NEWS

Parlanno ‘e poesia 10   di Romano Rizzo   Giuseppe Cangiano ( 1913/ 1987 )  Giuseppe Cangiano è uno dei tanti, troppi poeti della Napoli di un tempo,...
continua...
Lutto in casa Cosmopolis per la morte di Peppe Talone   di Marisa Pumpo Pica     Non è facile metabolizzare un lutto e ancor meno lo è quando il...
continua...
OGNI PICCOLA COSA INTERROTTA, di Silvia Celani   di Luigi Alviggi   Per chiudere i conti col passato a volte non basta l’intera vita. È il caso dei...
continua...
LA JUVE VINCE LO SCUDETTO IL NAPOLI VINCE LO SCUDETTO DELL’ONESTA’   di Luigi Rezzuti   Pensavamo che calciopoli fosse davvero finita, invece sotto...
continua...
L’ELEFANTE  E  LA  FORMICA, di  Eleonora  Bellini   di Luigi Alviggi     Questo lavoro rinnova la memoria su Mohandas Gandhi (1869–1948), il Mahatma...
continua...
LA TOMBA PROFANATA  
continua...
PRIMIZIE DI CALCIO MERCATO   di Luigi Rezzuti   Non è ancora terminato il campionato di calcio di Serie A, nè tanto meno siamo vicini alle date...
continua...
SILVIO PERRELLA IN VIAGGIO NELLA LETTERATURA ITALIANA   Alla Feltrinelli di piazza dei Martiri, giovedì 9 giugno dalle ore 18, Silvio Perrella in...
continua...
I HAVE A DREAM   di Sergio Zazzera   “I have a dream”. Sì, senza volermi paragonare a Martin Luther King, e soprattutto senza volergli mancare di...
continua...
IL TEATRO A NAPOLI   a cura di Luigi Rezzuti   Napoli è una città che trova svariati modi di esprimersi, dalla poesia alla musica, dal teatro al...
continua...

LO SCUDETTO ALLA JUVENTUS: QUALCHE

RIFLESSIONE

 

di Luigi Rezzuti

 

Avemmo modo di pronosticare la Juve campione d’Italia ma, sinceramente, non ci aspettavamo un trionfo così netto e nemmeno il piazzamento della Roma al secondo posto. Retrocedono in serie  B : Bologna, Catania e Livorno.

Molti, all’inizio del campionato, pronosticarono la vittoria finale del Napoli, ma certamente non era facile con il cambio del’allenatore, del modulo di gioco e di buona parte dei giocatori.

Comunque, la stagione calcistica del Napoli è stata più che positiva ed alla fine è arrivata la soddisfazione di classificarsi terzi, ben distaccati dalla quarta (Fiorentina) e di aver conquistato la Coppa Italia con un successo netto e convincente, un successo giunto al termine di 90’, in cui il controllo del pallone è sempre stato appannaggio dei giocatori di Benitez.

Questo trofeo, però, come si ricorderà, e passato in secondo ordine per i gravi episodi, verificatisi fuori dallo stadio Olimpico, con il ferimento del tifoso napoletano, Ciro Esposito.

Ironia della sorte, mentre i commentatori televisivi annunciavano che  non c’erano stati scontri tra le due tifoserie, fiorentina e napoletana, ma un vero e proprio attacco ai tifosi napoletani da parte di un gruppo di ultrà della Roma e dopo la dichiarazione del ministro Alfano che asseriva per televisione che non c’era stata nessuna trattativa tra il giocatore del Napoli Hamsik e il capo ultrà napoletano, Genny  'a carogna, il presidente del Coni ha squalificato per due giornate di campionato lo stadio San Paolo.

Insomma più i tifosi del Napoli si comportano civilmente e quasi sempre subiscono insulti, tipo “lavarsi con la lava del Vesuvio, essere colerosi, terremotati, camorristi” e via dicendo, più vengono trattati ingiustamente:  invece di squalificare il campo della Roma, si squalifica quello napoletano.

E’ una vergogna. Chissà se, dopo lo sdegno per la condanna, dopo le violenze subite, qualcuno penserà alle tante persone perbene che amano il calcio e che vorrebbero andare allo stadio senza barriere, parcheggiare la propria auto serenamente, portare allo stadio i propri figlioletti, tifare e tornare a casa gioiosi.

(Maggio 2014)

BilerChildrenLeg og SpilAutobranchen