NEWS

NAPOLETANA - Arte turca al CAM   Dal 18 novembre 2017 alle ore 18.00 presso il museo CAM si terrà Napoletana, a cura di Kani Kaya, mostra di 37...
continua...
I Cacciottoli   diAntonio La Gala   Questo toponimo denomina sia la Salita, che da Corso Vittorio Emanuele porta al Vomero, sia un'estesa zona...
continua...
BOMBE DI MERCATO   di Luigi Rezzuti   E’ da poco terminato il Campionato italiano di calcio di Serie A e già gli addetti ai lavori sono impegnati in...
continua...
Dottore… caffè?   GIOVEDÍ 03 NOVEMBRE, alle ore 19, da NONSOLOCAFFÈ, Corso Vittorio Emanuele III, 321, Torre Annunziata (NA), Presentazione del libro...
continua...
A nord del crepuscolo orientale   Mercoledì, 9 Marzo 2016, alle ore 17 presso l’Istituto italiano per gli studi filosofici, Palazzo Serra di Cassano,...
continua...
Miti napoletani di oggi.59 LE INAUGURAZIONI   di Sergio Zazzera   28 marzo 2011: al Vomero, in località Cacciottoli, si svolge, con grande...
continua...
ALL’ARENA “SIECI” DI SCAURI: “ I CASI SONO DUE”   di Luigi Rezzuti   L’associazione Teatrale Cangiani, dopo gli strepitosi successi di pubblico e...
continua...
I Paesaggi Culturali della Basilicata   Martedì 28 novembre 2017 ore 17.00, all’ASSOCIAZIONE LUCANA GIUSTINO FORTUNATO (PRESSO SUG - VIA CAPPELLA...
continua...
Anatomia di una scelta di Luigi Alviggi – Guida editori   di Marisa Pumpo Pica   Luigi Alviggi, in questo suo nuovo cimento letterario, si conferma...
continua...
LA SAGRA DELLA CASTAGNA   di Luigi Rezzuti   Ottobre e novembre sono i mesi delle castagne e la nostra Regione offre l’imbarazzo della scelta per...
continua...

Miti napoletani di oggi.27

 LE ”TRE CARTE"

 

di Sergio Zazzera

 


Emergo dalla nuova stazione Garibaldi della Metropolitana e m’imbatto in un banchetto, sul quale si pratica il gioco delle “tre carte”: l’uomo che lo esercita, coadiuvato da un “compare” addetto ad attirare partecipanti-polli da spennare, sposta continuamente  e con celerità le tre carte da gioco («Questa perde, questa vince, questa perde»), interrogando, poi, lo scommettitore sul posto occupato da quella vincente. Posto che, immancabilmente, non è quello indicato dal malcapitato, il quale ci rimette la somma puntata.

Il gioco è antico quanto il cucco e lo strumento per esercitarlo può essere diverso: in luogo delle carte, le campanelle, o le tavolette, o le palline; l’importante è che la rapidità della loro manipolazione da parte dell’esercente valga a confondere le idee di chi ha accettato di scommettere. D’altronde, poi, se il caso o la fortuna consentissero a costui d’indovinare realmente la posizione dell’oggetto vincente, ciò lo indurrebbe a proseguire nel gioco, rimettendoci la somma vinta e tutto quant’altro.

Ma il mito? già, il mito: per quanto la giurisprudenza talvolta abbia ammesso e talaltra escluso che si sia in presenza di una ipotesi di gioco d’azzardo, in ogni caso, è ammissibile che, pur essendo ormai entrati nel terzo millennio, ci sia ancora chi si lascia gabbare da questa specie di truffatori?

 (Novembre 2014)

BilerChildrenLeg og SpilAutobranchen