NEWS

"Una legge per i matti: quarantanni dopo Basaglia". Presentati i Colloqui di Salerno a cura di Vincenzo Esposito e Francesco G. Forte   di Claudia...
continua...
SEGNALIBRO   a cura di Marisa Pumpo Pica   Le stagioni di una vita di Emilia Menini e Guido Parmegiani Cosmopolis Edizioni Napoli   Questo...
continua...
Miti napoletani di oggi.66 L’EDITORE   di Sergio Zazzera   L’Enciclopedia Treccani definisce “editore” «chi esercita l’industria della produzione e...
continua...
QUATTRO GIORNI ALL’ELBA   di Luigi Rezzuti   Non è la trama di un film di guerra, se il lettore legge male sostituendo Elba con Alba. È semplicemente...
continua...
XXI edizione del Premio Montale Fuori di Casa  Il riconoscimento a Massimo Gramellini     Queste le motivazioni con cui è stato assegnato il XXI...
continua...
Andiamo a Teatro a cura di Marisa Pumpo Pica   DONNAMORE Uno spettacolo che parla di e alle donne, il cui ricavato sarà destinato ai figli delle...
continua...
BROCCOLINCOLLINA Il VOMERO, un quartiere che rappresenta un unicum a Napoli ed in Italia. Una vera città nella città, con una storia, un patrimonio...
continua...
A Cetara lo spettacolo “A Christmas Carol”   di Claudia Bonasi   A Cetara un cartellone di Natale all’insegna della tradizione, destinato a tutte le...
continua...
LA D’OVIDIO NICOLARDI, SCUOLA DI PACE E DI CAMPIONI   di Annamaria Riccio     Un altro anno scolastico si è concluso all’insegna di interessanti...
continua...
STORIE DI CERAMICA     (Giugno 2018)
continua...

La civiltà dei cartelli stradali

 

di Peppe Iannicelli

 

Affronto un argomento che forse sembrerà frivolo a qualcuno, in tempi di così profondo disagio metropolitano. Ma i cartelli stradali  oltre che una preziosa segnaletica per il viandante e/o l’automobilista sono anche un inconfondibile indice di civiltà al cospetto di problemi ben più gravi come i crolli mortali degli edifici monumentali, la tragedia del Rione Traiano, gli agguati ai controllori della Circum, la spazzatura. Napoli ed il suo hinterland continuano ad esser infestati e violentati dai sacchetti di spazzatura.

Il celebre scrittore napoletano Raffaele La Capria denunciando questo strazio ha dichiarato che se Napoli fosse stata governata dalle scimmie non si sarebbe ridotta in questa condizioni; gli scimpanzé avrebbero trovato un sistema per smaltire i propri rifiuti. Se l’immondizia non manca di certo lungo le strade partenopee, quelli che non si trovano neanche a cercarli con la lanterna sono i cartelli stradali. Nell’ultimo fine settimana del 2007 fui invitato ad Acerra per presentare una bella manifestazione. Fu  un salto nel buio il viaggio verso Acerra, ma verso Casal di Principe o Qualiano non sarebbe stato differente. Superato il casello autostradale di Nola, imbocco l’asse mediano schivando qualche cumulo di rifiuti. Viaggio in direzione Villa Literno e mi accorgo che tutti i cartelli miliari sono rovinati e senza catarifrangenti; praticamente inutili per orientare il viaggiatore.

Intravedo a malapena l’uscita Acerra, metto la freccia e lascio la strada principale. Sbuco in aperta campagna; non ci sono né luci, né cartelli stradali. Dove si trova Acerra ? Impossibile capirlo senza scendere dalla macchina e fermare una vettura in transito per chiedere informazioni. Un gentile automobilista mi avverte: dottò, non scendete dalla macchina che qua fanno gli agguati  rapinando i malcapitati e disorientati viaggiatori.

Con molta paura ed un pizzico di fortuna riesco ad arrivare a destinazione; sono felice per lo scampato pericolo. Ma, avendo dimostrato un senso dell’orientamento scimmiesco, penso: chi non riesce a piazzare dei cartelli stradali potrà mai liberarci dai rifiuti ? Una strada senza cartelli è un far west, una terra di nessuno, un luogo senza leggi e senza regole, ma con tanta munnezza.

BilerChildrenLeg og SpilAutobranchen