NEWS

PER TOTO'     (Maggio 2017)
continua...
TOTONNO ’E  QUAGLIARELLE   di Luigi Rezzuti   Totonno ’e quagliarelle era un personaggio di altri tempi, un uomo tutto di un pezzo, un napoletano...
continua...
"IL COMANDANTE BULOW"     (Gennaio 2019)
continua...
Spigolature   di Luciano Scateni   Diritti negati Corrado Augias, prestigioso giornalista e scrittore non credente, coltiva l’interesse per la...
continua...
FUGA DEI PENSIONATI ALL’ESTERO   di Luigi Rezzuti   Il numero dei pensionati che si trasferiscono all’estero è in costante aumento. Tra le ragioni...
continua...
Gli incontri della Fondazione Premio Napoli   Iniziano gli incontri della Fondazione Premio Napoli aperti alla città. Si parte l’11 marzo, alle ore...
continua...
Miti napoletani di oggi.52 IL “CUOPPO”   di Sergio Zazzera   In senso proprio, a Napoli il cuóppo è il cartoccio a forma di cono capovolto; in...
continua...
SALUTE Frutta di primavera   di Luigi Rezzuti   In primavera arriva la frutta “golosa”, quella che piace proprio a tutti, dai grandi ai bambini e...
continua...
UN VIAGGIO DI ALTRI TEMPI   di Luigi Rezzuti   Un mendicante, tutte le sere se ne andava a dormire nella stazione centrale di piazza Garibaldi a...
continua...
TORNEO DI BOCCE AL LIDO CELESTE DI GIANOLA   Presso il Lido Celeste di Formia località Gianola si è svolto sabato 26 e domenica 27 agosto un...
continua...

PANE E CALCIO QUOTIDIANO

 

di Luciano Scateni

 

I primi a dare pedate a una sfera, parliamo di oltre cento anni fa, non avrebbero mai immaginato di aver inventato un business mondiale che non conosce crisi e fa girare miliardi. In questa sua fase di evoluzione-involuzione, il fenomeno si sintetizza in poche parole: ai suoi livelli più alti hanno messo le mani sul calcio i nababbi di ogni latitudine, i big di affari colossali, come i possessori della fonte principale energetica che è il petrolio. Osserviamo l’escalation dello sport che appassiona qualche miliardo di seguaci: attività dilettantistica per un lungo periodo, ha subito una serie di rivoluzioni fino a diventare totalizzante per i tifosi che vivono di calcio da mane a sera, per ogni santo giorno dell’anno. A favorire la popolarità  di questa droga dei poveri, ecco la potenza mediatica di giornali, radio e televisioni che inventano mille strategie per tenere desta l’attenzione, a tratti spasmodica, dei loro utenti. Si inventano dunque polemiche tra uomini di opposte fazioni calcistiche, si ricorre al gossip, si favorisce la pressione alta dei tifosi e, peggio che mai, si consente che orde di teppisti scatenino la violenza tra ultra “nemici”. Il gioco sfugge di mano al sistema e ci scappano perfino i morti. Gli stadi diventano infrequentabili per le persone normali e a poco servono i provvedimenti repressivi.  Era quasi inevitabile che un mondo in cui si muovono cifre da capogiro partorisse anche illegalità. La giustizia si è dovuta occupare a più riprese di calcio scommesse che ha coinvolto calciatori e arbitri, pronti a falsare i risultati di alcune partite. C’è poi la lamentazione di fondo di squadre “minori” che accusano gli arbitri a vario titolo di sudditanza verso i club più potenti. Ai tempi di Lauro, presidente del Napoli Calcio si gridò allo scandalo per l’acquisto dello svedese Jepsson, pagato cento milioni. A distanza di sessanta anni si considera normale la valutazione di cento milioni di euro per accaparrarsi le prestazioni di un asso della pedata e nessuno si meraviglia se la maggior parte delle squadre più blasonate in Italia mette in campo undici giocatori stranieri che nulla hanno a che fare con la città che li ospita. Calcio televisivo, ormai, con  partite a tutte le ore e turni infrasettimanali: da Gennaio a Dicembre un’ orgia di eventi che saturano la libido delle tifoserie per questo  sport invasivo.

(Ottobre 2014)

BilerChildrenLeg og SpilAutobranchen