NEWS

L’ORA  DI  AGATHE di Anne Cathrine Bomann   di Luigi Alviggi   Siamo in un piccolo centro francese, negli anni 40 delsecolo scorso, al termine...
continua...
RITROVARSI  A  PARIGI di   Gaito  Gazdanov   Di Luigi Alviggi   Gaito Gazdanov (San Pietroburgo, 1903 – 1971), figlio di un guardaboschi, nel 1920...
continua...
Buongiorno mezzanotte, torno a casa   Il tempo del vino e delle rose - Caffè letterario - piazza Dante 44/45, Napoli - Info 081 014 5940 Mercoledì 18...
continua...
 YOU NO SPEAK AMERICANO ORIGINAL   ARMY CALL TO ARTISTS. ALL ARTISTS ARE INVITED.  CHIAMATA ALLE ARMI PER GLI ARTISTI. TUTTI GLI ARTISTI SONO...
continua...
Il Mistero di Antignano   di Antonio La Gala   Non si tratta di un giallo, ma di una famosa processione che a Pasqua, da secoli, si celebra al...
continua...
Miti napoletani di oggi.44 Labirinto napoletano   di Sergio Zazzera   Il mito classico del labirinto è noto a tutti: l’assatanata Pasifae si lascia...
continua...
Parlanno ’e poesia 12 – Varie   di Romano Rizzo   Ragionando di poeti e poesia, mi sono tornate in mente alcune semplici considerazioni, che spesso ho...
continua...
IL ROLEX RUBATO   di Luigi Rezzuti   Williams, un giovane di nazionalità inglese, dopo aver superato l’esame di laurea con ottimi voti, si concesse...
continua...
Miti napoletani di oggi.42 IL "RISANAMENTO" DI NAPOLI   di Sergio Zazzera   Si è soliti dire che non tutti i mali vengono per nuocere, benché...
continua...
Pazze strisce pedonali   di Annamaria Riccio   Nella logica delle cose c’è un prodotto che scaturisce da una motivazione, che ne ha indotto...
continua...

Miti napoletani di oggi.26

POSILLIPO

 

di Sergio Zazzera

 

Per gli antichi era il luogo di pace, di riposo, di distensione, per eccellenza, come già sta a dimostrare l’etimologia del nome (< παύω + λυπή), e di quella pace, di quel riposo, di quella distensione parlano le canzoni che poeti e musicisti napoletani gli hanno dedicato (Pusìlleco addiruso, di Ernesto Murolo e Salvatore Gambardella, 1904; Ll’addio, di Libero Bovio e Vincenzo Valente, 1923; Piscatore ‘e Pusìlleco, di Ernesto Murolo ed Ernesto Tagliaferri, 1925).

Prediletta dalle personalità più in vista dell’età romana, ne conserva le tracce, fra l’altro, nella “Scuola di Virgilio” e nella “Grotta di Seiano”. Tale predilezione, poi, continuò nel ‘600, quando il viceré Medina de las Torres vi fece costruire da Cosimo Fanzago il “Palazzo Donn’Anna”, residenza della sua consorte Anna Carafa, e nei secoli successivi, quando le migliori famiglie napoletane vi si fecero costruire splendide dimore, come villa Roccaromana, villa Gerace, villa Bechi (poi Beck), villa Martinelli, fino a villa Rosebery, divenuta poi residenza del re e oggi del Capo dello Stato.

Il mito (= linguaggio falso) di Posillipo ha cominciato a nascere alla metà del secolo scorso, quando, accanto a vere e proprie opere d’arte, come villa Oro e villa Savarese, ideate dal genio di Luigi Cosenza, la speculazione edilizia del “laurismo” diede vita a veri e propri scempi, come i parchi Sagliocco o come il comprensorio di “falsa edilizia popolare ed economica” sorto accanto al parco Del Vecchio, in via Nevio, e come le tante ville appartenenti a figure del mondo dello spettacolo, dello sport e perfino della criminalità, organizzata e non. Da quel momento, infatti, Posillipo ha cessato di essere luogo di delizie, per assumere la fisionomia di status symbol, svuotato delle connotazioni positive, che fino a quel momento lo avevano caratterizzato.

BilerChildrenLeg og SpilAutobranchen