NEWS

QUALI “PRIMARIE”?   di Sergio Zazzera   Le “primarie” del 6 marzo scorso, finalizzate alla designazione del candidato alla carica di sindaco di...
continua...
Il tempo del vino e delle rose Caffè letterario piazza Dante 44/45, Napoli Info 081 014 5940   Domenica, 25 novembre, ore 10:30, per la Rassegna "La...
continua...
Spigolature   di Luciano Scateni   Odio -Amore e nel mezzo Trump Non è vero che l’incredibile Trump rischi il linciaggio politico globalizzato, ma  i...
continua...
Storia del Bambin Gesù di Gallinaro   di Luigi Rezzuti   Le sette sataniche sembrano avere, oggi più di ieri, una  rilevante forza di attrazione in...
continua...
Spigolature   di Luciano Scateni   L’ottimismo si chiama Apple Indossa il giacchino blu di metalmeccanico, stinto dalla fatica, sbiadita la scritta...
continua...
E’ FINITO IL CAMPIONATO DI CALCIO DI SERIE A 2016 – 2017   di Luigi  Rezzuti   Spalletti, allenatore della Roma,  a fine campionato si è ritrovato con...
continua...
Il limite infranto   di Gabriella Pagnotta   Georges Bataille, filosofo francese del secolo scorso, illumina il nostro tempo con le sue riflessioni...
continua...
Miti napoletani di oggi.64 LA “CITTA' IMPERMEABILE”   di Sergio Zazzera   Walter Benjamin elaborò per Napoli la definizione di «città porosa», nel...
continua...
LABORATORIO PUBBLICO DI POESIA   Mercoledì 1 febbraio 2017 presso la libreria L’Altracittà di Roma, via Pavia, 106 inizio ore 18:00 - termine ore...
continua...
MILLE VOCI PER AMATRICE   di ANNAMARIA RICCIO   Il cuore della D’Ovidio Nicolardi questa volta batte per Amatrice. Un concerto al cinema Plaza lo...
continua...

Festa brasiliana

 

di Luciano Scateni 

                               

I mondiali della contestazione raccontano di un Brasile scontento, anzi arrabbiato, per gli undici miliardi riversati sull’organizzazione dei giochi.

Da una parte prevale l’orgoglio carioca per un evento che mette il Paese del carnevale più famoso del mondo sotto gli occhi di gran parte della Terra, dall’altro la rabbia per la sottrazione di risorse indispensabili ai bisogni della gente.

 E così scontri tra manifestanti e polizia, feriti, caos mentre, a poca distanza, avveniva la cerimonia d’apertura del mondiale.

 Il rito di iniziazione si è consumato tra balli e canti, dominati gli uni e gli altri da colori sgargianti e allegria sfrenata.

Niente di trascendentale, per carità,  ma simpatia per il calore dei protagonisti di una festa che ha preceduto il primo incontro e ha messo di fronte Brasile e Croazia.

 Anche per la qualità del match niente di trascendentale e forse da elogiare è la compattezza dei Croati che, per gran parte del primo tempo hanno imposto la loro migliore impostazione di gioco.

Il primo gol nella porta difesa da Julio Cesar, un’autorete di Marcelo, poi la doppietta di Neymar, il primo per responsabilità del portiere croato, il secondo su rigore, inesistente. Il tre a uno sul finale, in un ribaltamento di fronte, quando la Croazia stava tentando disperatamente di pareggiare.

Anche stavolta i biancorossi devono ringraziare il sonno a occhi aperti del portiere croato.

Insomma un match senza infamia e senza lode, fino a quando l’Italia, orfana dell’infortunato Di Sciglio ha affrontato la perfida Albione, la corazzata Inghilterra. Si è giocato a Manau su un campo che somigliava a terra sconnessa, priva di erba e in condizioni climatiche tropicali.

 Prandelli, beato lui, è ottimista. La parola d’ordine è per tutti gli azzurri “il diavolo è meno brutto di quel che sembra”. 

(giugno 2014)

BilerChildrenLeg og SpilAutobranchen