NEWS

Spigolature   di Luciano Scateni   Diritti negati Corrado Augias, prestigioso giornalista e scrittore non credente, coltiva l’interesse per la...
continua...
Spigolature   di Luciano Scateni   L’ottimismo si chiama Apple Indossa il giacchino blu di metalmeccanico, stinto dalla fatica, sbiadita la scritta...
continua...
Miti napoletani di oggi.78 “MANI SULLA CITTA'”   di Sergio Zazzera   La formula “mani sulla città” richiama alla mente, in maniera immediata,...
continua...
7 marzo. Il fascino dell’immaginario, ovvero la creatività   Creatività: anche su questo indaga la Scuola di Palo Alto, prima al mondo per le ricerche...
continua...
OGNI PICCOLA COSA INTERROTTA, di Silvia Celani   di Luigi Alviggi   Per chiudere i conti col passato a volte non basta l’intera vita. È il caso dei...
continua...
Il Natale napoletano   di Luigi Rezzuti   Il Natale a Napoli è qualcosa di assolutamente unico rispetto alle altre città, sia dell’Italia che...
continua...
Un libro a Teatro   a cura di Marisa Pumpo Pica   Sabato, 5 marzo, alle ore 11.30, nella sala del Teatro Diana, nell’ambito della rassegna...
continua...
Miti napoletani di oggi.62 L’EXTRACOMUNITARIO   di Sergio Zazzera   Il fenomeno dell’immigrazione, soprattutto dai paesi africani, è divenuto...
continua...
L’intramontabile fascino della dieta mediterranea   di Laura Coluccio *   Maggio e giugno, antichi nemici della tavola e grandi amici di diete e...
continua...
Incontri tra letteratura e matematica   Fisciano, mercoledì 8, ore 15,00, Università degli studi di Salerno, Incontri tra letteratura e...
continua...

LA CHIESA DI SANTA MARIA DI PORTOSALVO

 

di Francesca Bruciano

 

La chiesa di Santa Maria di Portosalvo,  situata “fuori le mura” della città, all'inizio di via Marina, nelle adiacenze del porto di Napoli, è attualmente chiusa al pubblico e da anni attende il restauro. Esempio di architettura rococò è uno dei luoghi di culto cattolico di particolare valore, la cui costruzione risale alla seconda metà del Cinquecento, ad opera di una congregazione di marinai ed armatori, scampati ad un pericoloso nubifragio. La sua particolarità consiste nella disposizione interrata, rispetto al manto stradale, che la vuole inglobata e recintata sul percorso di una strada urbana. Diversi furono i lavori di rifacimento durante il Seicento e  tante le tele di artisti poco noti e vari gli affreschi commissionati al suo interno. Importante è il pregevole soffitto a cassettoni, in legno dorato, con al centro una tela, dipinta da Battistello Caracciolo, raffigurante la Gloria della Vergine.

Annessa alla chiesa vi è una palazzina adibita a sagrestia e ad abitazione dei membri della congregazione, posta sul lato sinistro del campanile. Nei giardini esterni  della chiesa un obelisco, edificato in era borbonica in luogo della vittoria realista sulla Repubblica Partenopea del 1799, è ora transennato. L’esterno della chiesa versa da troppo tempo in uno stato di abbandono e di degrado, con immondizia e scarti lasciati all’interno del recinto perimetrale. Basterebbe davvero poco, forse, per recuperare questi spazi, rendendoli  se non altro gradevoli alla vista.

E’ necessario un segno di  “civiltà” che significa rispetto per se stessi e per la propria città,  ricca di un variegato patrimonio artistico e culturale che potrebbe - se solo lo si volesse - vivere di turismo. Nel frattempo  auspichiamo  un intervento da parte delle autorità competenti, al fine di ridonare valore ad un pezzo importante di storia della cultura e dell’architettura partenopea.

(Novembre 2014)

BilerChildrenLeg og SpilAutobranchen