i grandi “mostri” del cinema che per decenni hanno girato film a Cinecittà: Fabrizi, Gassman, Tognazzi, Sordi, Manfredi, Verdone e la leonessa Monica Vitti.

Negli anni ’60 Cinecittà si popolò di villaggi del Texas per dar vita al genere western con film come : “Per un dollaro in più” seguito da “Per un pugno di dollari” del regista Vincenzo Leone e con le colonne sonore di Ennio Moricone.

Dalla fine degli anni ’60, con l’imporsi della televisione e la crisi dell’industria cinematografica italiana, Cinecittà perse lentamente il primato produttivo.

Oggi è diventata una definizione nostalgica che si potrebbe sostituire con  “Tivucittà”, i film vi si girano raramente, fra i principali soltanto “Habemus papan” di Nanni Moretti e “Io loro e Lara” di Carlo Verdone, poi solo programmi TV come : Distretti di polizia, I Cesaroni, Il Grande Fratello e Amici.

I proprietari di Cinecittà sono: la Cinecittà Luce S.p.a. nata nel 2009 e tenuta dal Ministero dell’Economia e delle Finanze che rischia la chiusura a causa dei tagli in bilancio e Cinecittà Studios, società privata, presieduta da Luigi Abete che, oltre a Cinecittà, ha in gestione, in comproprietà con Roberto Benigni e Nicoletta Braschi un complesso simile, gli “Umbria Studios” e i “Dinostudios” (ex Dinocittà), sempre a Roma.

 

(Maggio 2014)

BilerChildrenLeg og SpilAutobranchen