NEWS

Accucchià   di Alfredo Imperatore   Il verbo napoletano accucchià o accucchiare, pur derivando chiaramente dall’italiano accoppiare, composto da a...
continua...
GLI  SCAVI  DI  POMPEI   di Luigi Rezzuti La storia degli scavi archeologici di Pompei è iniziata nel 1748 per protrarsi fino ai giorni...
continua...
La caduta del Forte di Vigliena   di Antonio La Gala   Uno degli episodi militari che portarono alla caduta della Repubblica Partenopea del 1799, fu...
continua...
UN GIORNO AL MARE   di Luigi Rezzuti   L’intenzione era di trascorrere una giornata al mare, ma dopo tre ore,  bloccati in mezzo al traffico e...
continua...
IO E FRANCESCO   di ANNAMARIA RICCIO   A chi non è simpatico? Sentito parlare male del papa? Mai. Chiunque vorrebbe conoscerlo. Da quando si...
continua...
CHAMPIONS  LEAGUE “Le vie del Signore sono infinite”   di Luigi Rezzuti   Il Napoli guidato da Sarri è giudicato la migliore squadra che esprime...
continua...
BREVE TRATTATO SUL LECCHINO     Biblio-mediateca  ETHOS e NOMOS - Via Bernini 50 (scala B) – Napoli. Presentazione del libro di Antimo  Cesaro, BREVE...
continua...
Miti napoletani contemporanei.81 LETTERE AL DIRETTORE   di Sergio Zazzera   Una rubrica di “Lettere al direttore” è presente in ogni quotidiano e/o...
continua...
I PONTI DEL 2019   di Ilaria Rezzuti   Un nuovo anno è arrivato e vogliamo divertirci a suggerire ai lettori de “ILVOMERESE” qualche accattivante...
continua...
Miti napoletani di oggi.57 LA "CASA DI TONIA"   di Sergio Zazzera   Dal 2010, al civico n. 12-g di via Santa Maria degli Angeli alle Croci, a...
continua...

ANCORA  VIOLENZA

 

di Annamaria Riccio

 

Questa volta la barbarie si è abbattuta su un giovane ternano, un ragazzo come tanti o forse come pochi, serio, perbene, uno che potrebbe essere nostro figlio… David Raggi ha avuto l’unica colpa di trovarsi lì, di fronte all’uomo che ha dato sfogo alla sua furia selvaggia, colpendolo con una bottiglia rotta, capitato davanti a un bar dove l’assassino aveva subìto il rifiuto di una birra perché già fortemente alticcio.

L’uomo, un ventinovenne di nazionalità marocchina, non era sconosciuto alle forze dell’ordine in quanto, a seguito di reati commessi negli anni precedenti, era stato estradato nel suo paese, lo scorso anno. Nonostante ciò si è imbarcato nuovamente alla volta di Lampedusa, confondendosi tra i suoi connazionali e, una volta giunto, ha chiesto asilo. Era quindi in attesa di risposta e, nel frattempo, aveva ritenuto di poter  uscire dai canoni della civiltà, ubriacandosi, con le tristi conseguenze che conosciamo.

David era stato volontario della Croce Rossa e chissà quanti come lui sono sistematicamente impegnati nel soccorso a coloro che, copiosi. arrivano dalle coste del Mediterraneo. Questa è l’accoglienza mal ripagata. È la risposta alla disponibilità del popolo italiano verso gli stranieri,  con furti, omicidi, stupri e quant’altro…. Una notizia così fa male, sconvolge sempre, anche quando l’omicida  è italiano. Ma fa rabbia sapere che questa gente, arrivata e aiutata nel nostro paese, ripaga con un efferato crimine la benevolenza di chi crede nei valori umani. Ed è ancor più triste riscontrare che questi individui tra qualche anno li vedremo circolare liberamente, magari  considerandoli vittime delle società!

Non aggiungo altri commenti. La carità cristiana sì, gli assassini in casa, no.

(Marzo 2015)

BilerChildrenLeg og SpilAutobranchen