NEWS

Il Leicester vince il campionato di calcio inglese   di Luigi Rezzuti   In un campionato di calcio pulito, come quello inglese, può vincere anche una...
continua...
RITROVARSI  A  PARIGI di   Gaito  Gazdanov   Di Luigi Alviggi   Gaito Gazdanov (San Pietroburgo, 1903 – 1971), figlio di un guardaboschi, nel 1920...
continua...
Miti napoletani di oggi.52 IL “CUOPPO”   di Sergio Zazzera   In senso proprio, a Napoli il cuóppo è il cartoccio a forma di cono capovolto; in...
continua...
SANITA’ Eppur si muove…   di Loredana Pica   Eppur si muove… qualcosa a Napoli, una città spesso in bilico tra lentezze burocratiche e una tendenziale...
continua...
4 e 7 Luglio due appuntamenti da non perdere da IOCISTO, la libreria di tutti, con Silvio Perrella e Marco Cuomo.   Due appuntamenti da non perdere da...
continua...
Miti napoletani di oggi.66 L’EDITORE   di Sergio Zazzera   L’Enciclopedia Treccani definisce “editore” «chi esercita l’industria della produzione e...
continua...
E’ ARRIVATA LA PRIMAVERA   di Luigi Rezzuti   La primavera ha inizio il 21 marzo per finire il 21 giugno. Dopo il maltempo arriva la nuova stagione....
continua...
Caccia al tesoro   di Luigi Rezzuti   A chi non è mai capitato di non ricordare dove si è conservato un oggetto a cui si è particolarmente...
continua...
Annella, un’anomalia del Seicento.   di Antonio La Gala   Un tratto dell’antica “via per colles”, che in epoca romana congiungeva l’area flegrea con...
continua...
Napoli e Totò nel cuore della Nicolardi   di Annamaria Riccio   Come ormai è consuetudine, anche quest’anno si è svolta la manifestazione di fine...
continua...

Dove  abita  il  “bello”?

 

di Mariacarla Rubinacci

 

 

Apro il giornale. Ogni mattina è un rito per farmi sentire nel mondo, oggi giorno così globalmente intorno a noi da soffocarci.

Come un fumo acre, i titoli in grassetto denuncianti atrocità, corruzione, malaffare e politica esasperata, rendono affannoso il respiro.

Accendo la radio, che di ora in ora informa sugli accadimenti e intrattiene con interviste e commenti: anche qui l’ascolto diventa faticoso, le parole si snocciolano come chicchi d’uva marciti, buoni solo per il bidone della spazzatura.

Un’ora del pomeriggio da trascorrere in riposo, dopo le faccende di casa, davanti alla tv, viene invasa dalle cronache di madri che presumibilmente hanno ucciso il proprio figlio; da silenzi equivoci di preti che tacciono eventuali fatti, non proprio consoni alla veste che li contraddistingue; dalla triste e lunga storia dei nostri militari, presunti colpevoli di non aver assolto al loro dovere preposto alla difesa di azioni piratesche; da scene orrende alla vista di bambini che imbracciano, come fossero ormai i loro giocattoli, armi puntate alla testa di coloro che faranno morire o di bambine rapite e vendute come schiave della perversione.

I quotidiani, la radio e la tv mettono giustamente tutto sotto accusa, secondo la democratica libertà di informazione e, attraverso processi salottieri, in diretta, coinvolgono l’opinione di chi ascolta come se ogni salotto fosse la tribuna dei giurati.

E’ uno sforzo continuo rimanere lucidi al pensiero che ogni momento della vita che stiamo svolgendo sia solo imbrattato di brutture e meschinità.

Mi chiedo: “Dove abita il “bello”?

Non c’è più posto per la speranza? Le stanze della serenità sono desolatamente spoglie?. Il “bello” ha traslocato. Dove?”

È là dove schiere di volontari operano al posto dello Stato assente, offrendo le loro mani a quella parte di società sofferente, bisognosa anche di tutto.

È là dove giovani, attenti all’ambiente, si prodigano attraverso la loro moderna preparazione a salvaguardarne il futuro, che già non è più il loro, bensì dei tanti bambini, che mamme fiduciose vogliono ancora consegnare alla vita che verrà.

Sono, però, pochi gli spazi concessi alle cronache di quel “bello” che opera in silenzio. Documentari sporadici si sforzano di mettere in evidenza la creatività di una generazione che, malgrado tutto, esiste e si adopera affinché il mondo non sia solo oberato da brutture. Attraverso questa mia umile considerazione, desidero ringraziare l’afflato di vita che contraddistingue tanti dei nostri giovani, i quali, figli del mondo, credono ancora nel futuro che potrà essere per loro e…perché no?...anche per noi che già viviamo di solo passato, meno pesante da vivere.

(Febbraio 2015)

BilerChildrenLeg og SpilAutobranchen