NEWS

TOTONNO ’E  QUAGLIARELLE   di Luigi Rezzuti   Totonno ’e quagliarelle era un personaggio di altri tempi, un uomo tutto di un pezzo, un napoletano...
continua...
Il Paesaggio d’Arte - Winterscapes     Mostra Fotografica - Evento organizzato dalla Associazione Aistetikà,  a cura di Franco Lista e Sergio V. Garzia...
continua...
Miti napoletani contemporanei.65 “SUPER-NAPOLI”   di Sergio Zazzera   Qualche tempo fa ho parlato del “mito-Napoli”; come se non bastasse, ora il...
continua...
 Su e giù con la morte   Sabato 9 aprile ore 18, presentazione del nuovo romanzo di Luciano Scateni - libreria “Io ci sto”, piazza Fuga (accanto...
continua...
IL BUSINESS DEL “COCCO BELLO”   di Luigi Rezzuti   Come in ogni stagione estiva, le spiagge della nostra penisola sono invase da venditori ambulanti...
continua...
Tanto va la gatta al lardo… Giro di boia per il Santone Samuele   di Luigi Rezzuti   Sulle pagine de “IL VOMERESE” del mese di marzo 2016,...
continua...
Garibaldi arrivò in treno   di Antonio La Gala   L'apertura della prima ferrovia italiana, quella da Napoli a Portici, avvenuta il 3 ottobre del...
continua...
"IL COMANDANTE BULOW"     (Gennaio 2019)
continua...
ICEBERG (Ottobre 2016)
continua...
Le lettere di Sua Maestà   di Antonio La Gala   La corrispondenza che Ferdinando I Borbone  indirizzava alla seconda moglie, Lucia Migliaccio,...
continua...

APPROVATA LA LEGGE

APPROVATA LA LEGGE CONTRO COLORO CHE GETTANO A

TERRA MOZZICONI DI SIGARETTE

 

di Luigi Rezzuti

 

Secondo una ricerca  delle Nazioni Unite, sono i mozziconi di sigarette i rifiuti più presenti nelle acque del mar Mediterraneo.

Gettare a terra un mozzicone di sigaretta sembra un gesto “normale” ma, se replicato, milioni di volte le conseguenze per l’ambiente e la salute umana sono catastrofiche.

I mozziconi di sigarette devono essere considerati rifiuti speciali, insieme ad essi anche le gomme da masticare sono quasi sempre disperse nell’ambiente.

I fumatori si giustificano affermando “di non sapere dove mettere la cicca”  ma con l’approvazione della legge non avranno più scuse.

In alcuni Comuni sono previste multe salate per chi getta mozziconi a terra, basterà pensare che al Comune di Trento, di Parma e di Firenze le sanzioni per punire i trasgressori arrivano addirittura a 1000 euro. I fumatori e masticatori di chewingum indisciplinati sono a rischio salasso economico.

Oltre a sanzioni amministrative la legge prevede anche norme sul loro smaltimento.

Le cicche e le gomme da masticare vengono infatti inseriti nell’elenco dei rifiuti speciali e quindi raccolti in appositi contenitori.

I Comuni installeranno nelle strade, nei parchi e nei luoghi di aggregazione sociale appositi raccoglitori.

Ogni giorno in Italia si fumano milioni di sigarette, che vengono abbandonate nei campi, nelle strade, sulle spiagge, nei tombini oppure nella spazzatura.

Ogni anno tonnellate di nicotina, composti organici come il benzene, gas tossici, catrame e tonnellate di acetato di cellulosa vengono dispersi nell’aria e nell’acqua, mettendo a dura prova  la salute.

L’Italia, quindi, dichiara guerra a chi getta per terra mozziconi di sigarette e chewingum sporcando e inquinando le nostre città.

Insomma anche in Italia gli incivili che lasciano per terra ogni genere di cose avranno vita dura e il governo non avrà alcuna tolleranza contro chi continuerà a sporcare la città.

Aspettiamo adesso che il comune di Napoli installi questi raccoglitori per il bene di tutti noi.

(Ottobre 2014)

BilerChildrenLeg og SpilAutobranchen