NEWS

L’esilio della bellezza   di Gabriella Pagnotta   Qual è il valore del limite oggi? I limiti sono qualcosa da temere, da mantenere, da costruire o da...
continua...
    RESIDENZE BORBONICHE, Patrimonio dell’Umanità   APPELLO-PROPOSTA di candidatura per la lista UNESCO   Una grande campagna di...
continua...
Storia del Bambin Gesù di Gallinaro   di Luigi Rezzuti   Le sette sataniche sembrano avere, oggi più di ieri, una  rilevante forza di attrazione in...
continua...
PASQUA 2017   di Luigi Rezzuti   La Santa Pasqua, che celebra la resurrezione di Gesù, nel terzo giorno dopo la crocifissione, è considerata la più...
continua...
Vezzi di artisti   di Antonio La Gala     Qui non intendiamo demitizzare figure di artisti; vogliamo soltanto presentare piccole curiosità che ci...
continua...
XXI edizione del Premio Montale Fuori di Casa  Il riconoscimento a Massimo Gramellini     Queste le motivazioni con cui è stato assegnato il XXI...
continua...
La morte di G.B. Vico fra corsi e ricorsi   di Antonio La Gala   Giambattista Vico, oltre alle lezioni di storia alta, con le sue opere, ci ha...
continua...
Lutto in casa Cosmopolis per la morte di Peppe Talone   di Marisa Pumpo Pica     Non è facile metabolizzare un lutto e ancor meno lo è quando il...
continua...
SEGNALIBRO a cura di Marisa Pumpo Pica   LA TOMBA PROFANATA Santagata si fa in quattro di Luciano Scateni  Guida - Kairos    Questo è il...
continua...
Ma a me, lei ci pensa ancora?   di Luigi Rezzuti   Francesco aveva quindici anni. Erano gli anni dei primi innamoramenti, amori teneri di un ragazzo...
continua...

Festa brasiliana

 

di Luciano Scateni 

                               

I mondiali della contestazione raccontano di un Brasile scontento, anzi arrabbiato, per gli undici miliardi riversati sull’organizzazione dei giochi.

Da una parte prevale l’orgoglio carioca per un evento che mette il Paese del carnevale più famoso del mondo sotto gli occhi di gran parte della Terra, dall’altro la rabbia per la sottrazione di risorse indispensabili ai bisogni della gente.

 E così scontri tra manifestanti e polizia, feriti, caos mentre, a poca distanza, avveniva la cerimonia d’apertura del mondiale.

 Il rito di iniziazione si è consumato tra balli e canti, dominati gli uni e gli altri da colori sgargianti e allegria sfrenata.

Niente di trascendentale, per carità,  ma simpatia per il calore dei protagonisti di una festa che ha preceduto il primo incontro e ha messo di fronte Brasile e Croazia.

 Anche per la qualità del match niente di trascendentale e forse da elogiare è la compattezza dei Croati che, per gran parte del primo tempo hanno imposto la loro migliore impostazione di gioco.

Il primo gol nella porta difesa da Julio Cesar, un’autorete di Marcelo, poi la doppietta di Neymar, il primo per responsabilità del portiere croato, il secondo su rigore, inesistente. Il tre a uno sul finale, in un ribaltamento di fronte, quando la Croazia stava tentando disperatamente di pareggiare.

Anche stavolta i biancorossi devono ringraziare il sonno a occhi aperti del portiere croato.

Insomma un match senza infamia e senza lode, fino a quando l’Italia, orfana dell’infortunato Di Sciglio ha affrontato la perfida Albione, la corazzata Inghilterra. Si è giocato a Manau su un campo che somigliava a terra sconnessa, priva di erba e in condizioni climatiche tropicali.

 Prandelli, beato lui, è ottimista. La parola d’ordine è per tutti gli azzurri “il diavolo è meno brutto di quel che sembra”. 

(giugno 2014)

BilerChildrenLeg og SpilAutobranchen