NEWS

IL MUGNAIO   di Luigi Rezzuti   Due fratelli, due scugnizzi napoletani, di quelli D.O.C., si erano trasferiti, insieme alle loro famiglie, in un...
continua...
Illustri illustratori: i Matania   di Antonio La Gala   Càpita spesso di incontrare, fra gli artisti figurativi napoletani, vere dinastie. Fra i...
continua...
Miti napoletani contemporanei.65 “SUPER-NAPOLI”   di Sergio Zazzera   Qualche tempo fa ho parlato del “mito-Napoli”; come se non bastasse, ora il...
continua...
UN GIORNO AL MARE   di Luigi Rezzuti   L’intenzione era di trascorrere una giornata al mare, ma dopo tre ore,  bloccati in mezzo al traffico e...
continua...
CARMINE COLELLA ALL'ASSOCIAZIONE LUCANA     La conferenza verterà su Francesco Mauro, illustre lucano di Calvello (Potenza), di cui si era persa...
continua...
La caduta del Forte di Vigliena   di Antonio La Gala     Uno degli episodi militari che portarono alla caduta della Repubblica Partenopea del 1799,...
continua...
Il governo migliore è la speranza   di Annamaria Riccio   Affidiamo i nostri desideri agli eventi del futuro. Viviamo pensando che il dopo sarà la...
continua...
LA SCOPERTA DELLA GROTTA AZZURA di August Kopisch   di Luigi Alviggi   Nell’estate del 1826, August Kopisch e l’amico Ernst Fries sbarcano per la...
continua...
Miti napoletani di oggi.44 Labirinto napoletano   di Sergio Zazzera   Il mito classico del labirinto è noto a tutti: l’assatanata Pasifae si lascia...
continua...
Dario Rezzuti, un pittore schivo e solitario   Dario Rezzuti è naro a Napoli nel 1957. Vive e lavora a Tito (PZ). Discende da una famiglia di artisti....
continua...

NAPOLI COLABRODO: DISSESTI  BUCHE VORAGINI E CANTIERI

 

di Luigi Rezzuti

 

Sempre disastrosa la situazione delle strade di Napoli, con dissesti, voragini e quant’altro, che mietono centinaia di vittime.

Danni enormi per i cittadini e per le casse pubbliche per le numerose sentenze che condannano al pagamento, non solo dai danni ma anche delle spese legali.

Migliaia di euro risarciti alle vittime, soldi che avrebbero potuto essere investiti per il rifacimento delle strade e non ricorrendo a soluzioni temporanee che ripropongono, dopo poco tempo, gli stessi problemi.

I cittadini, intanto, continuano a segnalare altri dissesti, buche ed avvallamentim verificatisi in numerose strade e piazze.

Vittime non solo i pedoni ma anche gli automobilisti ed i motociclisti, specialmente in quartieri come il Vomero e l’Arenella.

Intanto è transennato, per un ennesimo avvallamento, un tratto di marciapiede di via Tino da Camaino, con grave impedimento per il transito pedonale.

Sotto la gruviera dei sanpietrini si intravede il vuoto. La pioggia, poi, cadendo copiosa sulle strade già precarie, ha creato altri sprofondamenti.

A tutto questo, e sempre a causa della pioggia che è precipitata sulle strade cittadine, si aggiunga il fatto che viale Colli Aminei improvvisamente si è spaccata al centro della carreggiata. Il giorno dopo la crepa era maggiormente accentuata e si è aperta  una voragine molto profonda sul lato sinistro della strada.

A causa della voragine e della crepa, per motivi di sicurezza, la strada è stata chiusa al traffico in entrambe le direzioni di marcia e la circolazione veicolare, autobus compresi, è stata deviata in zona Pineta, con notevoli disagi per tutti.

Infine il grido degli abitanti e commercianti di piazza Leonardo “Ridateci la nostra piazza”.

Tre cantieri a cielo aperto in piazza Leonardo, dove la pioggia va infiltrandosi  in queste tre buche. L’assessore, Mariano Peluso, consigliere M5s della V municipalità denuncia: “Questo è stato uno dei motivi per cui la metropolitana non potè realizzare qui una delle stazioni. Si preferì, invece, dislocarla in via Salvator Rosa. E forse nemmeno i permessi per la costruzione dei parcheggi si sarebbero dovuti concedere. A niente è servita la manifestazione degli abitanti e commercianti della zona. Allora – continua Mariano Peluso – si muova il sindaco Luigi De Magistris, che aveva promesso che non ci sarebbero stati altri parcheggi, dopo quello di piazza Muzi. Egli è l’unica perso:na che può sanare questa pericolosa situazione:  sotto piazza Leonardo c’è il vuoto”.

Il comune deve porre subito rimedio. I cittadini sono stanchi.

(Marzo 2015)

BilerChildrenLeg og SpilAutobranchen