NEWS

IL MUGNAIO   di Luigi Rezzuti   Due fratelli, due scugnizzi napoletani, di quelli D.O.C., si erano trasferiti, insieme alle loro famiglie, in un...
continua...
Miti napoletani di oggi.52 IL “CUOPPO”   di Sergio Zazzera   In senso proprio, a Napoli il cuóppo è il cartoccio a forma di cono capovolto; in...
continua...
L’OSSESSIONE DELLE VACANZE ALL’ESTERO   di Luigi Rezzuti   La vacanza è un diritto inalienabile. Una volta, tanti anni fa, era un lusso solo per...
continua...
Parlanno ’e poesia.3   di Romano Rizzo    Non so se vi siete mai chiesto quali sono i motivi che inducono a preferire una poesia ad un’altra, un poeta...
continua...
CLAMOROSA INCHIESTA SULLA JUVENTUS   a cura di Luigi Rezzuti   Quando dai social si è saputo che il 22 ottobre 2018 la famosissima trasmissione...
continua...
Natale alla Nicolardi tra bravura e solidarietà   di Annamaria Riccio   Come ormai è consuetudine, anche quest’anno alla scuola media “D’Ovidio...
continua...
“SPUTAZZE” E “LIR’ÂRGIENTO”   di Sergio Zazzera   Per la seconda volta, la cittadina di Ercolano ha perso l’occasione di essere proclamata “Capitale...
continua...
Donne e Madonne   Al via la quarta edizione della Mostra Concorso "Mare Mota", che avrà per oggetto il tema intrigante "Donne e Madonne" e si terrà...
continua...
 YOU NO SPEAK AMERICANO ORIGINAL   ARMY CALL TO ARTISTS. ALL ARTISTS ARE INVITED.  CHIAMATA ALLE ARMI PER GLI ARTISTI. TUTTI GLI ARTISTI SONO...
continua...
    RESIDENZE BORBONICHE, Patrimonio dell’Umanità   APPELLO-PROPOSTA di candidatura per la lista UNESCO   Una grande campagna di...
continua...

ACCADEVA IN UN VICOLO DI NAPOLI

 

di Luigi Rezzuti

 

Era un pomeriggio di luglio tremendamente caldo ed afoso. Vittorio era seduto sul divano di casa, indossava un pantaloncino corto ed una maglietta a mezze maniche.

La casa si trovava in uno stretto vicolo di Napoli, in un quartiere molto popoloso.

Quel pomeriggio non c’era un alito di vento e Vittorio non riusciva a riposare a causa di una nevralgia, scaturita dal troppo caldo e da un alto tasso di umidità.

Il condizionatore d’aria era guasto dall’estate precedente, lo sciacquone del bagno era difettoso, c’era una perdita d’acqua continua, che ogni tanto bisognava bloccarr per evitare di pagare l’eccedenza.

Si sentivano gli schiamazzi della gente che abitava nei bassi e che, per il troppo caldo, si era trasferita sul marciapiede del vicolo con sedie, sedioline e sedie a sdraio.

Dei cani randagi litigavano, rincorrendosi ed abbaiando.

La moglie Cristina, comprendendo i disagi del marito, cercava di consolarlo preparandogli la cena a base di pomodori di Sorrento, aglio, olio, sale e abbondante basilico.

Vittorio non riusciva a riposare: non erano solo il caldo e l’afa a tormentarlo, ma  cose molto più importanti e gravi.

Dopo 25 anni da operaio di un’azienda del nord Italia, era in cassa integrazione. L’azienda, in piena crisi economica, aveva deciso di chiudere, licenziando impiegati, dirigenti ed operai.

A tutto questo si aggiungeva il fatto che, durante una notte, approfittando dell’assenza di Vittorio e Cristina, dei ladri, furtivamente, si erano introdotti nell’appartamento svaligiandolo ed arraffando quanto di più prezioso possedessero : un anello, una collana e l’anello di brillanti, donato da Vittorio a Cristina nel giorno del loro matrimonio, più un discreto gruzzoletto di euro e un computer.

Intanto i mesi trascorrevano veloci. Vittorio ormai era in piena crisi depressiva, senza lavoro e con pochi soldi. Aveva deciso di andare da uno psichiatra.

Aggrediti da questa crisi economica galoppante, Cristina decise di riprendere il lavoro di direttore presso un grande supermercato, per portare, almeno lei, uno stipendio a casa, ma la sfortuna sembrava accanirsi contro questa giovane coppia, infatti, dopo soltanto sei mesi, il supermercato licenzia tutto il personale e chiude.

Cristina torna a casa anch’ella avvilita, depressa, sfiduciata e scoppia a piangere tra le braccia del marito, che inizia anche lui a piangere, però da questo pianto, forse liberatorio, si accorgono di quanto il loro amore sia più forte del condizionatore guasto, dello sciacquone difettoso, della mancanza di soldi e di lavoro.

(Giugno 2014)

BilerChildrenLeg og SpilAutobranchen