NEWS

Spigolature   di Luciano Scateni   Ma Vespa non è poi così insostituibile Parla a vanvera chi della Rai ha percezione, dal divano di casa,...
continua...
Parlanno 'e poesia   di Romano Rizzo   Antonino Alonge (Palermo, 20 settembre 1871 - Milano, 13 agosto 1958). Poeta e giornalista, visse a Napoli...
continua...
Raccontami una storia   di Mariacarla Rubinacci      C’era una volta Virus, un re crudele della dinastia Covid 19, che regnava a Corona, un Paese...
continua...
Parlanno ’e poesia   di Romano Rizzo   Nando Clemente  Nando Clemente, degno continuatore della poesia classica napoletana, è stato un uomo dotato di...
continua...
Spigolature   di Luciano Scateni   L’ottimismo si chiama Apple Indossa il giacchino blu di metalmeccanico, stinto dalla fatica, sbiadita la scritta...
continua...
Accucchià   di Alfredo Imperatore   Il verbo napoletano accucchià o accucchiare, pur derivando chiaramente dall’italiano accoppiare, composto da a...
continua...
SPIGOLATURE   di Luciano Scateni   Effetto infestante dei migranti Ecco l’incipit di questa nota: la gramigna, la parietaria, i trifogli, invadono i...
continua...
“ULTIMO TOCCO”   Mercoledì 23 marzo 2016, alle ore 18, nella sede della Fondazione Humaniter (piazza Vanvitelli, 15 - Napoli - I piano, aula 11),...
continua...
Ma a me, lei ci pensa ancora?   di Luigi Rezzuti   Francesco aveva quindici anni. Erano gli anni dei primi innamoramenti, amori teneri di un ragazzo...
continua...
L’ELEFANTE  E  LA  FORMICA, di  Eleonora  Bellini   di Luigi Alviggi     Questo lavoro rinnova la memoria su Mohandas Gandhi (1869–1948), il Mahatma...
continua...

FIDUCIA ZERO

 

di Luciano Scateni

 

Fidarsi, dice un noto proverbio, è bene ma … non fidarsi è anche meglio.

 Mai detto popolare è stato più appropriato a eventi che coinvolgono i vertici della Guardia di Finanza, implicati in fatti di corruzione per milioni di euro.

 Cosa ci rimane per credere nelle istituzioni? Della politica marcia è piena la cronaca giudiziaria da oltre vent’anni.

Il clou del malaffare, che si pensava rappresentato dall’inchiesta “Mani pulite” e dalla repressione di tangentopoli, si è dimostrato addirittura poca cosa di fronte alle ruberie della seconda repubblica.

Nel crogiuolo delle nefandezze sono rappresentati, in modo cospicuo, gli uomini di tutti i partiti tradizionali, il gotha dell’imprenditoria, faccendieri, magistrati e rappresentanti di rango delle forze dell’ordine.

Di che meravigliarsi se il popolo degli elettori comincia a disertare le urne? Chi salvare dalle sabbie mobili di scandali milionari, che toccano il mondo delle banche e, soprattutto, quello delle grandi opore pubbliche? E’ poi incomprensibile l’ostilità degli investitori stranieri a considerare l’Italia un territorio ospitale? Matteo Renzi è reduce da un tour nell’emisfero asiatico, dove ha gettato esche per attirare capitali e iniziative imprenditoriali nel nostro Paese, ma come? Azzerando il mondo dei media che raccontano gli scandali all’italiana? Era al corrente delle ultime vicende per cui sono in manette uomini ai vertici della Guardia di Finanza e loro complici, collettori di somme milionarie per evitare i controlli dell’arma? Nel frattempo il magistrato, chiamato a giudicare la task force anti corruzione, Raffaele Cantone, denuncia di non essere in grado di agire adeguatamente per insufficienza di uomini disponibili e l’impossibilità di sanzionare  i reati.

Si tratta solo di deplorevoli ritardi o c’è ancora chi rema contro per impedire che la struttura funzioni a pieno regime? Maroni, considerati gli aspetti giudiziari che incombono, lancia l’allarme sulla possibilità che Expo milanese non sia pronto per la data dell’inaugurazione, Renzi risponde con l’ottimismo giovanile che lo caratterizza e speriamo che sia quest’ultimo ad evitarci una figuraccia mondiale.

(giugno 2014)

BilerChildrenLeg og SpilAutobranchen