NEWS

Riceviamo e volentieri pubblichiamo Quando a Napoli cadevano le bombe   Lo spettacolo “Quando a Napoli cadevano le bombe”, ideato, scritto e diretto...
continua...
Il mercato calcistico del Napoli per gennaio   di Luigi Rezzuti   Il mercato calcistico di gennaio, chiamato anche mercato di riparazione,  si è...
continua...
I PONTI DEL 2019   di Ilaria Rezzuti   Un nuovo anno è arrivato e vogliamo divertirci a suggerire ai lettori de “ILVOMERESE” qualche accattivante...
continua...
“I De Filippo, il mestiere in scena”. Anteprima mondiale a Napoli.   di Luciana Alboreto   Le storiche sale di Castel dell’Ovo, accolgono dal 28...
continua...
SI E’ CONCLUSO IL GIRONE D’ANDATA DEL CAMPIONATO DI CALCIO   di Luigi Rezzuti   Ad aggiudicarsi il girone d’andata è stata, come da previsioni, la...
continua...
BOCCA   DI   PIETRA, di   Maria  Cristina  Alfieri   di Luigi Alviggi   Opera d’esordio nel campo letterario dell’Autrice (Milano, 1968) -...
continua...
  Miti napoletani di oggi. 55 IL NUOVO SIMBOLISMO NATALIZIO   di Sergio Zazzera   Sono molte, al mondo, le città che anelano a “toccare il cielo”:...
continua...
Spigolature   di Luciano Scateni   L’ottimismo si chiama Apple Indossa il giacchino blu di metalmeccanico, stinto dalla fatica, sbiadita la scritta...
continua...
MARISA  PAPA  RUGGIERO, JOCHANAAN   Martedì, 11 aprile, alle ore 17, presentazione del poemetto "Jochanaan",  di Marisa  Papa  Ruggiero, edito da...
continua...
IL MUGNAIO   di Luigi Rezzuti   Due fratelli, due scugnizzi napoletani, di quelli D.O.C., si erano trasferiti, insieme alle loro famiglie, in un...
continua...

CHIUSO IL CALCIO MERCATO     

                  

di Luigi Rezzuti

 

Come avevamo pronosticato nel precedente articolo sul calcio mercato di gennaio 2015, in tutto quel lungo elenco di nomi di calciatori e trattative con varie società calcistiche italiane e straniere, il d.s. Riccardo Bigon ha concluso il primo acquisto di un calciatore, che non compariva nell’elenco: Manolo Gabbiadini dalla Sampdoria.

Un giovane giocatore, il cui profilo coincide con gli obiettivi del presidente, Aurelio De Laurentiis.

Gabbiadini è un giovane talentuoso di appena 23 anni, finora in comproprietà tra la Sampdoria e la Juventus, che può ricoprire più ruoli: attaccante, laterale sinistro, destro e centrocampista già in orbita della nazionale di Conte.

Acquistato interamente dal Calcio Napoli per una cifra di circa 13 milioni di euro, da dividersi tra i due proprietari del cartellino.

Un tifoso sampdoriano gli ha chiesto: “ Ora bisogna tifare un po’ anche per il Napoli?” Gabbiadini con un filo di imbarazzo ha allargato le braccia come a dire: “Questo è il calcio moderno”.

Il secondo acquisto è stato Ivan Strinic, terzino croato in scadenza  al 31 gennaio 2014 col Dinipro, anch’egli già nazionale, ha firmato un contratto con il Napoli fino al 2019 per oltre un milione e mezzo di euro l’anno.

Appena giunto a Castelvolturno per le visite mediche, superate a pieni voti, ha dichiarato : “Ho tanta voglia di cimentarmi nel campionato italiano e fiondarmi su quella fascia sinistra, per ora gestita da un altro nazionale, l’algerino Ghoulam”.

Per tradizione la sessione invernale del calcio mercato è sempre stata animata da tantissime trattative ma alla fine c’è stato solo qualche scambio e pochissimo contante.

Quest’anno, invece, stando ai trasferimenti andati in porto, abbiamo assistito a una inversione di tendenza.

In questo mercato la parte del leone spetta al Calcio Napoli, con gli acquisti di Gabbiadini, Strinic, seguito dal Milan per l’ingaggio di Cerci dell’Atletico Madrid e il passaggio di Torres, sempre all’Atletico Madrid.

Altre trattative di un certo spessore sono state Pinilla all’Atlanta, Lila al Parma, Leandro Greco al Verona, Lukas Padolski, Correya e Shaqiri all’Inter, Gonzales, Brkic, Husbaner e Cop al Cagliari, Lorrondo al Chievo Verona, Diamanti alla Fiorentina, Costa al Genoa, Cerci al Milan, Mendez alla Roma, Manfredini al Sassuolo e Muriel all’Udinese.

E’ mancato, però, il colpo col botto di fine mercato ma è stato senz’altro un mercato abbastanza interessante.

(Febbraio 2015)

BilerChildrenLeg og SpilAutobranchen