NEWS

Villa Patrizi e S. Stefano   di Antonio La Gala   Fra le due aree collinari contigue, di Posillipo e del Vomero, possiamo individuare una zona di...
continua...
CONCERTO DI NATALE - FONDAZIONE CASTEL CAPUANO     (Dicembre 2019)
continua...
Calciomercato invernale 2016   di Luigi Rezzuti   Si è concluso, da appena un mese, il girone di andata del campionato italiano di calcio ed è subito...
continua...
NATALE AL VOMERO   di Luigi Rezzuti   Natale è alle porte e, come ogni anno, si pone il dilemma: albero di Natale con i suoi lampioncini, i  nastri...
continua...
Miti napoletani di oggi.46   Pompei   di Sergio Zazzera   Fra i tanti esempi di urbanistica del mondo romano, pervenuti fino ai giorni nostri,...
continua...
Spigolature   di Luciano Scateni   L’ottimismo si chiama Apple Indossa il giacchino blu di metalmeccanico, stinto dalla fatica, sbiadita la scritta...
continua...
Miti napoletani di oggi.43 “’O surdato ‘nnammurato”   di Sergio Zazzera   I conflitti bellici sono stati sempre occasione di nascita di canti, dei...
continua...
Miti napoletani di oggi.49 IL NAPOLI   di Sergio Zazzera    Devo richiamare qui, ancora una volta, l’attitudine della reiterazione del rito a...
continua...
Credenze napoletane (1) Riti e superstizioni   di Alfredo Imperatore   Se c’è una credenza che accomuna tutte le persone, nei vari angoli della...
continua...
CARMINE COLELLA ALL'ASSOCIAZIONE LUCANA     La conferenza verterà su Francesco Mauro, illustre lucano di Calvello (Potenza), di cui si era persa...
continua...

CURIOSITA’: LA MELA

 

a cura di Luigi Rezzuti

 


La mela è conosciuta come il frutto che offre maggiore benessere per la nostra salute, ha un potere antiossidante poiché contiene la provitamina A, vitamina B1, B2, E e C, niacina e acido folico insieme a flavonoidi e carotenoidi.

Non a caso per questo frutto il detto : “Una mela al giorno toglie il medico di torno”. La mela ha origine in Asia centrale ma la possibilità di coltivarla con ogni clima e su ogni territorio ha permesso la creazione di diverse varietà. alcune note come prodotto tradizionale, altre che per la loro denominazione commerciale.

La grande adattabilità di questa coltivazione consente di poter consumare questo frutto in ogni periodo dell’anno.

La maturazione naturale della mela varia da fine agosto a metà ottobre e la sua conservazione varia da uno a quattro mesi.

In Italia sono presenti diverse varietà di mele ma la distribuzione ha ridotto in maniera drastica la gamma disponibile a non oltre sei - otto varietà che coprono il 90% del prodotto.

Tre o quattro varietà sono di origine nazionale, anche se le altre quattro o cinque possono comunque essere coltivate nel nostri paese.

Alcune di queste varietà, disponibili in Italia, sono varietà tradizionali, altre sono note per la loro denominazione commerciale.

Di seguito alcuni esempi : mela annurca di piccole dimensioni rispetto alle altre, con buccia rossa, polpa bianca compatta, croccante, succosa e dolce.

La mela annurca è largamente coltivata nelle regioni meridionali, in particolar modo in Campania, si raccoglie tra settembre e ottobre e si conserva tranquillamente fino a primavera inoltrata.

In commercio troviamo, poi, la fuji di colore rosso-dorato, la golden di colore giallo, la smith di colore verde intenso e la royal di colore rosso intenso.

Nella narrativa e nella mitologia la mela è presente, secondo la leggenda in più casi perché  posta sulla testa del figlio di Guglielmo Tell, o perchè cadde in testa a Isac Newton, facendogli intuire la legge di gravitazione universale. Ne possiamo dimenticare la mela d’oro che Paride diede in premio al Afrodite poiché ella era, secondo lui, la più bella Dea dell’Olimpo, ne possiamo ignorare che fu il frutto che fece cadere in tentazione Adamo ed Eva.

Poi la Apple Record (mela in inglese) che rappresenta la casa discografica inglese fondata dai Beatles nel 1968, la mela con un morso è il simbolo dell’azienda Apple costruttrice di compiuter.

 

(Ottobre 2014)

BilerChildrenLeg og SpilAutobranchen