NEWS

Miti napoletani di oggi.44 Labirinto napoletano   di Sergio Zazzera   Il mito classico del labirinto è noto a tutti: l’assatanata Pasifae si lascia...
continua...
UNA SORGENTE DI ACQUA DOLCE IN MEZZO AL MARE   di Luigi Rezzuti   Nella splendida costa orientale della Sardegna, tra le splendide calette del Golfo...
continua...
’O guappo ’e cartone   di Luigi Rezzuti     ’O guappo ’e cartone è una commedia in tre atti, scritta da Raffaele Viviani. La prima rappresentazione...
continua...
RITROVARSI  A  PARIGI di   Gaito  Gazdanov   Di Luigi Alviggi   Gaito Gazdanov (San Pietroburgo, 1903 – 1971), figlio di un guardaboschi, nel 1920...
continua...
Illustri illustratori: i Matania   di Antonio La Gala   Càpita spesso di incontrare, fra gli artisti figurativi napoletani, vere dinastie. Fra i...
continua...
 Su e giù con la morte   Sabato 9 aprile ore 18, presentazione del nuovo romanzo di Luciano Scateni - libreria “Io ci sto”, piazza Fuga (accanto...
continua...
Andiamo a Teatro a cura di Marisa Pumpo Pica   Al TEATRO DIANA, DA MERCOLEDI’ 9 NOVEMBRE, ore 21, AGIDI e ENFITEATROpresentano ANGELA FINOCCHIARO e...
continua...
IO E LA VALIGIA   di Luigi Rezzuti   Ero seduto davanti a quella valigia rigonfia, nella quale gli indumenti avanzavano tanto da “obbligarla” a non...
continua...
Buongiorno mezzanotte, torno a casa   Il tempo del vino e delle rose - Caffè letterario - piazza Dante 44/45, Napoli - Info 081 014 5940 Mercoledì 18...
continua...
Napoli Ottocento, come venivano i turisti   di Antonio La Gala   Negli anni Venti dell’Ottocento cominciarono a crescere i flussi turistici verso...
continua...

AUTUNNO-INVERNO 2014 – 2015

AUTUNNO-INVERNO 2014 – 2015: LE PREVISIONI DEGLI

ESPERTI          

 

di Luigi Rezzuti

 

Siamo giunti ad ottobre e solo oggi gli esperti possono fornire le previsioni meteo riguardanti l’autunno e l’inverno 2014 – 2015.

Dal 23 settembre siamo entrati ufficialmente nella stagione autunnale ma, come spesso accade una spaccatura tra chi pronostica che il tempo sarà accompagnato da sole e chi,  invece afferma che ci sarà grande instabilità meteorologica.

La maggior parte degli addetti ai lavori pronostica che il tempo in autunno restituirà il sole di cui non abbiamo potuto godere quest’estate, mentre altri parlano di un inverno veramente gelido che porterà con sè grosse nevicate sulle Alpi e sull’ Appennino centro-settentrionale e in particolar modo, nelle zone di Roma e Napoli, anche violente precipitazioni piovose. Il tutto tra la terza decade del mese  di dicembre ed il mese di gennaio. Meno espostI il Sud e le basse aree del centro-Tirreno.

Non è fantascienza, già se ne parlava e se ne scriveva qualche tempo fa, poi c’è stato il silenzio sino a quando in Italia irrompe una dichiarazione autorevole.

Il famoso climatologo, dott. Vincenzo Ferrara dice “Brutte notizie, arriva la conferma che la corrente del Golfo del Messico è in fase di rallentamento. Questo significa che aumenterà il rischio di un nuovo cambiamento improvviso del clima”.

La tesi del climatologo italiano sembrerebbe si basi su dati certi che provengono da un complesso sistema di rilevamenti delle acque profonde del pianeta.

Con l’inverno che abbiamo avuto appare inverosimile che ipotesi e teorie concordino sui cambiamenti climatici su vasta scala a seguito di una “salita” termica globale.

Intanto, però, da alcuni mesi circola la notizia, diffusa dai maggiori centri meteo mondiali. Essa è stata è stata data dalla NASA: il variare repentino del clima è stato causato da una anomalia presente nel suolo tra i 20 e i 40 chilometri di altezza.

Si dice che l’uomo sia in grado di cambiare i processi climatici per scopi bellici.

Durante la guerra in Vietnam, gli Americani avrebbero bombardato la foresta vietnamita per incrementare le precipitazioni piovose ed impedire al nemico di avanzare.

Essi  avevano provato, riuscendovi maldestramente, a deviare la rotta di queste tremende tempeste.

Anche in Israele i cambiamenti climatici pilotati per incrementare la piovosità sono di routine e divengono ricchezza.

Inoltre si dice che a Pechino e a  Mosca le nubi con precipitazioni piovose vengano dissolte in coincidenza di parate militari.

E’ l’uomo, quindi, a causare queste anomalie con piogge violente, gelo, caldo torrido e siccità?.

Qualche scienziato americano, di fama mondiale, dichiara che c’è il sospetto che quanto stia accadendo sia opera di un Paese nemico, che ha interessi a creare una crisi ecologica senza precedenti.

Gli U.S.A. sarebbero sotto attacco e questo potrebbe avere ripercussioni anche in Europa e in Italia.

Per ora limitiamoci a prendere atto che il prossimo inverno potrebbe essere molto rigido.                                                                                                             

BilerChildrenLeg og SpilAutobranchen