NEWS

Miti napoletani di oggi.59 LE INAUGURAZIONI   di Sergio Zazzera   28 marzo 2011: al Vomero, in località Cacciottoli, si svolge, con grande...
continua...
UN VIAGGIO DI ALTRI TEMPI   di Luigi Rezzuti   Un mendicante, tutte le sere se ne andava a dormire nella stazione centrale di piazza Garibaldi a...
continua...
STORIE DI CERAMICA     (Giugno 2018)
continua...
Andiamo a Teatro   a cura di Marisa Pumpo Pica   Esilio II Stagione Mutaverso Teatro   Venerdì, 17 marzo, all’Auditorium del Centro Sociale di...
continua...
Cetara al simposio internazionale in Giappone   di Claudia Bonasi     Cetara partecipa, da protagonista, in Giappone, al simposio internazionale “La...
continua...
  Miti napoletani di oggi. 55 IL NUOVO SIMBOLISMO NATALIZIO   di Sergio Zazzera   Sono molte, al mondo, le città che anelano a “toccare il cielo”:...
continua...
NAPOLETANA - Arte turca al CAM   Dal 18 novembre 2017 alle ore 18.00 presso il museo CAM si terrà Napoletana, a cura di Kani Kaya, mostra di 37...
continua...
NATALE A NAPOLI   di Luigi Rezzuti   Natale è alle porte e,  come ogni anno, si pone il dilemma: albero di Natale, con i suoi lampioncini, i nastri,...
continua...
Il governo migliore è la speranza   di Annamaria Riccio   Affidiamo i nostri desideri agli eventi del futuro. Viviamo pensando che il dopo sarà la...
continua...
EDICOLE VOTIVE DI NAPOLI   di Luigi Rezzuti   Passeggiando per le strade di Napoli, è possibile contare un vasto numero di “altarini”. Le edicole...
continua...

LA NAPOLI CHE NON VOGLIAMO

 

di Annamaria Riccio

 

Qualche giorno fa, alla ribalta della cronaca, la notizia di un legame tra terrorismo e camorra

Crimine chiama crimine. La delinquenza, quella più radicata, infiltrata nelle maglie del tessuto sociale, si allarga e si connette,  mediante la rete internazionale, a cellule terroristiche che fanno ancor più rabbrividire della malavita nostrana. Questo, proprio non ce l’aspettavamo, ma c’è chi non si meraviglia più di tanto, consapevole che i legami illegali sono sempre esistiti dal momento che Napoli è un importante incrocio delle varie etnie. Ed è così che la nostra città diventa centro di smistamento per la produzione di documenti falsi per appartenenti a gruppi islamici ai quali viene assicurata una nuova identità, che serve a mimetizzarli nei paesi occidentali. Il nucleo attorno al quale ruota questa cooperazione può essere una moschea, il consolato algerino che risiede a Napoli, la miriade di extracomunitari che si insinuano nell’interland partenopeo, estendendosi verso la periferia. Ma quel che fa più discutere è che questi documenti sono su tessere originali perché ottenute da persone insospettabili, ma facilmente corruttibili. Ed è così che Napoli passa dalla camorra alla Jihad.

Richard Lynn, noto psicologo britannico, studioso e provocatore, definisce i meridionali meno intelligenti dei settentrionali: questo a causa dell’incrocio con i popoli africani che ritiene scarsamente dotati. E qui si sbaglia. I meridionali, in particolare i Napoletani, per le condizioni geografiche, storiche, sociali, sono fortemente stimolati a trovare strategie di sopravvivenza che, ahimè, talvolta hanno esiti negativi. Sono quindi creativi, intelligenti e pronti a farsi strada, quando le condizioni sociali lo consentono, esaltando le doti innate. Sarebbe questa la giusta meta per far convergere le grandi potenzialità. E’ questa la Napoli che vorrei. Ho i brividi al pensiero di un’associazione con crudeli assassini, assetati di sangue. Spero, invece, che la grande astuzia e sensibilità di questo popolo sia la chiave per stanare iniziative di sangue, quali quelle cui stiamo tristemente assistendo, e non un lasciapassare per altre terribili, raccapriccianti azioni, finalizzate solo all’espressione della crudeltà umana.

(Febbraio 2015)

BilerChildrenLeg og SpilAutobranchen