NEWS

ANDIAMO A TEATRO a cura di Marisa Pumpo Pica Pompeiana Baroque Ensemble in “...di tanti palpiti”   Di grande spessore ed interesse, all’interno del...
continua...
Ma a me, lei ci pensa ancora?   di Luigi Rezzuti   Francesco aveva quindici anni. Erano gli anni dei primi innamoramenti, amori teneri di un ragazzo...
continua...
La luce del mito   di Gabriella Pagnotta   I recenti avvenimenti, accaduti a Bardonecchia e a Mentone, hanno diviso l’opinione pubblica e hanno...
continua...
Luca Postiglione. La vita come un sogno dorato   di Antonio La Gala   Luca Postiglione (1876-1936) fu un artista - pittore e poeta - attivo nei...
continua...
BABBO NATALE   di Luigi Rezzuti   Era una notte fredda, una notte fredda e buia. Gigetto era accoccolato sul davanzale della finestra ad osservare...
continua...
L’ELEFANTE  E  LA  FORMICA, di  Eleonora  Bellini   di Luigi Alviggi     Questo lavoro rinnova la memoria su Mohandas Gandhi (1869–1948), il Mahatma...
continua...
Andiamo a teatro a cura di Marisa Pumpo Pica   Al Teatro Trianon Viviani di Napoli Zappatore Tiziana De Giacomo in scena con Francesco Merola - Regia...
continua...
PREMIO CONCETTA BARRA - ISOLA DI PROCIDA -TERZA EDIZIONE   A settembre 2016 si è tenuta la terza edizione del “Premio Concetta Barra – Isola di...
continua...
Parlanno ’e poesia 4 - Giovanni Boccacciari   di Romano Rizzo   Una fìgura di primo piano, nel panorama della poesia napoletana è stata, senza dubbio,...
continua...
Miti napoletani di oggi.44 Labirinto napoletano   di Sergio Zazzera   Il mito classico del labirinto è noto a tutti: l’assatanata Pasifae si lascia...
continua...

Miti napoletani di oggi.31

I “QUATTRO PALAZZI”

 

di Sergio Zazzera

 

Come Palermo ha i suoi “Quattro Canti” (e sia quelli “di città”, che quelli “di campagna”), così anche Napoli ha i suoi “Quattro Palazzi”: tal è, infatti, la denominazione popolare attribuita a piazza Nicola Amore, che fu realizzata in piena fase di “Risanamento” cittadino (anni 80 dell’’800), a metà strada del corso Umberto I (o “Rettifilo”, se più vi piace), e intitolata al sindaco che di quella operazione si fece paladino.

La realizzazione della linea 1 della Metropolitana ha imposto l’attraversamento sotterraneo della piazza, per collegare la stazione “Università” con quella “Garibaldi”, e l’apertura, sulla piazza stessa, della stazione “Duomo”. Senonché, durante l’esecuzione dei lavori, sono emersi resti della Napoli greco-romana, tra i quali quelli di una nave, che si è deciso di lasciare sul posto, per non danneggiarli. Ci si è posti, però, il problema di renderli visibili e la soluzione scelta – e, per fortuna, bocciata dalla competente Soprintendenza, sia pure a due anni di distanza dalla sua elaborazione – sarebbe stata connotata da caratteristiche mitiche; ma mi spiego.

La progettazione della soluzione è stata affidata all’“archistar” Massimiliano Fuksas, il quale – mito egli stesso – avrebbe inteso realizzare al centro della piazza un cupolone di acciaio e vetro, dell’altezza di ben sei metri, che avrebbe dovuto consentire di guardare dall’alto i reperti archeologici (nella foto il rendering). E qui si affaccia il mito: vorrei che qualcuno mi spiegasse chi mai potrebbe sentirsi spinto a raggiungere il centro della piazza, dribblando a ogni passo il traffico veicolare, per andare ad affacciarsi sul suo sottosuolo; senza dire che, per ottenere il risultato voluto, sarebbe stato sufficiente collocare nello stesso posto una copertura piana trasparente, alta soltanto qualche decina di centimetri. Nel frattempo, però, quella geniale soluzione urbanistica, costituita da un asse viario perfettamente rettilineo, che consente di vedere da ciascuna delle sue estremità quella opposta, sarebbe andata a farsi benedire.

(Marzo 2015)

BilerChildrenLeg og SpilAutobranchen