NEWS

A Cetara lo spettacolo “A Christmas Carol”   di Claudia Bonasi   A Cetara un cartellone di Natale all’insegna della tradizione, destinato a tutte le...
continua...
IL "PREMIO CERINO"   (Maggio 2016)
continua...
GIANPIERO VENTURA, ALLENATORE DELLA NAZIONALE DI CALCIO ITALIANA   di Luigi Rezzuti   Gianpiero Ventura nasce il 14 gennaio del 1948 a...
continua...
SPIGOLATURE   di Luciano Scateni    Stupri? Colpa delle donne, dice Chrissie Un’ipotesi possibile nasce dalla biografia di tale Chrissie Hynde,...
continua...
Miti napoletani di oggi.53 LA SANITA’   di Sergio Zazzera   Non tragga in inganno il titolo: non è della tutela della salute (sul cui carattere...
continua...
SALERNUM WINE FORUM       Un modello previsionale, elaborato da un gruppo di ricercatori, ha stimato i possibili impatti del cambiamento climatico...
continua...
AL MUSEO DUCA DI MARTINA   (Febbraio 2017)
continua...
CHI VINCERA’ LO SCUDETTO?   di Luigi Rezzuti   Certo è un momento di sofferenza quello del Calcio Napoli. Ci sono da recuperare i punti persi in...
continua...
Al Festival Ethnoi “La Banda della Ricetta” in concerto   di Claudia Bonasi   Si è appena chiuso “Ethnoi” - Festival delle culture del mondo e delle...
continua...
LA DIFFICILE VIA DI PAPA BERGOGLIO   di Luigi   Alviggi   Jorge Mario Bergoglio, nato nel 1936, argentino di Buenos Aires, dal 13 marzo 2013 è il...
continua...

IL SACRO SVELATO

 


Gloria Pastore

Dal 9 maggio, alle ore 19.00, al 9 luglio 2014, il museo CAM presenta “Il sacro svelato, iconografia contemporanea" a cura di Antonio Manfredi, con opere di Tamer Abdelaaty, Paula Sunday & Alfredo Maddaluno, Norbert Francis Attard, Ashis Gosh, Pietro Lista, Sound Barrier, Carlo Hermann, Gloria Pastore, Laura Niola, Max Papeschi, Piergiuseppe Pesce, Di Guida & Vargas, Giorgio Scotti, Yasser Gaessa, Martin Reiter, Ivan Piano, Mario La Porta, Roberta Basile e Gerardo Di Fiore.


Mario La Porta, Roberta Basile, Carlo Herrmann

La mostra analizza il valore assunto nell'epoca contemporanea dalle nuove accezioni visive della religiosità, dalla spiritualità al consumismo, dalla ricerca dell'assoluto e dell'infinito fino al kitsch. Che sia contemplativa, minimale o urlata, l'investigazione delle iconografie del divino nell'arte contemporanea appare specchio di una società in bilico tra sacro e profano, tra tradizione ed ironia dissacratoria. L'ascesi ultraterrena trova mille interferenze nelle nuove divinità a cui l'uomo guarda come riferimento, la mostra Il sacro svelato, rivela questo immaginario contaminato.


Paula Sunday

Nelle opere la personale investigazione artistica appare priva di tabù che tuttavia si trasforma in soggetti portati all'estremo dal lavorio e dal pensiero. L'ironia dissacrante investe il prototipo della religiosità popolare come per la santa suora nella campana di vetro che fa le pulizie nel divertente video di Paula Sunday & Alfredo Maddaluno, nel SuperJesus che spicca il volo come un razzo di Max Papeschi o nel Cristo grassoccio e sorridente di Norbert Francis Attard. Appaiono elementi di forte contestazione ad un rigidità teologica come per Gli angeli ribelli di Gerardo Di Fiore che volando liberi appaiono tutt'altro che asessuati,  per la santa reliquia di Martin Reiter, per la Madonna di Sound Barrier che supera la sacralità  mostrando il miracolo della natura umana e come per la performance di Laura Niola, che ripropone  come atto liturgico il legame tra madre e figlia. Reminiscenze barocche si intravedono nel light box di Giorgio Scotti mentre volgono ad un sofisticato paganesimo gli oranti di Ivan Piano, ad un'ascesi mistica i Sufi di Tamer  Abdelaaty e ad un'analisi dello sfruttamento delle immagini sacre per il merchandising nell'opera di Ashis Gosh. L'enorme Battista di Pietro Lista appare come un'icona misterica dalle sembianze robotiche e ancestrali e la delicata donna di Gloria Pastore porta sulla propria pelle i segni di una violazione, il martirio di un corpo “sacro”  facendo da contro all'installazione di Di Guida&Vargas, L'ora dell'Angelus, le cui preghiere sono rivolte alle nuove divinità capitaliste. Il dialogo con il divino arriva nei segni grafici di Yasser Gaessa e nella possibilità di sentire e vedere ovunque il rapporto tra l'uomo e il soprannaturale, nell'Ultima crociata di Max Papeschi che raccoglie un esercito di sculture sacre che volgono verso un unico punto e nelle moderne processioni pasquali, immortalate da Mario La Porta, Roberta Basile e Carlo Hermann, che raccontano il lato antropologico e sociale della religiosità contemporanea. Riferimenti, ironia e critica per una mostra da non perdere al museo CAM.

(Maggio 2014)

BilerChildrenLeg og SpilAutobranchen