NEWS

Eleganza   di Mariacarla Rubinacci   Finalmente ha fatto il suo trionfale ingresso la stagione calda/tiepida, dato che alcuni momenti di pioggia...
continua...
Il CAM, il museo anticamorra, dedica una sala a Roberto Saviano a cura di Antonio Manfredi   Nei giorni scorsi, si è svolta, presso il CAM, la...
continua...
Gianfranco PECCHINENDA, Come se niente fosse   di Luigi Alviggi   Undici racconti aprono lo sguardo su una serie di scenari ove le differenze tra...
continua...
Miti napoletani di oggi.75 IL PRESEPE   di Sergio Zazzera   Se torno, ancora una volta, sul tema del Presepe, ciò è dovuto, essenzialmente, alla...
continua...
COLPISCI  IL  TUO  CUORE, di Amélie Nothomb   di Luigi Alviggi   Profondo e toccante questo romanzo, decisamente una rassegna di personaggi esulanti...
continua...
Spigolature   di Luciano Scateni   Ma Vespa non è poi così insostituibile Parla a vanvera chi della Rai ha percezione, dal divano di casa,...
continua...
E' in libreria “UN PERCHÉ AL GIORNO TOGLIE LA NOIA DI TORNO” di Luciano Scateni contributi di Pino Imperatore e Lucio Rufolo Disegni  di Luciano...
continua...
PREMIO SALVATORE CERINO  
continua...
Juan José Arreola, BESTIARIO   di Luigi Alviggi     Un prologo violento, mezza paginetta, pare voler mandare a gambe all’aria l’intero genere umano e...
continua...
MUTAVERSO TEATRO   Lunedì 26 novembre 2018, alle ore 11,00, nella Sala del Gonfalone del Comune di Salerno, si terrà la conferenza stampa di...
continua...

“UNA FAMIGLIA QUASI PERFETTA”

 

di Sergio Zazzera

 

Nella fase del teatro napoletano, comunemente definita del “dopo-Eduardo”, Carlo Buccirosso occupa, in maniera indiscutibile, un posto di primo piano. Ed è in corso di rappresentazione, ora, al teatro Diana, Una famiglia quasi perfetta, la sua commedia, da lui stesso recitata, insieme con Rosalia Porcaro e Davide Marotta, affiancati da Tilde De Spirito, Giordano Bassetti, Peppe Miale, Gino Monteleone e Fiorella Zurlo, che si replica fino all’11 gennaio prossimo.

Il testo, che ruota intorno al tema del rapporto tra famiglia naturale e famiglia adottiva, non è parso, purtroppo, all’altezza dei precedenti lavori dell’autore. In primo luogo, infatti, l’intuizione posta alla base di esso – quella, cioè, della mancanza di “buon senso” nella legislazione italiana, che costituisce, malauguratamente, una realtà – finisce per perdersi in un mare di problemi e di questioni, che Buccirosso pone sul tappeto, senza peraltro proporre neanche una sola soluzione. Tutto ciò finisce per rendere la commedia funzionale esclusivamente alle battute umoristiche, equamente distribuite fra tutti i personaggi, conferendole piuttosto una connotazione farsesca, vero e proprio passo indietro per il teatro napoletano, che anche con lo stesso Buccirosso dei lavori precedenti era riuscito, finalmente, a liberarsene.

Un altro serio limite, però, del testo è costituito dal fatto che il personaggio di Peppino sia stato costruito, in maniera fin troppo evidente, per l’interpretazione del bravissimo Davide Marotta (sicuramente il migliore sulla scena); né si potrebbe ipotizzare, per il futuro, l’affidamento della sua interpretazione a un bambino: non sarebbe la stessa cosa.

(Gennaio 2015)

BilerChildrenLeg og SpilAutobranchen