NEWS

Credenze napoletane (1) Riti e superstizioni   di Alfredo Imperatore   Se c’è una credenza che accomuna tutte le persone, nei vari angoli della...
continua...
Il Papa prega per i giornalisti   di Luciana Alboreto   6 maggio 2020: dalla Cappella di Santa Marta giunge la preghiera del Pontefice ai...
continua...
All’asilo dalle suore   di Luigi Rezzuti   Ogni volta che Enrico si trovava davanti a quel muro scrostato, non poteva fare a meno di fermarsi e...
continua...
Parlanno ‘e poesia 10   di Romano Rizzo   Giuseppe Cangiano ( 1913/ 1987 )  Giuseppe Cangiano è uno dei tanti, troppi poeti della Napoli di un tempo,...
continua...
Le lettere di Sua Maestà   di Antonio La Gala   La corrispondenza che Ferdinando I Borbone  indirizzava alla seconda moglie, Lucia Migliaccio,...
continua...
Spigolature   di Luciano Scateni   Audience tv: tutto si fa per te Ma datevi una regolata. Il potere di condurre talk show, seguiti da qualche...
continua...
CARMINE COLELLA ALL'ASSOCIAZIONE LUCANA     La conferenza verterà su Francesco Mauro, illustre lucano di Calvello (Potenza), di cui si era persa...
continua...
MOSTRA  “PARADISO E RITORNO”  DI CLARA REZZUTI AL PAN DAL 4 AL 21 MAGGIO 2017   Giovedì 4 maggio nel Loft del Pan (Palazzo delle Arti di Napoli) alle...
continua...
La scatola di latta   di Bernardina Moriconi   Guardavo stamattina una scatola di latta che, fino ad ieri, conteneva biscotti e ora è in attesa di...
continua...
I “Colloqui di Salerno” 2016   di Claudia Bonasi   Si terrà martedì 18 ottobre, alle ore 11, nella Sala Giunta del Comune di Salerno, la conferenza...
continua...

IL MONDO CAMMINA

 

di Mariacarla Rubinacci

 

Il mondo è sempre stato in cammino: popoli migranti, famiglie emigranti, esodi di masse in fuga, stranieri in cerca di patria per non sentirsi più tali, carovane forzate, fughe dalle guerre, clandestini.

Queste le tessere che compongono il mosaico del cammino, delle radici strappate, del futuro da ricostruire, della ricerca di vita dove la morte falcia le speranze.

Si ode la voce che arriva con il vento che si solleva: “vado…andiamo…parto..”…

E allora ecco apparire i diritti violati, ecco la ricerca di riconoscimento umano, ecco la pelle che si mescola ad altra pelle. E’ una schiera di burattini manovrati da fili criminali, che recita una storia che nessuno vorrebbe mai vedere, ma che è lì, sulla scena del mondo in movimento.

All’orizzonte di un mare senza colpe le carrette del mare traboccano di disperati, le onde inghiottono corpi stanchi, aggrappati a gommoni sgonfi, containers bui e soffocanti nascondono occhi impauriti, doppi fondi di pesanti tir, che arrancano verso un confine, trasportano clandestini con il solo documento dove è scritto: “speranza”.

Il mondo cammina e ogni passo è marcato dalla sua orma, dove affondano i corpi di molti disgraziati, morti prima di vedere la meta della nuova vita.

L’occidente inghiotte l’oriente, il più prossimo, il più lontano che siano. È la miscela di razze che ha scritto le pagine bibliche, che approda sulle coste di Lampedusa, che valica frontiere, alte come muri di cemento.

Il mondo cammina, instancabilmente, come eterno è il movimento cosmico del pianeta. Il suo colore azzurro si macchia del rosso del sangue, versato per la speranza di chi non arriva, si stria del nero della pelle di giovani, bramosi di vita, si tinge del giallo di frotte, trasportate come schiavi dello sfruttamento criminale, risuona di vagiti innocenti di chi nasce dagli stupri di massa, si riscalda con la fiamma di falò, accesi lungo i cigli delle strade, che illuminano gambe velate di calze a rete.

E con il suo procedere travolge anche noi che non soffriamo, che abbiamo davanti una strada pulita, che crediamo di essere immuni dal pericolo del dolore, che guardiamo in tv le immagini della povertà e diciamo: “poverini”, che ci indigniamo di sentirci implorare: “ mama, una moneta…” , che crediamo sia lontano quel mondo che non ci appartiene.

Ma il mondo cammina e con lui camminiamo tutti.

(Marzo 2015)

BilerChildrenLeg og SpilAutobranchen