NEWS

Cambiare oggi il futuro   di Mariacarla Rubinacci   Il compagno della vita non c’è più. Nulla sarà come prima. Devo affrontare il futuro. Devo...
continua...
HAMSIK LASCIA NAPOLI PER LA CINA   di Luigi Rezzuti   Il mercato invernale italiano di calcio si era chiuso il 31 gennaio e l’unico movimento per il...
continua...
Spigolature   di Luciano Scateni   Succede che razzoli male chi predica bene Ma da che dissacrante pulpito il re Mida dei comici arringa il popolo...
continua...
LO SCIROPPO DEL MONACO   di Luigi Rezzuti   Era una fresca e limpida giornata di aprile e gli orologi segnavano le 13.     Un monaco, dinanzi alla...
continua...
SI E’ CONCLUSO IL GIRONE D’ANDATA DEL CAMPIONATO DI CALCIO   di Luigi Rezzuti   Ad aggiudicarsi il girone d’andata è stata, come da previsioni, la...
continua...
GENNARINO DERUBATO DA UN BAMBINO   di Luigi Rezzuti   Gennarino sperava di godersi una stupenda mattinata sugli scogli di Mergellina, accompagnando la...
continua...
Calciomercato invernale 2016   di Luigi Rezzuti   Si è concluso, da appena un mese, il girone di andata del campionato italiano di calcio ed è subito...
continua...
TANTI AUGURI. MARADONA CHE NON TRADISCE   di Peppe Iannicelli   Napoli e Buenos Aires, il Vesuvio ed il Rio de La Plata,  i vicoli del Decumano e le...
continua...
Parlanno ’e poesia 4 - Giovanni Boccacciari   di Romano Rizzo   Una fìgura di primo piano, nel panorama della poesia napoletana è stata, senza dubbio,...
continua...
Convegno dell’Hortus Magnus ai Canottieri di Salerno: “La natura nell’arte pittorica tra scienza ed etica”    Quest’anno il consueto appuntamento con...
continua...

La stele di Rosetta

 

di Luciano Scateni

 

Ha un nome gentile la sonda che ha raggiunto la meta della cometa dove è atterrata per l’entusiasmo degli scienziati che l’hanno progettata e inviata nello spazio.

Si chiama Rosetta, ma il nome non è stato ispirato da una donna dello staff  protagonista dell’impresa.

Più semplicemente è stato mutuato dalla Stele di Rosetta nella speranza di svelarci quanto ancora c’è di misterioso nel sistema solare e nella nascita dei pianeti.

Rosetta è felicemente discesa sulla superficie della cometa 67/P/Churyomov-Gerasimneko e ha iniziato il suo lavoro di esplorazione, svolto da un braccio meccanico con cui la sonda si è posata sulla cometa. Nel centro dove opera l’Agenzia Spaziale Europea si festeggia con entusiasmo l’evento.

La seconda fase impegnerà un trapano a penetrare il suolo di Rosetta per carpirne i segreti.

Per la perforazione è previsto il tempo di due ore. L’Agenzia Spaziale Italiana sovrintende alle operazioni della sonda dalla centrale di Colonia, In Germania.

 Il trapano è stato progettato nel nostro Paese dal Politecnico di Milano ed è stato costruito da un’azienda del gruppo Finmeccanica: scaverà nel suolo della cometa fino alla profondità di venti metri.

I campioni raccolti dal trapano saranno sottoposti ad altri strumenti e l’indagine sui loro dati prenderà ancora un’ora di tempo.

Al termine dell’analisi le valutazioni torneranno a bordo della Rosetta  che a sua volta li invierà all’Agenzia Spaziale Europea.

La partecipazione italiana all’impresa di Rosetta è stata legittimamente enfatizzata dai media, a testimoniare l’eccellenza della ricerca del nostro Paese, a dispetto dell’insufficienza delle risorse messe a disposizione e della scarsa attenzione del Paese per i settori innovativi della tecnologia.

(Novembre 2014)

BilerChildrenLeg og SpilAutobranchen