NEWS

Miti napoletani di oggi.49 IL NAPOLI   di Sergio Zazzera    Devo richiamare qui, ancora una volta, l’attitudine della reiterazione del rito a...
continua...
Cosmopolis   CANZONI POESIA MUSICA ARTE Sarà FESTA al VOMERO, presso la FABRICIA’S FITNESS & DANCE, VENERDI’ 27 MAGGIO 2016, dalle ore 17,00, in...
continua...
Juan José Arreola, BESTIARIO   di Luigi Alviggi     Un prologo violento, mezza paginetta, pare voler mandare a gambe all’aria l’intero genere umano e...
continua...
LARGO O PIAZZA?   di Antonio La Gala     Spesso nel leggere cose della Napoli antica ci imbattiamo in denominazioni stradali che ci lasciano...
continua...
LA CAPPELLA DEL BUON CONSIGLIO ALLA “SANTARELLA”   di Sergio Zazzera   L’8 dicembre scorso è stata riaperta al culto, dopo circa quindici anni di...
continua...
I Paesaggi Culturali della Basilicata   Martedì 28 novembre 2017 ore 17.00, all’ASSOCIAZIONE LUCANA GIUSTINO FORTUNATO (PRESSO SUG - VIA CAPPELLA...
continua...
GENNARINO DERUBATO DA UN BAMBINO   di Luigi Rezzuti   Gennarino sperava di godersi una stupenda mattinata sugli scogli di Mergellina, accompagnando la...
continua...
Andiamo aTeatro a cura di Marisa Pumpo Pica   AL TEATRO DIANA “STORIE DI CLAUDIA”   Da mercoledì 24 febbraio fino al 6 marzo, Claudia Gerini in:...
continua...
4 e 7 Luglio due appuntamenti da non perdere da IOCISTO, la libreria di tutti, con Silvio Perrella e Marco Cuomo.   Due appuntamenti da non perdere da...
continua...
Al Festival Ethnoi “La Banda della Ricetta” in concerto   di Claudia Bonasi   Si è appena chiuso “Ethnoi” - Festival delle culture del mondo e delle...
continua...

Hu, cognome cinese in rapida diffusione

 

di Luciano Scateni

 

A Napoli gli Esposito sono in larga maggioranza e il rispetto della tradizione per il cognome più frequente è salvo. Altrove no. La Cina è più vicina? Lo confermerebbe una lunga serie di dati economici che testimoniano l’attenzione concreta dell’impero cinese per l’Italia. Qual è la capitale finanziaria del nostro Paese? Naturalmente è Milano e sentite cosa accade nel capoluogo lombardo: il cognome più diffuso in città e dintorni non è più Rossi e neppure Bianchi, Colombo, Cattaneo o Brambilla, ma è il cinesissimo Hu e gli fanno buona compagnia in alto nella classifica, Chen, Zhou, Wang. Cosa c’è di appetibile per la mega finanza cinese, tanto da attrarre miliardi di investimenti e la partecipazione azionaria sistematica al capitale di grandi imprese italiane? C’è che nel Bel Paese i prezzi sono crollati e conviene investire, più che in Grecia, Spagna o Portogallo per aprire un varco nella zona euro. La presenza cinese, mediamente intorno al due per cento, è consolidata in Eni, Enel, Telecom, Fca, Prysmian, Snam, Terna, Fiat e Generali. I fondi pilotati dalla Banca Centrale di Pechino su Piazza Affari ammontano a cinque miliardi di euro. Deus ex machina delle strategie di espansione economica cinese è il signor Zhou Xiaochuan, governatore della People’s Bank of China la più mastodontica del mondo: possiede personalmente il due per cento della Fiat.  Di concerto, la State Grid Corporation of  China, la più grande compagnia di servizi del mondo, con un milione e mezzo di dipendenti, ha investito in giganti finanziari italiani la bella cifra di due miliardi e cento milioni di euro. Di allettante, l’Italia ha un ottimo rapporto qualità-prezzo confermato anche dal passaggio di proprietà della casa di moda Krizia. Presidente del consiglio di amministrazione dell’azienda passata in mani cinesi, è la signora Zhu Chon Un. L’interesse della Cina per il nostro Paese si è consolidato con la visita di Renzi in quel Paese e si conferma con l’annunciata visita in ottobre del premier Li Keqiang che sarà in Italia, anche per firmare convenzioni commerciali. Ora non c’è dubbio che la lingua internazionale è l’inglese ma, considerati gli sviluppi dei rapporti tra i due Paesi, chissà che in un futuro prossimo non sia introdotto nelle scuole lo studio del cinese. A Napoli la comunità cinese è ben presente e svolge in prevalenza attività commerciali o di confezionamento di vestiario, anche se l’invasione per il momento è ancora contenuta.

BilerChildrenLeg og SpilAutobranchen