NEWS

La caduta del Forte di Vigliena   di Antonio La Gala     Uno degli episodi militari che portarono alla caduta della Repubblica Partenopea del 1799,...
continua...
Il peschereccio   di Luigi Rezzuti   Marco correva veloce con la sua bicicletta. La strada, nel suo ultimo tratto, era in leggera discesa e per...
continua...
Anatomia di una scelta di Luigi Alviggi – Guida editori   di Marisa Pumpo Pica   Luigi Alviggi, in questo suo nuovo cimento letterario, si conferma...
continua...
UNITRE - Cerimonia di chiusura dell’anno accademico   Si è svolta, nei giorni scorsi,  la cerimonia di chiusura dell’anno accademico 2015/2016...
continua...
“SWINGING”: ENZA MONETTI AL PAN   di Sergio Zazzera   In principio era l’albero. Che sia quello “della conoscenza del bene e del male” della...
continua...
Miti napoletani di oggi.44 Labirinto napoletano   di Sergio Zazzera   Il mito classico del labirinto è noto a tutti: l’assatanata Pasifae si lascia...
continua...
Metropolitane napoletane abortite   di Antonio La Gala     Forse non tutti sanno che Napoli stava per dotarsi di metropolitana già a fine Ottocento...
continua...
LUIGI NECCO MUORE ALL’ETA’ DI 83 ANNI   di Luigi Rezzuti   E’ morto Luigi Necco all’ospedale Cardarelli di Napoli per insufficienza respiratoria. I...
continua...
La tarantina - L’ultimo femminiello   di Luigi Rezzuti   Fu cacciato di casa all’età di nove anni e la sua unica scuola fu il marciapiede. Per le...
continua...
La Germania necessaria     Venerdì 24 novembre 2017, ore 17.00, presso la Biblioteca di storia moderna e contemporanea (Palazzo Mattei di Giove - Via...
continua...

SI’,  CAMBIARE

 

di Mariacarla Rubinacci

 

Ho ascoltato alla radio una canzone di Vasco Rossi ( lo conoscete? Quello di “…vado al massimo…”) e mi ha colpito il testo in cui sono elencate le varie possibilità di dare un volto nuovo alla propria vita.

La macchina (è facile), la donna (è impossibile), la vita (forse), le abitudini, la direzione, la marca di sigarette, magari smettere di fumare, frenare le passioni, non cadere in tentazioni, la mente, la fede, le opinioni, il partito politico. Il mondo...

Sì, cambiare, anche se le abitudini fanno bene e rassicurano. Ma a volte è meglio, anzi, è indispensabile uscire dal seminato. I Latini (saggi) dicevano “semel in anno licet insanire”, è lecito almeno una volta (all’anno!) impazzire.

Già, impazzire, perché per cambiare occorre avere il coraggio di uscire da se stessi. Anche Seneca diceva che le abitudini è meglio troncarle che moderarle.

Andare dal parrucchiere è dire: “Tagli!”

Rovistare tra gli attaccapanni di un negozio Vintage è scegliere un look fuori dalla quotidianità.

Andare in palestra per fare pilates è ripudiare quella rotondità che fa soffrire.

E così  via. E’ certo, le ripetizioni danno sicurezza. Ma le novità definiscono nuovi obiettivi. Però, per affrontare ogni cambiamento è indispensabile piacersi. Lo specchio delle mie brame deve indurre all’ottimismo perché, cambiando l’atteggiamento si generano energie positive. Cambiare è mettere in movimento la mente, è aprirsi a nuove strade, dove il percorrerle porta al miglioramento e, persino, alla crescita. Superare la linea di demarcazione che obbliga in un’area protetta, fatta di persone, luoghi, abitudini, vuol significare allargare la zona stessa per poi sentirsi meglio.

Sì, cambiare. Concediamo alla nostra mente la possibilità di trasgredire alle regole. Basta poco. Ammicchiamo davanti ad una vetrina, diamo di gomito a chi ci sta accanto per coinvolgerlo, gustiamo un nuovo sapore etnico, sorridiamo al giovane nero che sta stendendo il suo cappellino davanti ad un Supermercato, salutiamo il nuovo giorno guardando il cielo per immaginare di volare come quella rondine che sta sfrecciando e non per verificare …se piove!

(Maggio 2014)

BilerChildrenLeg og SpilAutobranchen