NEWS

MACCHINE DA SCRIVERE DALL’800 AD OGGI   a cura di  Luigi Rezzuti   Nell’epoca del digitale e dei computer la scrittura si è evoluta e continua ad...
continua...
SEGNALIBRO   a cura di Marisa Pumpo Pica   Fiori del mio campo, di Giovanni Baiano, Cosmopolis Edizioni Napoli   Uomo d’altri tempi, Giovanni...
continua...
MUTAVERSO TEATRO   Lunedì 26 novembre 2018, alle ore 11,00, nella Sala del Gonfalone del Comune di Salerno, si terrà la conferenza stampa di...
continua...
IL CALCIO E’ CORROTTO E MALATO   di Luigi Rezzuti   Purtroppo il calcio, il più bel gioco mondiale, seguito dalla maggior parte delle persone, è...
continua...
TANGO DOWN di Gianluca Durante Caccia all’assassino   di Marisa Pumpo Pica     Presso l'Oratorio dell'Arciconfraternita, a Vietri sul Mare, si è...
continua...
STORIE DI CERAMICA     (Giugno 2018)
continua...
Nascita della stazione di Napoli Centrale   di Antonio La Gala   Tutti i napoletani, quelli meno giovani, per esperienza diretta, gli altri,...
continua...
LA TOMBA PROFANATA  
continua...
TEATRO BOLIVAR - start up stagione 2016/2017   DUETTI 200 grammi di teatro a sera direzione artistica Ettore Nigro e David Jentgens   29|30...
continua...
AVERSA COMPIE 994 ANNI                                       Aversa celebra il suo 994° compleanno con una “Due giorni” organizzata dall’Associazione...
continua...

“APEIRON: SEGNI E STRUTTURE”

 


Domenica 7 dicembre 2014, alle ore 10.30, nella sede del Municipio di Casola di Napoli (via Roma, 8), sarà inaugurata la mostra dell’artista vomerese Giovanni Ferrenti, “Apeiron: Segni e Strutture”, a cura di Annamaria Santarpia, che, attraverso un percorso espositivo di circa 40 opere tra dipinti, sculture, ceramiche e grafiche, intende favorire la conoscenza della produzione dell’artista vulcanico e prolifero, ascrivibile a quell’universo artistico che, impropriamente definito “arte astratta”, più correttamente pdovrebb’essere qualificato “arte aniconica”. L’esposizione, avente carattere antologico, segue quella allestita con particolare successo, nel mese di ottobre scorso, a Vico Equense.

L’opera di Ferrenti si colloca al limite tra varie forme espressive, attraverso la sperimentazione di linguaggi diversi e l’abbandono del figurativismo puro. Il percorso dell’artista prende l’avvio dalla fine degli anni ’40, successivi all’incontro col “nucleare”, attraverso la realizzazione dei “Fotogrammi” (riverberi della luce impressi sulle pellicole fotografiche) e, poi, dei “Cromogrammi” degli anni Cinquanta e del “Pendolo luminoso” degli anni Sessanta del secolo scorso, fino alle esperienze del digitale, sfociate nel ciclo delle grafiche intitolato: “Il mio piccolo mondo infinito” (2013). Tali caratteri si ripresentano, altresì, nella tridimensionalità delle opere scultoree, delle quali si fanno apprezzare, in maniera particolare, quelle di grandi dimensioni, nelle quali è marcata la relazione con lo spazio nel quale esse sono immerse.


L’inaugurazione della mostra prevede una conferenza-proiezione, con la partecipazione del sindaco del Comune di Casola di Napoli, Domenico Peccerillo, dell’assessore alla Cultura, Pietro Martire, del presidente della Pro-Loco, Gaetano Cannavacciuolo, nonché della professoressa Clementina Gily Reda (Università degli Studi Federico II), della dottoressa Annamaria Santarpia, curatrice della mostra, di critici d’arte e di varie istituzioni politiche, artisti e giornalisti, moderati dall’architetto Antonella Laura Cascone. L’esposizione potrà essere visitata fino al 31 gennaio 2015, tutti i giorni, dalle ore 9.30 alle 12.30 e dalle 15 alle 18; è possibile prenotare visite guidate (tf. 081.8012999; 366.1655700; 339.4869945; e-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. ; Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. ).

(Dicembre 2014)

BilerChildrenLeg og SpilAutobranchen