NEWS

Parlanno 'e poesia   di Romano Rizzo   Antonino Alonge (Palermo, 20 settembre 1871 - Milano, 13 agosto 1958). Poeta e giornalista, visse a Napoli...
continua...
Medicina ieri e oggi   di Luigi Rezzuti   Ogni volta che per televisione passava la pubblicità del “Già fatta? Pic indolor, l’ago niente male”, che...
continua...
MAGGIO DEI MONUMENTI   di Luigi Rezzuti   La 24° edizione del “Maggio dei Monumenti” è partita il 28 aprile per terminare il 3 giugno...
continua...
IL ROLEX RUBATO   di Luigi Rezzuti   Williams, un giovane di nazionalità inglese, dopo aver superato l’esame di laurea con ottimi voti, si concesse...
continua...
Il rovescio della medaglia Lello Lupoli ( 5.10.1918 / 20.5.1995 )     di Romano Rizzo     La figura artistica di Lello Lupoli è nota a tutti gli...
continua...
Il valore della formazione   di Gabriella Pagnotta   Questo articolo è rivolto a chi, come me, vive le richieste, da una parte, di una scuola alla...
continua...
Per grazia non ricevuta   di Antonio La Gala   Non desta meraviglia (non perché non la dovrebbe destare, ma solo perché vi ci siamo abituati) la...
continua...
E’ FINITO IL CAMPIONATO DI CALCIO DI SERIE A 2016 – 2017   di Luigi  Rezzuti   Spalletti, allenatore della Roma,  a fine campionato si è ritrovato con...
continua...
TANTI AUGURI. MARADONA CHE NON TRADISCE   di Peppe Iannicelli   Napoli e Buenos Aires, il Vesuvio ed il Rio de La Plata,  i vicoli del Decumano e le...
continua...
Martedì 4 luglio al via "Vietri in Scena" Oltre 20 appuntamenti gratuiti a Villa Guariglia, Villa Comunale e Palazzo della Guardia   Al via domani...
continua...

PANE E CALCIO QUOTIDIANO

 

di Luciano Scateni

 

I primi a dare pedate a una sfera, parliamo di oltre cento anni fa, non avrebbero mai immaginato di aver inventato un business mondiale che non conosce crisi e fa girare miliardi. In questa sua fase di evoluzione-involuzione, il fenomeno si sintetizza in poche parole: ai suoi livelli più alti hanno messo le mani sul calcio i nababbi di ogni latitudine, i big di affari colossali, come i possessori della fonte principale energetica che è il petrolio. Osserviamo l’escalation dello sport che appassiona qualche miliardo di seguaci: attività dilettantistica per un lungo periodo, ha subito una serie di rivoluzioni fino a diventare totalizzante per i tifosi che vivono di calcio da mane a sera, per ogni santo giorno dell’anno. A favorire la popolarità  di questa droga dei poveri, ecco la potenza mediatica di giornali, radio e televisioni che inventano mille strategie per tenere desta l’attenzione, a tratti spasmodica, dei loro utenti. Si inventano dunque polemiche tra uomini di opposte fazioni calcistiche, si ricorre al gossip, si favorisce la pressione alta dei tifosi e, peggio che mai, si consente che orde di teppisti scatenino la violenza tra ultra “nemici”. Il gioco sfugge di mano al sistema e ci scappano perfino i morti. Gli stadi diventano infrequentabili per le persone normali e a poco servono i provvedimenti repressivi.  Era quasi inevitabile che un mondo in cui si muovono cifre da capogiro partorisse anche illegalità. La giustizia si è dovuta occupare a più riprese di calcio scommesse che ha coinvolto calciatori e arbitri, pronti a falsare i risultati di alcune partite. C’è poi la lamentazione di fondo di squadre “minori” che accusano gli arbitri a vario titolo di sudditanza verso i club più potenti. Ai tempi di Lauro, presidente del Napoli Calcio si gridò allo scandalo per l’acquisto dello svedese Jepsson, pagato cento milioni. A distanza di sessanta anni si considera normale la valutazione di cento milioni di euro per accaparrarsi le prestazioni di un asso della pedata e nessuno si meraviglia se la maggior parte delle squadre più blasonate in Italia mette in campo undici giocatori stranieri che nulla hanno a che fare con la città che li ospita. Calcio televisivo, ormai, con  partite a tutte le ore e turni infrasettimanali: da Gennaio a Dicembre un’ orgia di eventi che saturano la libido delle tifoserie per questo  sport invasivo.

(Ottobre 2014)

BilerChildrenLeg og SpilAutobranchen