NEWS

Villa Patrizi e S. Stefano   di Antonio La Gala   Fra le due aree collinari contigue, di Posillipo e del Vomero, possiamo individuare una zona di...
continua...
Annella, un’anomalia del Seicento.   di Antonio La Gala   Un tratto dell’antica “via per colles”, che in epoca romana congiungeva l’area flegrea con...
continua...
Tra arte e natura. Sabato a Castel Gandolfo   di Luigi Rezzuti   Anche se con notevole ritardo, ho saputo di poter visitare Castel Gandolfo, partendo...
continua...
Per Caterina De Simone Quando un poeta muore   di Marisa Pumpo Pica   Quando un nostro amico o un socio del Centro culturale Cosmopolis, vola...
continua...
Andiamo a Teatro a cura di Marisa Pumpo Pica   Gli Ipocriti AL TEATRO DIANA     Al teatro Diana, da mercoledì 27 aprile, “Gli Ipocriti” presenta...
continua...
Miti napoletani di oggi.64 LA “CITTA' IMPERMEABILE”   di Sergio Zazzera   Walter Benjamin elaborò per Napoli la definizione di «città porosa», nel...
continua...
Calciomercato invernale 2016   di Luigi Rezzuti   Si è concluso, da appena un mese, il girone di andata del campionato italiano di calcio ed è subito...
continua...
LA JUVE VINCE LO SCUDETTO IL NAPOLI VINCE LO SCUDETTO DELL’ONESTA’   di Luigi Rezzuti   Pensavamo che calciopoli fosse davvero finita, invece sotto...
continua...
Rock Events presenta: Emilio Rez Special Live Show 2017 NONSOLOCAFFÈ RELOAD di TORRE ANNUNZIATA   di Nicola Garofano   Continua, con grande...
continua...
Sotto le stelle della D’Ovidio Nicolardi   di Annamaria Riccio   A dicembre si è compiuta la manifestazione finale del progetto “Uniti sotto le...
continua...

AMBIENTE

ANTICICLONE RUSSO - SIBERIANO

 

di Luigi Rezzuti

 

Nel tempo le condizioni atmosferiche sono andate profondamente mutando. Negli ultimi anni, infatti, abbiamo visto molte volte piogge torrenziali, allagamenti, straripamenti di fiumi, forti venti, temperature in diminuzione, mareggiate, trombe d’aria e quant’altro.

L’Anticiclone russo-siberiano ha generato il famigerato “grande gelo” sull’Europa e sul Mediterraneo producendo, così, profonde modifiche climatiche.

I meteorologi prevedono, per il primo trimestre 2015, freddo molto più intenso rispetto alla norma, abbondanti piogge, nevicate fino a quote medio - basse e anche anticicloni molto forti.

Le precipitazioni saranno, dunque, abbondanti e le temperature faranno registrare cali repentini, soprattutto sul Mediterraneo.

Il mese di gennaio ha visto il transito di perturbazioni atlantiche,  specie nella seconda decade.

Nella seconda metà del mese si sono succedute varie masse d’aria artiche.

Nella terza decade c’è stato un rallentamento del vortice polare su gran parte dell’Italia, mentre durante l’ultima parte del mese la neve è caduta anche sull’Appennino centro - settentrionale e a quote collinari e di conseguenza le temperature sono state inferiori alla media.

Il mese di febbraio potrebbe risultare piuttosto anomalo specie al centro-sud, con abbondanti piogge che interesseranno il sud nella prima parte del mese e non sono da escludersi forti ondate di gelo soprattutto sull’Europa.

Le irruzioni fredde sull’Italia potranno risultare intense, tuttavia non dovrebbero essere molto frequenti.

Nevicate abbondanti sulle Alpi e sull'Appennino centro-meridionale fino a quote molto basse.

(Febbraio 2015)

BilerChildrenLeg og SpilAutobranchen