NEWS

Miti napoletani di oggi.45 LA “NASCITA” DELLA CAMORRA   di Sergio Zazzera   I Romani erano specialisti abilissimi nel confezionamento di “miti di...
continua...
Maturità alle porte - Riflessioni di una studentessa   di Irene Del Gaudio   Sono una studentessa. Liceale, ancora per poco. Si avvicina...
continua...
Andiamo a Teatro a cura di Marisa Pumpo Pica   “Cantare alle ossa” è l’ultimo appuntamento che, venerdì 24 maggio, alle ore 21, al Teatro Diana di...
continua...
La tarantina - L’ultimo femminiello   di Luigi Rezzuti   Fu cacciato di casa all’età di nove anni e la sua unica scuola fu il marciapiede. Per le...
continua...
Ferdinando aveva due Sicilie   di Antonio La Gala   Perché i Borbone erano re di Due Sicilie, visto che esiste una sola Sicilia? Per capirlo...
continua...
Parlanno ‘e poesia 10   di Romano Rizzo   Giuseppe Cangiano ( 1913/ 1987 )  Giuseppe Cangiano è uno dei tanti, troppi poeti della Napoli di un tempo,...
continua...
MACCHINE DA SCRIVERE DALL’800 AD OGGI   a cura di  Luigi Rezzuti   Nell’epoca del digitale e dei computer la scrittura si è evoluta e continua ad...
continua...
Martedì 4 luglio al via "Vietri in Scena" Oltre 20 appuntamenti gratuiti a Villa Guariglia, Villa Comunale e Palazzo della Guardia   Al via domani...
continua...
Spigolature   di Luciano Scateni   La Cenerentola azzurra Non è la prima volta e temo che non sia l’ultima. La redazione sportiva di Repubblica deve...
continua...
Parlanno 'e poesia   di Romano Rizzo   Antonino Alonge (Palermo, 20 settembre 1871 - Milano, 13 agosto 1958). Poeta e giornalista, visse a Napoli...
continua...

IL MIRACOLO DI SAN GENNARO

 

di Luigi Rezzuti

 


La tradizione religiosa vuole che San Gennaro sia stato decapitato, in conseguenza delle persecuzioni contro i Cristiani, presso la Solfatara di Pozzuoli. Una parte di sangue sarebbe stata raccolta da una fedele in due ampolle, poi custodite nel Duomo di Napoli.

Il miracolo dello scioglimento si compie tre volte l’anno, il sabato precedente la prima domenica di maggio, il 19 settembre e il 16 dicembre.

Lo scioglimento è un segno di buoni auspici. Infatti, quando ciò non avviene è interpretato come profezia malefica.

In concomitanza con lo scioglimento del sangue contenuto nelle ampolle, anche la pietra del Santuario di Pozzuoli si tingerebbe di rosso, davanti agli sguardi di centinaia di fedeli.

Questo fenomeno è oggetto di studio sia per i fedeli che per gli scettici, da un lato c’è da  dimostrare l’esistenza del miracolo e dall’altro gli scettici vogliono, invece, smontarlo.

C’è chi afferma che il sangue coagulato non si può sciogliere, specialmente a distanza di secoli, e parlano di sostanze che possono passare da solide a gelatinose e liquide. Quindi, se nelle ampolle ci fosse vero sangue umano, farlo sciogliere sarebbe un’impresa impossibile.

Chi ha ragione? I fedeli che credono nel miracolo o gli scettici, studiosi, scienziati e ricercatori che, dalla prima liquefazione, avvenuta nel 1389, si sono sbizzarriti nello scrivere su questo insolito fatto?

Fino ad oggi, però, nessuno è riuscito a trovare la soluzione del mistero facendo, così, fiorire numerose leggende e supposizioni.

Comunque domenica, 4 maggio, l’arcivescovo di Napoli, cardinale Crescenzio Sepe, ha annunciato il miracolo davanti ad una folla di fedeli e turisti, accorsi nel Duomo per assistere all’evento.

(Maggio 2014)

BilerChildrenLeg og SpilAutobranchen