NEWS

Miti napoletani di oggi.43 “’O surdato ‘nnammurato”   di Sergio Zazzera   I conflitti bellici sono stati sempre occasione di nascita di canti, dei...
continua...
Appuntamenti internazionali alla libreria Iocisto   di Annamaria Riccio   Un’estate di appuntamenti internazionali che vede un’intensa attività nel...
continua...
MILLE VOCI PER AMATRICE   di ANNAMARIA RICCIO   Il cuore della D’Ovidio Nicolardi questa volta batte per Amatrice. Un concerto al cinema Plaza lo...
continua...
Tra arte e natura. Sabato a Castel Gandolfo   di Luigi Rezzuti   Anche se con notevole ritardo, ho saputo di poter visitare Castel Gandolfo, partendo...
continua...
IL CALCIO NAPOLI INGAGGIA HRVOJE  MILIC   di Luigi Rezzuti   Dopo il mercato di riparazione di gennaio, dove tutte, o quasi, le squadre, sulla carta...
continua...
PER TOTO'     (Maggio 2017)
continua...
SPIGOLATURE   di Luciano Scateni   Effetto infestante dei migranti Ecco l’incipit di questa nota: la gramigna, la parietaria, i trifogli, invadono i...
continua...
L’isolotto di Megaride tra mito e realtà   di Luigi Rezzuti   E’ di una decina di giorni fa la notizia che un gruppo di archeologi subacquei si sono...
continua...
Pensieri ad alta voce di Marisa Pumpo Pica   Revisionare Dante?      Sul filo dei nostri “Pensieri ad alta voce”,  questa volta è di scena Dante....
continua...
ICEBERG (Ottobre 2016)
continua...

NAVIGANDO CON LA NICOLARDI

 

a cura della classe II sez. G della Scuola media statale

“D’Ovidio Nicolardi”

 

Il mare è sempre stato, fin dai tempi dell’antichità, fonte di guadagno, principale via di comunicazione e attrazione per i turisti ed è anche indispensabile per l’economia del nostro paese, poiché viviamo in un territorio che dipende da esso.

Al giorno d’oggi, però, questi principi vengono spesso dimenticati ed il mare e tutti noi ne risentiamo gravemente. Nel corso degli anni, infatti, l’uomo, inquinando l’ambiente, non ha tenuto conto delle terribili conseguenze, derivanti da ciò e ha perduto i benefici rappresentati da questa fonte di ricchezza. Danneggiando l’ambiente intorno a sé, ha danneggiato sé stesso.

Forse, con un po’ di buona volontà e tanta pazienza, si può ancora rimediare ai nostri errori e magari vedere di nuovo il mare come un alleato. Ecco perché noi, alunni della scuola media statale “D’Ovidio Nicolardi”, abbiamo aderito con gioia al progetto che la scuola ha proposto in questi giorni.

Un accordo fra il Comune di Napoli, l’Ufficio scolastico regionale ed altri soggetti del territorio, ha consentito agli studenti del secondo anno di alcune scuole medie, di partecipare a un percorso di formazione per conoscere il mare e la navigazione e per aprire, inoltre, una prospettiva di lavoro ai giovanissimi studenti. Con “ La scuola va a bordo” si è avviata un’iniziativa di sensibilizzazione sulle attività del settore marittimo, portuale e logistico. Il percorso formativo, in attuazione dalla fine di marzo fino a tutto maggio, si snoda attraverso visite guidate all’Autorità Portuale, al Porto di Napoli, alla Direzione Marittima. Nell’itinerario è prevista anche la visita al Museo del Mare di Bagnoli e alla Base navale di Nisida e Capomiseno. Un’escursione in barca, lungo il litorale, arricchisce le conoscenze che, affiancate all’esperienza didattica, fanno sì che gli alunni partecipino alla manifestazione finale del 20 maggio in occasione della Giornata Europea del Mare, nel corso della quale le scuole vincitrici saranno premiate.

(Maggio 2014)

BilerChildrenLeg og SpilAutobranchen