NEWS

L’esilio della bellezza   di Gabriella Pagnotta   Qual è il valore del limite oggi? I limiti sono qualcosa da temere, da mantenere, da costruire o da...
continua...
APPUNTI DI GUERRA   di Luigi Rezzuti   Una domenica pomeriggio, dopo pranzo, non avendo nulla da fare, mi soffermai a guardare le foto di mio fratello...
continua...
GENNARINO DERUBATO DA UN BAMBINO   di Luigi Rezzuti   Gennarino sperava di godersi una stupenda mattinata sugli scogli di Mergellina, accompagnando la...
continua...
QUALI “PRIMARIE”?   di Sergio Zazzera   Le “primarie” del 6 marzo scorso, finalizzate alla designazione del candidato alla carica di sindaco di...
continua...
PER_FORMARE UNA COLLEZIONE   Venerdì 22 giugno alle ore 19.00 il Museo Madre inaugurerà il nuovo capitolo del progetto in progress  “Per_formare  una...
continua...
LA JUVE VINCE LO SCUDETTO   di Luigi Rezzuti   Nel Campionato di calcio italiano non si può andare oltre il secondo posto perché prima di iniziare la...
continua...
Un libro a Teatro   a cura di Marisa Pumpo Pica   Sabato, 5 marzo, alle ore 11.30, nella sala del Teatro Diana, nell’ambito della rassegna...
continua...
Un uomo pigro   di Luigi Rezzuti   Sono stanco, tanto stanco, sono stanco di essere stanco, non amo passeggiare, non amo fare shopping, mi annoio...
continua...
UNITRE - Cerimonia di chiusura dell’anno accademico   Si è svolta, nei giorni scorsi,  la cerimonia di chiusura dell’anno accademico 2015/2016...
continua...
L’altra faccia della medaglia   di Romano Rizzo   In questa rubrica cercheremo di presentarvi, di alcuni poeti, un lato poco conosciuto.   Gennaro...
continua...

NATALE IN POESIA

 

di Matteo

 

Natale festa di luce, luce per vedere

la strada che mi deve portare

alla via per la pace,

alla rotta della gioia

alla felicità e all’allegria.                                

Felice come non mai

in questo Natale

perché la mia vita è bella e raggiante.

Natale che passione

e che bontà il panettone!

Io voglio percorrere

una strada speciale,

mi volete accompagnare?

 

 

 

Un angioletto di stoffa

E una manciata di perline

per dire a voi, genitori. che vi voglio bene,

per chiedervi che vegliate sempre su di me

e mi abbracciate anche

nei momenti più complicati.

Mi sostenete e mi reggete in piedi

Come angeli custodi

Che per me usano solo

La sostanza più pura e speciale:

l’amore.

Dunque avrete certo capito

Il mio amore per voi.

Io capisco il vostro e quindi,

me lo volete regalare?

 (Gennaio 2015)

BilerChildrenLeg og SpilAutobranchen