NEWS

SALUTE E BENESSERE  Con Iasa a lezione di stile di vita sano tra alimentazione corretta e sport   di Claudia Bonasi   Continuano gli appuntamenti...
continua...
Spigolature   di Luciano Scateni   Spetta a Greta il Nobel per l’ambiente È noto soprattutto a chi teme per il futuro della Terra, messo in forse...
continua...
Miti napoletani di oggi.66 L’EDITORE   di Sergio Zazzera   L’Enciclopedia Treccani definisce “editore” «chi esercita l’industria della produzione e...
continua...
Miti napoletani di oggi.69 FANTASMI   di Sergio Zazzera   Sarò un illuso, ma credevo che, almeno ai giorni nostri, il mito del fantasma fosse...
continua...
Il Natale napoletano   di Luigi Rezzuti   Il Natale a Napoli è qualcosa di assolutamente unico rispetto alle altre città, sia dell’Italia che...
continua...
La scatola di latta   di Bernardina Moriconi   Guardavo stamattina una scatola di latta che, fino ad ieri, conteneva biscotti e ora è in attesa di...
continua...
Annella, un’anomalia del Seicento.   di Antonio La Gala   Un tratto dell’antica “via per colles”, che in epoca romana congiungeva l’area flegrea con...
continua...
LE FORME DELLA POESIA   Da “Il tempo del vino e delle rose” riceviamo e siamo lieti di pubblicare gli eventi della settimana: 4 maggio ore 18.30:...
continua...
Luca Postiglione. La vita come un sogno dorato   di Antonio La Gala   Luca Postiglione (1876-1936) fu un artista - pittore e poeta - attivo nei...
continua...
UN’ESCURSIONE SUL VESUVIO   di Luigi Rezzuti   Fin da bambino mi ha intrigato questa montagna che fa da sfondo al golfo di Napoli. Ricordo che, da...
continua...

NAPOLI COLABRODO: DISSESTI  BUCHE VORAGINI E CANTIERI

 

di Luigi Rezzuti

 

Sempre disastrosa la situazione delle strade di Napoli, con dissesti, voragini e quant’altro, che mietono centinaia di vittime.

Danni enormi per i cittadini e per le casse pubbliche per le numerose sentenze che condannano al pagamento, non solo dai danni ma anche delle spese legali.

Migliaia di euro risarciti alle vittime, soldi che avrebbero potuto essere investiti per il rifacimento delle strade e non ricorrendo a soluzioni temporanee che ripropongono, dopo poco tempo, gli stessi problemi.

I cittadini, intanto, continuano a segnalare altri dissesti, buche ed avvallamentim verificatisi in numerose strade e piazze.

Vittime non solo i pedoni ma anche gli automobilisti ed i motociclisti, specialmente in quartieri come il Vomero e l’Arenella.

Intanto è transennato, per un ennesimo avvallamento, un tratto di marciapiede di via Tino da Camaino, con grave impedimento per il transito pedonale.

Sotto la gruviera dei sanpietrini si intravede il vuoto. La pioggia, poi, cadendo copiosa sulle strade già precarie, ha creato altri sprofondamenti.

A tutto questo, e sempre a causa della pioggia che è precipitata sulle strade cittadine, si aggiunga il fatto che viale Colli Aminei improvvisamente si è spaccata al centro della carreggiata. Il giorno dopo la crepa era maggiormente accentuata e si è aperta  una voragine molto profonda sul lato sinistro della strada.

A causa della voragine e della crepa, per motivi di sicurezza, la strada è stata chiusa al traffico in entrambe le direzioni di marcia e la circolazione veicolare, autobus compresi, è stata deviata in zona Pineta, con notevoli disagi per tutti.

Infine il grido degli abitanti e commercianti di piazza Leonardo “Ridateci la nostra piazza”.

Tre cantieri a cielo aperto in piazza Leonardo, dove la pioggia va infiltrandosi  in queste tre buche. L’assessore, Mariano Peluso, consigliere M5s della V municipalità denuncia: “Questo è stato uno dei motivi per cui la metropolitana non potè realizzare qui una delle stazioni. Si preferì, invece, dislocarla in via Salvator Rosa. E forse nemmeno i permessi per la costruzione dei parcheggi si sarebbero dovuti concedere. A niente è servita la manifestazione degli abitanti e commercianti della zona. Allora – continua Mariano Peluso – si muova il sindaco Luigi De Magistris, che aveva promesso che non ci sarebbero stati altri parcheggi, dopo quello di piazza Muzi. Egli è l’unica perso:na che può sanare questa pericolosa situazione:  sotto piazza Leonardo c’è il vuoto”.

Il comune deve porre subito rimedio. I cittadini sono stanchi.

(Marzo 2015)

BilerChildrenLeg og SpilAutobranchen