NEWS

A Cetara lo spettacolo “A Christmas Carol”   di Claudia Bonasi   A Cetara un cartellone di Natale all’insegna della tradizione, destinato a tutte le...
continua...
LE FORME DELLA POESIA   Da “Il tempo del vino e delle rose” riceviamo e siamo lieti di pubblicare gli eventi della settimana: 4 maggio ore 18.30:...
continua...
Parlanno ’e poesia 7   di Romano Rizzo   Peppino Russo  (13 Maggio 1907 / 16 Ottobre 1993) Peppino Russo nacque a Napoli, al corso Garibaldi, nei...
continua...
L’OSSESSIONE DELLE VACANZE ALL’ESTERO   di Luigi Rezzuti   La vacanza è un diritto inalienabile. Una volta, tanti anni fa, era un lusso solo per...
continua...
Parlanno ’e poesia 12 – Varie   di Romano Rizzo   Ragionando di poeti e poesia, mi sono tornate in mente alcune semplici considerazioni, che spesso ho...
continua...
Campionato di calcio di serie A, Stagione 2017/2018   di Luigi Rezzuti   Quasi tutti sanno degli stipendi percepiti dai calciatori, ma in pochi sanno...
continua...
WEEKEND SULLA NEVE   di Luigi Rezzuti   Tutto ebbe inizio con il weekend che Franco e Vanessa avevano deciso di fare in montagna. Partirono nel primo...
continua...
L’altra faccia della medaglia   di Romano Rizzo   In questa rubrica cercheremo di presentarvi, di alcuni poeti, un lato poco conosciuto.   Gennaro...
continua...
ANTICHI SAPORI   di Luigi Rezzuti   Con l’avvicinarsi della stagione invernale mi sono tornati alla mente gli antichi sapori di una volta, tra cui...
continua...
Miti napoletani di oggi.73 LA SOFFERENZA   di  Sergio Zazzera   Il mito della sofferenza, al giorno d’oggi, non è patrimonio esclusivo del popolo...
continua...

UN SALTO NEL 1600 CON NarteA : STORIE DI DONNE NEL

COMPLESSO DI SANTA CHIARA

 

Domenica 23 novembre, in prossimità della Giornata mondiale contro la violenza sulle donne, si sono accesi i riflettori al Complesso di Santa Chiara per la visita guidata teatralizzata dell’Associazione Culturale NarteA: un salto nel passato con “Santa Chiara in Fabula, racconti prima della pioggia” per dare voce a quattro donne, ma più in generale alla condizione di alcune figure femminili di grande forza e virtù che hanno subito oltraggi e violenze. Alla storia si aggiunge l’arte del luogo e del teatro con attrici professioniste in abiti d’epoca e guide turistiche che hanno accompagnato i partecipanti in un vero e proprio viaggio nel 1600 napoletano.

Il Complesso di Santa Chiara conserva nel suo grembo uno dei più celebri monasteri al mondo: le colonne e i sedili del giardino sono infatti ricoperte da esclusive decorazioni a piastrelle maiolicate arricchite da particolari disegni che quasi si confondono con le vivaci sfumature delle viti canadese. La “spettacolarizzazione” dell’evento culturale è ambientata sullo sfondo storico della vicenda del 1656, quando questo luogo sorgeva come un’oasi nel “deserto turbolento” della città partenopea: all’epoca Napoli fu messa in ginocchio da una tremenda epidemia che decimò gran parte della popolazione. Le condizioni di vita delle donne, soprattutto di quelle rifugiatesi nel monastero per trovare scampo allo sterminio pestilenziale, non erano facili. In un ambiente monastico non era semplice vivere e alcune giovani donne, come diversivo, decisero di ispirarsi al Decameron di Giovanni Boccaccio per trascorrere quelle interminabili ore.

In abiti d’epoca, sono state protagoniste di “Santa Chiara in Fabula, racconti prima della pioggia” le attrici professioniste Annarita Ferrero, Marianita Canfora, Katia Tannoia e Annalisa Direttore che hanno ricreato in quell’atmosfera “boccaccesca” un “intrattenimento gioco” fatto di racconti, di leggende e di storie, reali o inventate, appartenenti alla propria città. Fiabe, storie, pettegolezzi, sono diventati così la cornice di un’ originale narrazione che ha parlato delle donne e di Napoli,  partendo proprio dal suo “cuore maiolicato”.

(Novembre 2014)

BilerChildrenLeg og SpilAutobranchen