NEWS

Genny Esposito l’americano   di Alfredo Imperatore   Nel 1920, Genny Esposito, era venuto dall’America in Italia con un grosso conto in banca, portava...
continua...
A San Valentino …abbiamo tutti 20 anni   Al Museo del Mare, il 14 febbraio, non per nostalgia ma perché anche se i nostri capelli sono bianchi,...
continua...
Juan José Arreola, BESTIARIO   di Luigi Alviggi     Un prologo violento, mezza paginetta, pare voler mandare a gambe all’aria l’intero genere umano e...
continua...
E’ ARRIVATA LA PRIMAVERA   di Luigi Rezzuti   La primavera ha inizio il 21 marzo per finire il 21 giugno. Dopo il maltempo arriva la nuova stagione....
continua...
"Donne e dintorni" a Cetara il 6 marzo   di Claudia Bonasi   Cetara anticipa la festa delle donne e presenta domenica 6 marzo, alle ore 18, presso...
continua...
DIANA FRANCO PER IL QUIRINALE   Il dipinto su cristallo, intitolato Terrae Motus, donato dall’artista napoletana Diana Franco al Quirinale, è esposto...
continua...
Anno nuovo. Tasse e adempimenti fiscali   di Antonio Esposito   Inizia un nuovo anno, buoni propositi, oroscopo, mille incognite, una sola certezza...
continua...
Maria Cristina Russo, Ortensia e altri fiori, Albatros Editore   di Luciana Alboreto   Ortensia regna, sovrana, nel suo giardino incantato da...
continua...
Spigolature   di Luciano Scateni   Ma Vespa non è poi così insostituibile Parla a vanvera chi della Rai ha percezione, dal divano di casa,...
continua...
SANITA’ Eppur si muove…   di Loredana Pica   Eppur si muove… qualcosa a Napoli, una città spesso in bilico tra lentezze burocratiche e una tendenziale...
continua...

FOTOGRAFARE L’ARTE

 

di Sergio Zazzera

 

Sono stato di recente in Francia e in Spagna, dove ho visitato musei e monumenti, e soprattutto li ho abbondantemente fotografati, senza che nessuno si sia opposto; tutt’al più mi è stato chiesto di non usare il lampo e, addirittura, nella Sinagoga parigina di rue Pavée mi è stato suggerito di recarmi sul ballatoio superiore, dal quale avrei potuto scattare foto migliori (inutile dire che ho accolto il suggerimento).

Sempre in tempi recenti, sono stato anche a Firenze, a Pisa, a Palermo, ad Assisi, tutte località nelle quali di foto d’interni di chiese e monumenti neanche a parlarne: ricordo sempre, anche dopo anni, un parroco di Ferrara, il quale mi consentì di fotografare la sua chiesa, aggiungendo: «Tanto, non me ne porta via un pezzo»; un’eccezione che conferma la regola.

Oggi, però, il Governo ha finalmente posto riparo a questa assurda “sindrome della fotografia”, almeno per la parte di sua competenza, vale a dire per i beni delle istituzioni civili: il 1° giugno, infatti, è entrato in vigore il decreto legge 31 maggio 2014, n. 83, rubricato: «Disposizioni urgenti per la tutela del patrimonio culturale, lo sviluppo della cultura e il rilancio del turismo», il cui articolo 12, che titola: “Misure urgenti per la semplificazione in materia di beni culturali e paesaggistici”, contiene un comma 3 assolutamente innovativo. In esso, infatti, si legge: «Al  fine  di  semplificare  e  razionalizzare  le  norme  sulla riproduzione di beni culturali, al Codice dei beni culturali e del paesaggio, di cui al decreto legislativo n. 42 del 2004 e successive modificazioni, sono apportate le seguenti modifiche (omissis): b) all’articolo 108, dopo il comma 3, è aggiunto il seguente: 3-bis. Sono in ogni caso libere, al fine dell’esecuzione dei dovuti controlli, le seguenti attività, purché attuate senza scopo di lucro, neanche indiretto, per finalità di studio, ricerca, libera manifestazione del pensiero o espressione creativa, promozione della conoscenza del patrimonio culturale: 1) la riproduzione di beni culturali attuata con modalità che non comportino alcun contatto fisico con il bene, né l’esposizione dello stesso a sorgenti luminose, né l’uso di stativi o treppiedi; 2) la divulgazione con qualsiasi mezzo delle immagini di beni culturali, legittimamente acquisite, in modo da non poter essere ulteriormente riprodotte dall’utente se non, eventualmente, a bassa risoluzione digitale».

Da oggi, dunque, tutti potranno fotografare liberamente all’interno di musei e monumenti di proprietà dello Stato e di altri enti pubblici – inclusi quelli amministrati dal Fondo per gli edifici di culto –, purché senza l’impiego di flash e treppiedi. L’unico rischio è quello che il decreto possa decadere, se non sarà convertito in legge dal Parlamento entro il 30 luglio prossimo; credo, però, che l’ipotesi sia assolutamente remota.

 (Giugno 2014)

BilerChildrenLeg og SpilAutobranchen