NEWS

La  Famiglia   di Mariacarla Rubinacci    L’argomento del giorno: la famiglia. Intorno al tema ruotano affannosamente i diritti, i doveri, gli...
continua...
ATTUALITA' DEL PENSIERO CRITICO DI ROCCO MONTANO (Dicembre 2017)
continua...
LARGO O PIAZZA?   di Antonio La Gala     Spesso nel leggere cose della Napoli antica ci imbattiamo in denominazioni stradali che ci lasciano...
continua...
PREVISIONI PER L’ESTATE 2019   di Luigi Rezzuti   Arrivano sempre più conferme su quella che sarà un’estate bollente, con caldo insopportabile, ...
continua...
IO E LA VALIGIA   di Luigi Rezzuti   Ero seduto davanti a quella valigia rigonfia, nella quale gli indumenti avanzavano tanto da “obbligarla” a non...
continua...
Miti napoletani di oggi.86 IN TEMPO DI COVID-19   di Sergio Zazzera     La premessa è sempre quella della reiterazione del rito che produce il...
continua...
Spigolature Non Ufo, ma oggetti non identificati   di Luciano Scateni   Per noi, esterni al frenetico evolversi delle tecnologie, l’incipit della...
continua...
Città della Scienza rinasce dalle sue ceneri Corporea e il Planetario 3D   di Luciana Alboreto   Napoli, come da ogni evento nefasto, rinasce...
continua...
 SONETTI PER IMMAGINI di Nino Velotti   di Nicola Garofano    Verrà presentato, domenica 5 marzo a Pompei (NA) presso il Pompeilab (Via Astolelle,...
continua...
Miti napoletani di oggi.75 IL PRESEPE   di Sergio Zazzera   Se torno, ancora una volta, sul tema del Presepe, ciò è dovuto, essenzialmente, alla...
continua...

C’ERA UNA VOLTA CINECITTA’

 

di Luigi Rezzuti

 

Dopo il  misterioso incendio degli studi della casa di produzione Cines a Roma, nacque l’idea di costruire la Città del Cinema, fu individuata lungo la via Tuscolana, in aperta campagna, un’area ritenuta perfetta.

I lavori ebbero inizio agli inizi del 1936 e l’inaugurazione il 28 aprile del 1937.  Oltre ai 22 teatri di posa, vennero costruiti stabilimenti di sviluppo, stampa e montaggio.

Il più grande fu  il  “Teatro 5”, regno di Federico Fellini iL quale girò tutti, o quasi, i suoi film nella sua amata Cinecittà, tra i quali “Satyricon”, “Casanova”, “Amarcord”, “La dolce vita”.

Gli anni d’oro della città del cinema si ebbero nel ’50 con i colossi cinematografici “Quo Vadis” e “Ben Hur” e il mitico “Bellissima” di Luchino Visconti.

Nel periodo d’oro Cinecittà venne chiamata la “Hollyvood del Tevere”. Vi sono stati girati più di tremila film, alcuni diretti da registi del calibro di: Ford Coppola, Scorsese, Luigi Zampa, Comencini, Dino Risi, Pasolini e tanti altri.

Risate, satira, sarcasmo, con i grandi “mostri” del cinema che per decenni hanno girato film a Cinecittà: Fabrizi, Gassman, Tognazzi, Sordi, Manfredi, Verdone e la leonessa Monica Vitti.

Negli anni ’60 Cinecittà si popolò di villaggi del Texas per dar vita al genere western con film come : “Per un dollaro in più” seguito da “Per un pugno di dollari” del regista Vincenzo Leone e con le colonne sonore di Ennio Moricone.

Dalla fine degli anni ’60, con l’imporsi della televisione e la crisi dell’industria cinematografica italiana, Cinecittà perse lentamente il primato produttivo.

Oggi è diventata una definizione nostalgica che si potrebbe sostituire con  “Tivucittà”, i film vi si girano raramente, fra i principali soltanto “Habemus papan” di Nanni Moretti e “Io loro e Lara” di Carlo Verdone, poi solo programmi TV come : Distretti di polizia, I Cesaroni, Il Grande Fratello e Amici.

I proprietari di Cinecittà sono: la Cinecittà Luce S.p.a. nata nel 2009 e tenuta dal Ministero dell’Economia e delle Finanze che rischia la chiusura a causa dei tagli in bilancio e Cinecittà Studios, società privata, presieduta da Luigi Abete che, oltre a Cinecittà, ha in gestione, in comproprietà con Roberto Benigni e Nicoletta Braschi un complesso simile, gli “Umbria Studios” e i “Dinostudios” (ex Dinocittà), sempre a Roma.

 

(Maggio 2014)

BilerChildrenLeg og SpilAutobranchen