NEWS

"IL COMANDANTE BULOW"     (Gennaio 2019)
continua...
QUATTRO GIORNI ALL’ELBA   di Luigi Rezzuti   Non è la trama di un film di guerra, se il lettore legge male sostituendo Elba con Alba. È semplicemente...
continua...
    RESIDENZE BORBONICHE, Patrimonio dell’Umanità   APPELLO-PROPOSTA di candidatura per la lista UNESCO   Una grande campagna di...
continua...
I HAVE A DREAM   di Sergio Zazzera   “I have a dream”. Sì, senza volermi paragonare a Martin Luther King, e soprattutto senza volergli mancare di...
continua...
Miti napoletani di oggi.70 LE “PARENTI DI SAN GENNARO”   di Sergio Zazzera   Per “totem” – giova ribadirlo – s’intende l’animale, la pianta o...
continua...
LA  FIGLIA  FEMMINA, di Anna Giurickovic Dato   di Luigi Alviggi   Il libro si apre nella città di Rabat ove il padre Giorgio, diplomatico italiano,...
continua...
Il limite infranto   di Gabriella Pagnotta   Georges Bataille, filosofo francese del secolo scorso, illumina il nostro tempo con le sue riflessioni...
continua...
TEATRO BOLIVAR - start up stagione 2016/2017   DUETTI 200 grammi di teatro a sera direzione artistica Ettore Nigro e David Jentgens   29|30...
continua...
IL CAMPIONATO DEL NAPOLI   dI Luigi Rezzuti   Del tradimento di Gonzalo Higuain, che ha preferito passare alla Juve, la più acerrima nemica del Napoli...
continua...
LA CAPPELLA DEL BUON CONSIGLIO ALLA “SANTARELLA”   di Sergio Zazzera   L’8 dicembre scorso è stata riaperta al culto, dopo circa quindici anni di...
continua...

LA PROTESTA CONTRO L’INVALSI

 

di Annamaria Riccio

 

In primavera si riaccende la disputa tra detrattori e sostenitori delle prove Invalsi, che si affacciano periodicamente per saggiare il livello raggiunto dagli studenti.

Il 6 e 7 maggio si sono cimentati gli alunni delle scuole di primo grado, il 13, quelli delle superiori. Se i bambini delle elementari hanno affrontato la prova per dovere di scolari, quelli più grandi non hanno del tutto digerito la somministrazione, che si è svolta non senza polemiche e qualche rimostranza.

L’invito a boicottare le prove è stato innescato da genitori, studenti, docenti e sindacati che hanno definito i test Invalsi “Un meccanismo di valutazione escludente e ingiusto, tendente a rendere la scuola pubblica sempre più al servizio delle logiche manageriali”.

Danilo Lampis, coordinatore nazionale dell’Unione Studenti, accusa lo Stato di spendere”16 milioni di euro per finanziare questo strumento di valutazione dannoso e inutile”.

Tra gli insegnanti le correnti di pensiero si sdoppiano: chi pensa che questi  test non hanno nulla a che vedere con i programmi che il Ministero prescrive e chi sostiene che i giovani mancano di capacità logiche e temono di mettersi in gioco.

La ricaduta può essere psicologica, nel caso si tratti solo di una statistica nazionale per confrontare i livelli tra le varie scuole del territorio nazionale, ma anche fattiva sulla valutazione, quando, ad esempio, sono gli studenti della scuola media che, anche quest’anno, precisamente il 19 giugno, si cimenteranno nel corso degli esami: il punteggio scende paurosamente nella maggior parte dei casi, modificando la media per la valutazione finale. Si può immaginare la conseguenza che le prove possano avere sull’esame di maturità che, sembra, dal prossimo anno sarà “arricchito” anch’esso dall’Invalsi.

Oltralpe si respira già aria di rivolta e le notizie arrivano proprio da eminenti pedagogisti che sottolineano come i test proposti possano ridurre la gioia dell’apprendimento e come la super globalizzazione finisca, purtroppo,  per mortificare le specificità che fanno la cultura del pianeta.

(Maggio 2014)

BilerChildrenLeg og SpilAutobranchen