NEWS

DON ANTONIO CAFIERO   di Luigi Rezzuti     Don Antonio Cafiero era nato e vissuto nei Vergini, un quartiere di Napoli. Amava Napoli e il Napoli. Era...
continua...
SALUTE E BENESSERE Dipendenza sessuale on line   di Manuela Morra   Il mondo virtuale, tanto vantaggioso per molteplici aspetti della vita di...
continua...
Parlanno 'e poesia   di Romano Rizzo   Antonino Alonge (Palermo, 20 settembre 1871 - Milano, 13 agosto 1958). Poeta e giornalista, visse a Napoli...
continua...
Spigolature   di Luciano Scateni   Diritti negati Corrado Augias, prestigioso giornalista e scrittore non credente, coltiva l’interesse per la...
continua...
Miti napoletani di oggi.56 IL BUGNATO DEL GESU' NUOVO   di Sergio Zazzera   La storia della trasformazione del Palazzo Sanseverino nella chiesa del...
continua...
NAPOLETANA - Arte turca al CAM   Dal 18 novembre 2017 alle ore 18.00 presso il museo CAM si terrà Napoletana, a cura di Kani Kaya, mostra di 37...
continua...
Miti napoletani di oggi.52 IL “CUOPPO”   di Sergio Zazzera   In senso proprio, a Napoli il cuóppo è il cartoccio a forma di cono capovolto; in...
continua...
La morte di G.B. Vico fra corsi e ricorsi   di Antonio La Gala   Giambattista Vico, oltre alle lezioni di storia alta, con le sue opere, ci ha...
continua...
LUNA ROSSA TORNA IN COPPA AMERICA   di Luigi Rezzuti   Alla 35a edizione dell’America’s Cup, disputatasi alle Bermuda, non gareggiò il team Luna...
continua...
AL SALOTTO CERINO   Salotto Cerino –  Piazzetta del Leone   Giovedì,  30 marzo, alle ore 18 “La Napoli letteraria di Francesco D’Episcopo" Con...
continua...

Le opere di Marco Coda da Maclis

 

di Francesca Bruciano

 

Giovedì 22 maggio alle 19 il Laboratorio artistico Maclis ha ospitato la personale di Marco Coda “Slegami… verso la libertà”. Otto opere in mostra dell’artista napoletano con il suo nuovo progetto che vede come fulcro della propria tecnica lo studio di corde, simbolo dei legami umani. Legami che uniscono, stringono e, a volte, soffocano lo spirito umano, troppo spesso preda di pregiudizi contro le diversità di genere. In tal senso l'artista si libera da tutti i condizionamenti per sfoggiare finalmente la sua arte libera, tridimensionale e multi cromatica. Con giochi ed intrecci di precisione, Coda unisce il mondo dell’arte a quello del design accompagnando la scelta dei colori a temi di attualità. Un genio creativo del tutto originale, fresco e concettuale allo stesso tempo, che utilizza pannelli multiformi dedicati all’omosessualità, al femminicidio e alla lotta al razzismo, per superare conformismi e liberarsi dalle etichette. Da "Legami", altra performance in cui l’artista esprime chiaramente il concetto, dando attenzione quasi ossessiva alle simmetrie delle forme ed al minimalismo, sintomo di un maggior livello di condizionamento, a "Slegami ....verso la libertà" le corde sciolte – spiega il direttore artistico di Maclis Monica Palumbo - appariranno liberate nel loro muoversi fluide, perdendo l’aspetto geometrico per dare vita al caos”. Scenografo e art interior design, l’artista manifesta il suo estro creativo con personali e mostre collettive, talvolta protagonista egli stesso delle sue performance o installazioni, come in “Shakespeare Piume e Pailettes”, la mini collettiva presentata lo scorso mese da Macis, che, insieme a Slinck e Giuseppe Tuzzi,  ha voluto ispirarsi e rendere omaggio al mondo delle drag queen. Un suggestivo viaggio nel magico mondo del travestimento, attraverso i  lavori di tre artisti.  Marco Coda, autore di lavori ispirati alle sorellastre di Cenerentola, la vivace e fantasiosa Slinck, con i personaggi stravaganti dallo stile minimal e Giuseppe Tuzzi, illustratore e scenografo per il cinema con la passione per la pittura. Monica Palumbo, anche questa volta intende con “Slegami” affidarsi ad un’arte che vuol essere libera e intraprendente, riuscendo a fondere diversi stili che ambiscono ad unire architettura e originalità creativa. La mostra sarà visitabile fino al 10 giugno da Maclis in piazza San Pasquale, 10.

(Maggio 2014)

BilerChildrenLeg og SpilAutobranchen